Dall'Italia  Fri, 21 Feb 2020 23:49 Coronavirus, ecco il decalogo del ministero della Salute per prevenire il contagio - Coronavirus, ecco il decalogo del ministero della Salute per prevenire il contagio Dal lavarsi spesso le mani all’ evitare il contatto ravvicinato con persone che soffrono di infezioni respiratorie acute: le buone pratiche generali consigliate nel decalogo stilato dal ministero della salute - Ansa    Fri, 21 Feb 2020 23:38 «I compagni di squadra del 38enne dovranno restare in isolamento per 20 giorni» - «I compagni di squadra del 38enne dovranno restare in isolamento per 20 giorni» Stefano Cighetti presidente della squadra di calcio «Il Picchio» di Somaglia - Agtw    Fri, 21 Feb 2020 23:14 Coronavirus, Conte: «Ad oggi non è necessario sospendere Schengen» - Coronavirus, Conte: «Ad oggi non è necessario sospendere Schengen» Le parole del presidente del Consiglio da Bruxelles - Agenzia Vista/Alexander Jakhnagiev    Fri, 21 Feb 2020 23:04 Coronavirus, Speranza: «Nostro servizio sanitario è forte ma serve trasparenza da parte dei mass media» - Coronavirus, Speranza: «Nostro servizio sanitario è forte ma serve trasparenza da parte dei mass media» Il ministro della Salute in conferenza stampa a Milano in regione Lombardia - Ansa    Fri, 21 Feb 2020 20:46 Coronavirus, Speranza: "L'Italia è pronta, abbiamo piano" - Coronavirus, Speranza: "L'Italia è pronta, abbiamo piano" La conferenza stampa al Palazzo della Regione Lombardia - Agenzia Vista/Alexander Jakhnagiev    Fri, 21 Feb 2020 20:43 Coronavirus, Speranza: "Sospese tutte le attività nell'area colpita" - Coronavirus, Speranza: "Sospese tutte le attività nell'area colpita" La conferenza stampa a Milano - Agenzia Vista/Alexander Jakhnagiev    Fri, 21 Feb 2020 20:39 Coronavirus, Borrelli: «Individuate strutture per sorveglianza e isolamento» - Coronavirus, Borrelli: «Individuate strutture per sorveglianza e isolamento» Le dichiarazioni del capo della protezione civile in conferenza stampa a Palazzo Lombardia - Ansa    Fri, 21 Feb 2020 19:37 Coronavirus, dopo il caso a Lodi disposte nuove misure per la quarantena - Coronavirus, dopo il caso a Lodi disposte nuove misure per la quarantena Coronavirus gli ultimi sviluppi, l'infografica - Agenzia Vista/Alexander Jakhnagiev    Fri, 21 Feb 2020 18:54 Coronavirus, Conte: "Adottata nuova ordinanza, quarantena obbligatoria contatti" - Coronavirus, Conte: "Adottata nuova ordinanza, quarantena obbligatoria contatti" Le parole del presidente del Consiglio - Agenzia Vista/Alexander Jakhnagiev    Fri, 21 Feb 2020 18:54 Coronavirus, Ippolito: «Nuova fase con casi in Italia» - Coronavirus, Ippolito: «Nuova fase con casi in Italia» Il direttore dell'Istituto Nazionale per le Malattie Infettive Spallanzani di Roma a margine dei lavori della Task Force al Ministero della Salute - Ansa    Fri, 21 Feb 2020 18:53 Coronavirus, Conte: "Massima prudenza, fidatevi di indicazioni ministero della Salute" - Coronavirus, Conte: "Massima prudenza, fidatevi di indicazioni ministero della Salute" Le parole del presidente del Consiglio - Agenzia Vista/Alexander Jakhnagiev    Fri, 21 Feb 2020 18:51 Coronavirus, la farmacista di Codogno: «Sono alla ricerca di una mascherina anche per me» - Coronavirus, la farmacista di Codogno: «Sono alla ricerca di una mascherina anche per me» Parla la dottoressa della farmacia Navilli, presa d'assalto dai cittadini in cerca di mascherine e disinfettanti - Corriere Tv    Fri, 21 Feb 2020 18:51 Mattarella passeggia per i vicoli del Ghetto Ebraico di Roma con Ruth Dureghello - Mattarella passeggia per i vicoli del Ghetto Ebraico di Roma con Ruth Dureghello La visita del Presidente della Repubblica - Agenzia Vista/Alexander Jakhnagiev    Fri, 21 Feb 2020 18:50 Boccia: "Italia Viva non salga su un piedistallo che non c'è" - Boccia: "Italia Viva non salga su un piedistallo che non c'è" Così il Ministro per gli Affari Regionali e le Autonomie Francesco Boccia - Agenzia Vista/Alexander Jakhnagiev    Fri, 21 Feb 2020 18:48 Governo, Boccia: "Basta perdere tempo con ricatti e contrasti" - Governo, Boccia: "Basta perdere tempo con ricatti e contrasti" Così il Ministro per gli Affari Regionali e le Autonomie Francesco Boccia - Agenzia Vista/Alexander Jakhnagiev    
Artemisium News
03/10/2019
“L’ANTICO MONASTERO” Per un soggiorno familiare e confortevole nel paese più suggestivo della Daunia
di Antonio Castello

