Dall'Italia  Wed, 08 Jul 2020 23:38 «C'è chi vuole leggere ma non ha la possibilità?», a Napoli nasce anche il «libro sospeso» - «C’è chi vuole leggere ma non ha la possibilità?», a Napoli nasce anche il «libro sospeso» Iniziativa di Enzo di Nocera, libraio del vomero - Ansa    Wed, 08 Jul 2020 21:54 «La cucina è stata il rifugio nel lockdownora c'è voglia di rinnovarla» - «La cucina è stata il rifugio nel lockdownora c’è voglia di rinnovarla» - CorriereTV    Wed, 08 Jul 2020 21:39 Italiani a bordo del volo con i cittadini bengalesi: «Ci hanno fatto il tampone» - Italiani a bordo del volo con i cittadini bengalesi: «Ci hanno fatto il tampone» La coppia, atterrata a Fiumicino, era sull'aereo proveniente da Doha - Ansa    Wed, 08 Jul 2020 20:54 Autostrade, De Falco: «Sono per la decadenza della concessione» - Autostrade, De Falco: «Sono per la decadenza della concessione» Secondo il senatore il Pd avrebbe dovuto essere più incisivo - Ansa    Wed, 08 Jul 2020 20:26 Il lieto fine di Juniò, dopo l'abbandono in Libia ritrova la mamma e la sorellina - Il lieto fine di Juniò, dopo l'abbandono in Libia ritrova la mamma e la sorellina Il momento dell'abbraccio, il bambino è stato rintracciato sulla Sea Watch - Ansa    Wed, 08 Jul 2020 20:23 Governo, Meloni: «Centrodestra sta valutando. Da Conte solo se tutti insieme» - Governo, Meloni: «Centrodestra sta valutando. Da Conte solo se tutti insieme» Le dichiarazioni della leader di Fratelli d'Italia - Ansa    Wed, 08 Jul 2020 20:12 Ragazzi morti, procuratore Terni: «Aspettiamo esami tossicologici» - Ragazzi morti, procuratore Terni: «Aspettiamo esami tossicologici» Convalidato il fermo per il 41enne che ha ammesso di avere venduto "sostanze droganti" ai due sedicenni - Ansa    Wed, 08 Jul 2020 18:40 Conte: «Non siamo più in condizioni di prefigurare un lockdown» - Conte: «Non siamo più in condizioni di prefigurare un lockdown» Il presidente del Consiglio Giuseppe Conte durante la conferenza stampa con il premier spagnolo Pedro Sanchez - Ansa    Wed, 08 Jul 2020 18:15 Crollo Ponte Genova, quando Di Maio: «I responsabili hanno un nome e un cognome e sono Autostrade per l'Italia» - Crollo Ponte Genova, quando Di Maio: «I responsabili hanno un nome e un cognome e sono Autostrade per l’Italia» L’allora vicepremier Luigi Di Maio, intervistato su Radio Radicale - Corriere Tv    Wed, 08 Jul 2020 17:50 Mes, Sanchez in conferenza stampa con Conte: «Non bisogna vergognarsi di usarlo» - Mes, Sanchez in conferenza stampa con Conte: «Non bisogna vergognarsi di usarlo» Il premier spagnolo Pedro Sanchez durante la conferenza stampa - Ansa    Wed, 08 Jul 2020 17:46 Coronavirus, Merkel: «Solo azione comune può preservare e tutelare Europa» - Coronavirus, Merkel: «Solo azione comune può preservare e tutelare Europa» Le parole della Cancelliera tedesca - Agenzia Vista/Alexander Jakhnagiev    Wed, 08 Jul 2020 17:06 Terrorismo, pm Nobili: «Eliminata pedina che avrebbe potuto fare veramente del male» - Terrorismo, pm Nobili: «Eliminata pedina che avrebbe potuto fare veramente del male» Il trentenne aveva oltre 2.000 amici su Facebook - Ansa    Wed, 08 Jul 2020 16:55 Omicidio Vannini, la mamma: «I Ciontoli continuano a dire che si è trattato di un colpo d'aria» - Omicidio Vannini, la mamma: «I Ciontoli continuano a dire che si è trattato di un colpo d’aria» Le parole della mamma di Marco - Agenzia Vista/Alexander Jakhnagiev    Wed, 08 Jul 2020 16:51 Omicidio Vannini, la mamma: «5 anni che lottiamo per la verità e per la giustizia di Marco» - Omicidio Vannini, la mamma: «5 anni che lottiamo per la verità e per la giustizia di Marco» Le parole della mamma di Marco - Agenzia Vista/Alexander Jakhnagiev    Wed, 08 Jul 2020 16:37 Incontro con il centrodestra, Conte cita Moretti: «Ricorda un po' ‘Ecce Bombo'...mi si nota di più a Chigi o a Villa Pamphilj?» - Incontro con il centrodestra, Conte cita Moretti: «Ricorda un po’ ‘Ecce Bombo’...mi si nota di più a Chigi o a Villa Pamphilj?» L'ironia del premier sulle difficoltà del confronto con il centrodestra - Ansa    
Artemisium News
28/08/2019
STORIE DI ROSPI, DI ANTENATI E DI RITORNI
di Mario De Capraris

 

 

Quando lo raggiunsi, Sebastiano, che ormai era pratico del posto, mi diceva quello che aveva imparato:

“Noi meridionali siamo fatti che appena ‘azzoppiamo’ nella città settentrionale ci mettiamo a fare i test. Cacciamo il fazzoletto e ci soffiamo dentro per fare il test dell’aria. Facciamo il test del sole quando ci mettiamo a guardare in su e diciamo: - Sembra un sole malato. - Stiamo sempre a fare i paragoni con quello che abbiamo lasciato al Sud. Ma questa è una zona industriale. È logico che non potrà mai competere con i nostri posti meridionali.”

