Dall'Italia  Thu, 18 Apr 2019 22:48 Greta Thunberg in Italia: «Io e il Papa in lotta per il clima» - Greta Thunberg in Italia: «Io e il Papa in lotta per il clima» L’intervista alla giovane attivista svedese che ha incontrato il Pontefice: «La scuola non fa abbastanza per il clima» - Corriere Tv    Thu, 18 Apr 2019 21:43 Def, Tria: "Non ci saranno manovre correttive, rispetteremo quanto detto a commissione UE" - Def, Tria: "Non ci saranno manovre correttive, rispetteremo quanto detto a commissione UE" L'intervento del ministro dell'Economia alla Camera - Agenzia Vista/Alexander Jakhnagiev    Thu, 18 Apr 2019 20:34 Sanità, Grillo: "Approvato dl speciale per la Calabria" - Sanità, Grillo: "Approvato dl speciale per la Calabria" La ministra dopo il CdM: "Risponde a una situazione emergenziale" - LaPresse    Thu, 18 Apr 2019 20:31 Siri indagato, Conte: «Gli parlerò e valuteremo» - Siri indagato, Conte: «Gli parlerò e valuteremo» Le parole del premier da Reggio Calabria al termine del Consiglio dei Ministri - LaPresse    Thu, 18 Apr 2019 17:08 Quando Armando Siri cantava (vincendo a Radio Uno) «Perdere l'amore» - Quando Armando Siri cantava (vincendo a Radio Uno) «Perdere l’amore» Due mesi fa l’esibizione sul palco di «Sanremo da Pecora» del sottosegretario indagato per corruzione - Corriere Tv    Thu, 18 Apr 2019 16:48 Siri indagato, divergenze nel Governo, Di Maio: "Si dimetta" Salvini: "Puo' restare" - Siri indagato, divergenze nel Governo, Di Maio: "Si dimetta" Salvini: "Puo' restare" Tensioni nella maggioranza - Agenzia Vista/Alexander Jakhnagiev    Thu, 18 Apr 2019 15:38 Salvini: «Siri non deve dimettersi, il M5s ha difeso Raggi per due anni» - Salvini: «Siri non deve dimettersi, il M5s ha difeso Raggi per due anni» Le parole del Ministro dell’Interno - Agenzia Vista/Alexander Jakhnagiev    Thu, 18 Apr 2019 15:35 Greta va all'attacco in Senato: «Ci guardate e non capite, badate solo a voi stessi» - Greta va all’attacco in Senato: «Ci guardate e non capite, badate solo a voi stessi» La giovane attivista svedese porta le sue idee a Palazzo Madama e dice: «È arrivato il tempo di cambiare» - Agenzia Vista/Alexander Jakhnagiev    Thu, 18 Apr 2019 15:03 Umbria, Di Maio: «Il Pd ha usato la sanità come un bancomat» - Umbria, Di Maio: «Il Pd ha usato la sanità come un bancomat» Il ministro aggiunge: «Noi pronti sei mesi fa, ma non riusciamo a raggiungere accordo con la Lega» - LaPresse    Thu, 18 Apr 2019 14:40 Greta al Senato: «Ci avete mentito e ci avete rubato il futuro» - Greta al Senato: «Ci avete mentito e ci avete rubato il futuro» Le parole della giovane attivista svedese - Agenzia Vista/Alexander Jakhnagiev    Thu, 18 Apr 2019 14:38 Iva, Di Maio: «Non aumenterà, spero Tria si sia frainteso» - Iva, Di Maio: «Non aumenterà, spero Tria si sia frainteso» Il ministro e vicepremier a margine dell'assemblea di Unioncamere - LaPresse    Thu, 18 Apr 2019 14:33 Sblocca Cantieri, Di Maio: «È pronto, oggi lo sigilliamo» - Sblocca Cantieri, Di Maio: «È pronto, oggi lo sigilliamo» Così il vicepremier Luigi Di Maio a margine dell'assemblea di Unioncamere - LaPresse    Thu, 18 Apr 2019 13:41 Mattia: «Spero di non dover andare via dall'Italia» - Mattia: «Spero di non dover andare via dall’Italia» Mattia ha madre ecuadoriana e il padre italiano. Il mondo nel sangue, eppure ha paura di dover emigrare, di dover lasciare il Piemonte, la terra. Sente parlare di crisi e l’unica cosa che vuole è non lasciare l’Italia, non essere costretto a farsi una vita lontano. - Corriere Tv    Thu, 18 Apr 2019 13:26 Di Maio: "Iva non aumentera', spero che Tria sia stato frainteso" - Di Maio: "Iva non aumentera', spero che Tria sia stato frainteso" Le parole del vice-premier - Agenzia Vista/Alexander Jakhnagiev    Thu, 18 Apr 2019 13:25 Di Maio: "Siri? Se fatti sono questi si dimetta" - Di Maio: "Siri? Se fatti sono questi si dimetta" Le parole del vice-premier - Agenzia Vista/Alexander Jakhnagiev    
Artemisium News
13/04/2019
IL FOGGIA AFFONDA IN LAGUNA
Il Foggia affonda in laguna: 1-0 Sconfitta evitabile a Venezia. Decide un discutibile penalty ma i rossoneri sono inconcludenti di Lino Mongiello Venezia, 14 aprile 2019. Gli effetti dei piagnistei del d.g. Scibilia hanno avuto risposte immediate e si sono visti al Penzo. Dove il Sig. Aureliano, uno abituato a “sviste” e ad assurgere a protagonista, ne ha combinate di tutte i colori. Ha concesso ai veneti, con benevolenza, un calcio di rigore sul quale ci sarebbe molto da discutere, poi ne ha negati un paio al Foggia, consentendo al Venezia di aggiudicarsi il match-spareggio. Il fischietto bolognese non ha sbagliato solo negli episodi chiave ma ha anche diretto a senso unico, permettendo poi ai padroni di casa una condotta di gara ostruzionistica ed anti sportiva. Probabilmente, la scarsa propensione a dirigere match così importanti, lo