 

“…Da quel sito aereo larghissimo è l’orizzonte che gli si apre innanzi, e mirabile è la veduta di tanti e

sì vari campi, di tanti paesi e città. Quanti forestieri arrivano e salgono su questa vetta di monte, e guardano lungi, e da vicino ne restano presi e innamorati…”Così scriveva all’inizio del secolo scorso Lorenzo

Agnelli, in una cronaca su Sant’Agata di Puglia,paese della Daunia, considerato il più suggestivo della provincia di Foggia, dalla sommità del quale, a quasi ottocento metri di altitudine, è possibile ammirare

uno dei paesaggi più suggestivi dell’Appennino pugliese. Dal suo castello imperiale, simbolo

del paese, un tempo roccaforte di controllo militare sulla valle del torrente Calaggio ai tempi dei Longobardi

e dei Bizantini, per poi passare nell’XI secolo sotto il dominio dei Normanni e di quel Federico II che tanta parte avrebbe avuto sui destini dell’intera Regione, lo sguardo si perde lontano, verso lo sconfinato Tavoliere, fino al mare. Bandiera Arancione del Touring Club Italiano che lo certifica quale luogo di “qualità ambientale”, Sant’Agata vale una “visita slow”, senza fretta, per gustare i suoi angoli più riposti, le tante chiese, le vie strette (sufficienti un tempo al solo transito del somaro e del suo basto) e le caratteristiche abitazioni, addossate le une alle altre con i loro portali artistici. Nonostante le descrizioni del buon Lorenzo Agnelli però, fino a non molto tempo fa, i forestieri che salivano sulla vetta del monte per godere della sua immensa vista, rimanendone affascinati e innamorandosi di tanta bellezza, se volevano pernottarvi avrebbero dovuto trovare altri lidi. Lunga e faticosa è stata la battaglia per cercare di dotare il paese di una struttura alberghiera che potesse accogliere i tanti forestieri che dalla valle si inerpicano per le sue strette

stradine, per respirare quella brezza costante che spira anche nelle giornate più calde dell’estate, vivere

quell’intimità familiare che fuoriesce da ogni abitazione, godere delle bellezze artistiche ed architettoniche

lasciate da oltre duemila anni di storia, gustare quella gastronomia genuina che sa di terra, perché i prodotti che la compongono è da essa che derivano. Una battaglia difficile che nel tempo ha impegnato diverse amministrazioni comunali, ma che alla fine ha dato un eccellente risultato: il restauro e la conversione di un ex monastero dei verginiani. Prima in albergo, oggi in B&B. Completamente restaurata, laddove sorgeva il vecchio albergo “La Cisterna” (dal nome di un manufatto che 92 TURISMO all’aria aperta Gli itinerari Gustosi ancora si erge al centro di un cortile interno), la struttura che nel frattempo ha cambiato nome, assumendo quella de “L’Antico Monastero”, è stata completamente restaurata nel 2017 con i più avanzati criteri energetici e dotata di ogni comfort. L’arredamento che la nuova proprietà ha scelto per gli interni è in stile “shabby chic”, per l’aspetto invecchiato e usurato che denotano i mobili, ma assolutamente nuovi e funzionali. Le stanze sono complessivamente sei ed ognuna ha il nome di unluogo particolare di Sant’Agata. La location oltreché suggestiva, è soprattutto confortevole e ben curata, gestita con grande familiarità, grazie anche alla disponibilità, gentilezza e professionalità della sig.ra Carmela Di Mauro, una guida turistica

che al suo lavoro abituale, ha voluto alternare la nuova esperienza di albergatrice. Una decisione che, a considerare dagli ottimi risultati raggiunti in questi neppure due anni di attività (l’occupancy