Le prime volte, che era estate, tentando di sfuggire alla calura mi portava lungo il fiume a cercare i rospi. Li cercava perché diceva che dove c’erano i rospi l’acqua era pulita e poteva fare il bagno. Alla fine ne trovammo uno, però Sebastiano disse che chissà come ce l’aveva fatta a non morire e così comunque non fece il bagno. Poi un giorno disse che il prossimo treno per il Sud l’avrebbe preso per andare a sposarsi. La ragazza da sposare non la conosceva ancora, ma l’avrebbe trovata al momento. E siccome mi vedeva perplesso poiché pensavo che per sposarsi bisogna almeno essere innamorati, disse:

“Io sono uno che ha bisogno di parlare in dialetto. Una di qui non mi capirebbe.”

Per lui il matrimonio era tutto lì: una questione di dialetto.

Così un sabato sera prese il treno e la mattina dopo mi fece chiamare al telefono del bar sotto casa. Prendo la cornetta:

“Pronto?”

“Senti, sono ad Accadia” disse con voce emozionata “devi venire subito. Mi sposo.”

Non era manco arrivato che già si sposava. Così partii la sera con la nebbia che si poteva tagliare col coltello e arrivai ad Accadia con un sole che spaccava le pietre. Mi fecero conoscere i nonni, gli zii, le sorelle, i cugini. Io li guardavo, i parenti, e, che strano, assomigliavano tutti ai miei parenti, uguali ai miei nonni, ai miei zii, ai miei cugini. Si puo’ dire che erano i miei parenti. Era gente che lavorava in campagna. Per lo sposalizio fecero una tavolata all’aperto tra il gruppo di masserie e mentre aspettavamo gli sposi osservavo i miei “parenti”, abbronzati da lavoratori all’aperto, i vecchi col vestito nero e la camicia bianca per la cerimonia e, essendo magri, ci andavano larghi tanto che il vestito sembrava di un altro. Poi col fare flemmatico paesano che ben conoscevo, uno di loro mi disse:

“Di dove sei?”

“Di Sant’Agata” risposi.

“Tuo padre che mestiere fa?”

“Ha lavorato in campagna.”  E che mio padre avesse fatto il loro stesso mestiere li rendeva felici, ma sentivo che non approvavano che avessi lasciato il loro mestiere e la campagna. Sapevano che vivevo al Nord per cui mi chiesero:

“Ma tornerai qui, ai tuoi posti?”

Io alzavo le spalle, sebbene fossero domande che mi facevano piacere, e sorridevo senza dire niente. Sarebbe stato troppo lungo spiegare che eccome se volevo tornare, ma non era più possibile. Come potevo mai tornare se il mio posto era altrove? Al che loro facevano le smorfie e dicevano:

“Ma come? Non sei sicuro di tornare? Devi tornare.”

Quei vecchi avevano la capacità di risvegliare un sentimento che credevo ormai sopito. Erano quelle le persone che mi piacevano più di tutte, perché insegnavano a tenere vive le proprie radici. Mentre parlavano calmi e ieratici ebbi l’impressione come se si fossero materializzati tutti i miei antenati che chiedevano il mio ritorno. Quel giorno capii che dovevo tornare, fosse stato anche l’ultimo giorno della mia vita. Me lo chiedevano i miei antenati. Arrivarono gli sposi e mangiammo così, sulla tavolata, all’aperto, forse come si era sempre festeggiato da secoli in campagna. Com’era bello il mio sole, la mia aria, il mio cielo. Qui la vita aveva un senso.

Mi invitarono ad entrare nella masseria e – sarà stato l’odore familiare tra il fresco umido e la semioscurità, l’odore del camino dai tizzoni spenti, forse quello della cacca essiccata di gatto o piuttosto la cacca fresca di gallina – fatto sta che fui preso da un groppo alla gola: mi sembrava di essere entrato nella mia masseria di San Pietro Ursitano. E d’un tratto mi fu chiaro ciò che non avevo mai capito: avevo cercato di che vivere da qualche parte nel mondo e non mi ero reso conto che a casa mia, in campagna, avevo la vera ricchezza.   
Facebook Twitter Google+
Autorizzazione del Tribunale di Foggia n.20 del 20 settembre 2006
Direttore Responsabile Samantha Berardino



Quotidiano di Video Informazione on-line. Direttore Responsabile: Samantha Berardino
Reg.Trib. di Foggia n.20 del 20 settembre 2006. Tutti i diritti sono riservati.
Direzione e Redazione: Via G.Garibaldi, 44 - 71028 Sant'Agata di Puglia (FG) Tel. +39 0881 984319 - +39 368 7216910
La collaborazione a qualsiasi titolo deve intendersi gratuita.
Segnalazioni: Leonardo Capano redazione@santagatesinelmondo.it

Tutto il materiale presente in questo sito è strettamente riservato - è vietato l'utilizzo dei contenuti del sito senza l'autorizzazione dei gestori. Privacy Policy | Cookie Policy