porterà presto a calcare i campi della massima serie. Di danni ne aveva già procurati in C e fu promosso tra i cadetti. Evidentemente, nel calcio, funziona così. Comunque, in ogni caso, il Foggia deve prendersela principalmente con sé. L’incapacità nel tradurre in gol l’enorme mole di possesso palla è stato ed è tutt’ora uno dei motivi del flop foggiano. Gli errori commessi in fase di ristrutturazione del già funzionante giocattolo si pagano a caro prezzo. E adesso si rischia di compromettere la stagione. Sicuramente la categoria è in pericolo. E se malauguratamente dovesse concretizzarsi la discesa in C, sarebbe davvero un disastro. Per cui si chiede a tutti massimo impegno e concentrazione. Le ultime 5 sfide dovranno essere giocate col coltello tra i denti e alzando la voce in Federazione. Troppi sono stati i torti sinora subìti dal club dauno. Sarebbe ora di finirla. Comunque, dicevamo, il Foggia ha pagato a caro prezzo i propri errori. La gara contro l’inconsistente Venezia era da vincere. Per quanto espresso sul campo i rossoneri avrebbero meritato i tre punti. Invece è andata diversamente. La vittoria premia i padroni di casa, che incassano punti pesanti, senza aver mai tirato in porta. Ma lo sterile Foggia non ha fatto meglio. Tanto possesso palla improduttivo e almeno quattro palle gol create che andavano sfruttate meglio. Proprio l’approccio al match è stato abbastanza positivo. Ma Deli (4’ e 5’) è mancato brillantezza in fase conclusiva. Svanita la possibilità di colpire nei primi minuti, il Foggia ha costantemente tenuto in mano il pallino del gioco, senza impensierire più di tanto il portiere dei lagunari, quasi ad accontentarsi del pari. Ed ecco che l’imprevisto è sempre dietro l’angolo. Siamo al 33’ e Iemmello nel tentativo di spazzar via la sfera dalla propria area non si accorge della presenza di Lombardi che comunque non viene neppure sfiorato. Il Sig. Aureliano non attende altro e concede il calcio di rigore. I rossoneri protestano inutilmente. Tutto è già segnato. Alla battuta va Di Mariano (34’) che manda il pallone a sbattere sul palo interno prima di termina in rete. Sarà il gol che deciderà l’esito del match. Il Foggia prova a reagire ma conferma difficoltà in chiave offensiva. In avvio di ripresa i rossoneri ripartono con determinazione e, come nella prima frazione, Zambelli (4’) calcia di poco fuori bersaglio e Iemmello (6’) trova la deviazione di un difensore sul tiro a colpo sicuro. Il Foggia poi si spegne anche perché il Venezia escogita e mette in atto tutte le misure ostruzionistiche ed antisportive per rallentare la possibilità di riscossa degli ospiti. Con la compiacenza del direttore di gara. Così il Foggia stenta a trovare uomini nell’area dei padroni di casa e creare pericoli. Nemmeno la veemente e costante spinta dei 2.000 giunti da ogni dove serve a qualcosa. Un sussulto lo procura Mazzeo (30’) con la conclusione respinta d’istinto da Vicario, su assist di Iemmello. Il Foggia continua a spingere con la forza della disperazione. Almeno il pareggio lo meriterebbe. Grassadonia inserisce forze fresche, forse sbagliando i cambi. Infatti non cambia nulla. I minuti trascorrono inesorabili e per il Foggia cala il buio sul futuro del suo campionato. Non c’è più nulla da registrare sino al 96’, tranne qualche timida protesta per presunti calci di rigore richiesti dai rossoneri. La sconfitta, probabilmente, era già scritta. Il Foggia ha dato una grossa mano. E adesso tutto diventa più difficile. Anche conquistare un posto nei playout. Ci vorrà un miracolo. VENEZIA - FOGGIA 1-0 Marcatore: 34’ p.t. Di Mariano (rig.). Venezia (3-5-2): Vicario 6.5; Bruscagin 6, Modolo 6, Domizzi 6.5; Pinato 5.5, Lombardi 5.5 (40’ st Mazan sv), Schiavone 5.5 (32’ st Besea sv), Zennaro 5.5, Coppolaro 5; Di Mariano 6, Bocalon 5.5 (47’ st Vrioni sv). A disposizione: Facchin, Lazzerini, Suciu, St Clair, Rossi, Cernuto, Zampano, Pimenta, Soldati. Allenatore: Cosmi 6. Foggia (3-5-2): Leali 6; Martinelli 6, Billong 6, Ranieri 6; Zambelli 5.5 (17’ st Agnelli 6), Gerbo 6 (38’ st Matarese sv), Greco 6, Deli 6 (32’ st Chiaretti sv), Kragl 5; Iemmello 5, Mazzeo 6. A disposizione: Di Stasio, Noppert, Loiacono, Arena, Cicerelli, Galano, Boldor, Busellato. Allenatore: Grassadonia 5. ARBITRO: Gianluca Aureliano di Bologna 4; 1° assistente: Giuseppe Borzomì di Torino 4; 2° assistente: Pasquale Cangiano di Napoli 4; 4° ufficiale: Francesco Guccini di Albano Laziale. Note: terreno in buone condizioni. Spettatori 6.000 circa (oltre 2.000 i tifosi rossoneri presenti al Penzo). Ammoniti: Pinato, Lombardi, Besea (V), Zambelli, Martinelli (F). Angoli: 8-2 per il Foggia. Recupero: 2'-5'. Nella foto l'azione incriminata del calcio di rigore Sconfitta evitabile a Venezia. Decide un discutibile penalty ma i rossoneri sono inconcludenti di Lino Mongiello
di Lino Mongiello