è praticamente sempre al top sia in estate che in inverno) e dai giudizi (veri) espressi dagli ospiti,

non poteva essere più felice. “E’ molto importante questo aspetto, ci dice. Nei B&B come negli

agriturismo, l’ospite vuole essere coccolato, vuole quelle attenzioni che il grande albergo non può

offrire. Io per natura, amo parlare con gli ospiti,  raccontando loro le bellezze del luogo nel quale

si trovano, consigliarli su cosa debbano vedere e cosa mangiare; la gastronomia locale è veramente

un’eccellenza e andar via da Sant’Agata senza poterla degustare è un vero peccato. Io nel mio

piccolo posso dare qualche assaggio a colazione. Nel nostro ricco e vario buffet, preparato sempre

al momento, si trovano croissant, torte e biscotti rigorosamente preparati da noi, prodotti tipici del

luogo che acquistiamo dai nostri fornitori di fiducia, come il miele locale e tutte le altre eccellenze

del territorio. La frutta che non manca mai, arriva direttamente ogni mattina, dai frutteti che gestisce

la nostra famiglia: fichi, albicocche, ciliegie e tutto ciò che la stagione può offrire. Insomma più che

un buffet è una variopinta esposizione di prodotti tipici che noi vogliamo offrire per dare il buongiorno

ai nostri ospiti e dar loro una immediata idea di dove si trovano”. Storia del sito Era il due maggio del millecinquecentonovantasei, ¬San Giovanni Leonardi giunse a Sant’Agata di Puglia dalla Baronia

nelle vesti di commissario visitatore e riformatore apostolico; visitò la chiesa di Santa Maria le Grazie e il monastero, che aveva solo tre celle per 5 monaci, doveva essere soppresso! Le suppliche del popolo commossero il santo, il quale concesse prima sei mesi e poi ulteriori tre anni per la ristrutturazione e l’ampliamento dell’edificio; i lavori durarono circa quattro anni, intervennero economicamente il marchese

Carlo Loffredo, l’Università e il popolo santagatese, furono spesi mille ducati, ma alla fine dei lavori lo stabile fu in grado di poter ospitare dodici monaci. Divenne un importante monastero, nel illeseicentoundici per volontà di papa Paolo V fu elevato a Badia, mentre nel millesettecentoquarantasette, papa Benedetto XIV elogiò l’operosità e la rettitudine dei monaci, i quali con zelo si dedicavano agli studi ed alla formazione dei giovani, facendo del monastero un importante centro di divulgazione culturale e di elevazione spirituale; in quell’epoca, dipendevano dalla comunità benedettina di Sant’Agata di Puglia, le grange di Ascoli Satriano, Deliceto, Forenza e Troia.La serena vita dei conventi, chiese e monasteri fu sconvolta

verso la fine del millesettecento quando Giuseppe Bonaparte,fratello di Napoleone, il tredici febbraio del milleottocentosette con un decreto stabilì la soppressione degli ordini religiosi, i benedettini dovettero lasciare la chiesa ed il monastero di Sant’Agata di Puglia. Andati via i Padri, intorno a cui era sorto il rione di Santa Maria delle Grazie, chiesa e monastero subirono spoliazioni e violazioni di ogni sorta, il ricco archivio, la prestigiosa biblioteca, due importanti dipinti raffiguranti San Guglielmo e Pellegrino e San Benedetto furono sottratti, restarono in attesa di destinazione la campana e l’organo. Grazie al popolo santagatese furono entrambi salvati, la campana servì per il nuovo orologio pubblico, mentre l’organo fu collocato nell’unica chiesa che ne era sprovvista, la chiesa del Carmine. Passò al comune, venne restaurato verso il

milleottocentocinquanta e i locali furono utilizzati per pretura,carcere, scuole elementari, ginnasiali e professionali.Oggi… Benvenuti a L’Antico Monastero Fonti storiche www.santagatesinelmondo

tratta dalla rivista Turismo all'aria aperta n.277


Altre Foto:
Facebook Twitter Google+
Autorizzazione del Tribunale di Foggia n.20 del 20 settembre 2006
Direttore Responsabile Samantha Berardino



Quotidiano di Video Informazione on-line. Direttore Responsabile: Samantha Berardino
Reg.Trib. di Foggia n.20 del 20 settembre 2006. Tutti i diritti sono riservati.
Direzione e Redazione: Via G.Garibaldi, 44 - 71028 Sant'Agata di Puglia (FG) Tel. +39 0881 984319 - +39 368 7216910
La collaborazione a qualsiasi titolo deve intendersi gratuita.
Segnalazioni: Leonardo Capano redazione@santagatesinelmondo.it

Tutto il materiale presente in questo sito è strettamente riservato - è vietato l'utilizzo dei contenuti del sito senza l'autorizzazione dei gestori. Privacy Policy | Cookie Policy