Venezia, 14 aprile 2019. 

Gli effetti dei piagnistei del d.g. Scibilia hanno avuto risposte immediate e si sono visti al Penzo. Dove il Sig. Aureliano, uno abituato a “sviste” e ad assurgere a protagonista, ne ha combinate di tutte i colori. Ha  concesso ai veneti, con benevolenza, un calcio di rigore sul quale ci sarebbe molto da discutere, poi ne ha negati un paio al Foggia, consentendo al Venezia di aggiudicarsi il match-spareggio. Il fischietto bolognese non ha sbagliato solo negli episodi chiave ma ha anche diretto a senso unico, permettendo poi ai padroni di casa una condotta di gara ostruzionistica ed anti sportiva. Probabilmente, la scarsa propensione a dirigere match così importanti, lo porterà presto a calcare i campi della massima serie. Di danni ne aveva già procurati in C e fu promosso tra i cadetti. Evidentemente, nel calcio, funziona così. Comunque, in ogni caso, il Foggia deve prendersela principalmente con sé. L’incapacità nel tradurre in gol l’enorme mole di possesso palla è stato ed è tutt’ora uno dei motivi del flop foggiano. Gli errori commessi in fase di ristrutturazione del già funzionante giocattolo si pagano a caro prezzo. E adesso si rischia di compromettere la stagione. Sicuramente la categoria è in pericolo. E se malauguratamente dovesse concretizzarsi la discesa in C, sarebbe davvero un disastro. Per cui si chiede a tutti massimo impegno e concentrazione. Le ultime 5 sfide dovranno essere giocate col coltello tra i denti e alzando la voce in Federazione. Troppi sono stati i torti sinora subìti dal club dauno. Sarebbe ora di finirla. Comunque, dicevamo, il Foggia ha pagato a caro prezzo i propri errori. La gara contro l’inconsistente Venezia era da vincere. Per quanto espresso sul campo i rossoneri avrebbero meritato i tre punti. Invece è andata diversamente. La vittoria premia i padroni di casa, che incassano punti pesanti, senza aver mai tirato in porta. Ma lo sterile Foggia non ha fatto meglio. Tanto possesso palla improduttivo e almeno quattro palle gol create che andavano sfruttate meglio. Proprio l’approccio al match è stato abbastanza positivo. Ma Deli (4’ e 5’)  è mancato brillantezza in fase conclusiva. Svanita la possibilità di colpire nei primi minuti, il Foggia ha costantemente tenuto in mano il pallino del gioco, senza impensierire più di tanto il portiere dei lagunari, quasi ad accontentarsi del pari. Ed ecco che l’imprevisto è sempre dietro l’angolo.  Siamo al 33’ e  Iemmello nel tentativo di spazzar via la sfera dalla propria area non si accorge della presenza di Lombardi che comunque non viene neppure sfiorato. Il Sig. Aureliano non attende altro e concede il calcio di  rigore. I rossoneri protestano inutilmente. Tutto è già segnato. Alla battuta va  Di Mariano (34’) che manda il pallone a sbattere sul palo interno prima di termina in rete. Sarà il gol che deciderà l’esito del match. Il Foggia prova a reagire ma conferma difficoltà in chiave offensiva. In avvio di ripresa i rossoneri ripartono con determinazione e, come nella prima frazione, Zambelli (4’) calcia di poco fuori bersaglio e Iemmello (6’) trova la deviazione di un difensore sul tiro a colpo sicuro. Il Foggia poi si spegne anche perché il Venezia escogita e mette in atto tutte le misure ostruzionistiche ed antisportive per rallentare la possibilità di riscossa degli ospiti. Con la compiacenza del direttore di gara. Così il Foggia stenta a trovare uomini nell’area dei padroni di casa e creare pericoli.  Nemmeno la veemente e costante spinta dei 2.000 giunti da ogni dove serve a qualcosa. Un sussulto lo procura Mazzeo (30’) con la conclusione respinta d’istinto da Vicario, su assist di Iemmello. Il Foggia continua a spingere con la forza della disperazione. Almeno il pareggio lo meriterebbe. Grassadonia inserisce forze fresche, forse sbagliando i cambi. Infatti non cambia nulla. I minuti trascorrono inesorabili e per il Foggia cala il buio sul futuro del suo campionato. Non c’è più nulla da registrare sino al 96’, tranne qualche timida protesta per presunti calci di rigore richiesti dai rossoneri. La sconfitta, probabilmente, era già scritta. Il Foggia ha dato una grossa mano. E adesso tutto diventa più difficile. Anche conquistare un posto nei playout.  Ci vorrà un miracolo.

VENEZIA - FOGGIA  1-0

Marcatore: 34’ p.t. Di Mariano (rig.).

Venezia (3-5-2): Vicario 6.5; Bruscagin 6, Modolo 6, Domizzi 6.5; Pinato 5.5, Lombardi 5.5 (40’ st Mazan sv), Schiavone 5.5 (32’ st Besea sv), Zennaro 5.5, Coppolaro 5; Di Mariano 6, Bocalon 5.5 (47’ st Vrioni sv). A disposizione: Facchin, Lazzerini, Suciu, St Clair, Rossi, Cernuto, Zampano, Pimenta, Soldati. Allenatore: Cosmi 6. 

Foggia (3-5-2): Leali 6; Martinelli 6, Billong 6, Ranieri 6; Zambelli 5.5 (17’ st Agnelli 6), Gerbo 6 (38’ st Matarese sv), Greco 6, Deli 6 (32’ st Chiaretti sv), Kragl 5; Iemmello 5, Mazzeo 6. A disposizione: Di Stasio, Noppert, Loiacono, Arena, Cicerelli, Galano, Boldor, Busellato. Allenatore: Grassadonia 5.

ARBITRO: Gianluca Aureliano di Bologna 4;
1° assistente: Giuseppe Borzomì di Torino 4;
2° assistente: Pasquale Cangiano di Napoli 4;
4° ufficiale: Francesco Guccini di Albano Laziale.

Note: terreno in buone condizioni. Spettatori 6.000 circa (oltre 2.000 i tifosi rossoneri presenti al Penzo). Ammoniti: Pinato, Lombardi, Besea  (V), Zambelli, Martinelli     (F). Angoli: 8-2  per il  Foggia. Recupero: 2'-5'.

Nella foto l'azione incriminata del calcio di rigore

 

Facebook Twitter Google+
Autorizzazione del Tribunale di Foggia n.20 del 20 settembre 2006
Direttore Responsabile Samantha Berardino



Quotidiano di Video Informazione on-line. Direttore Responsabile: Samantha Berardino
Reg.Trib. di Foggia n.20 del 20 settembre 2006. Tutti i diritti sono riservati.
Direzione e Redazione: Via G.Garibaldi, 44 - 71028 Sant'Agata di Puglia (FG) Tel. +39 0881 984319 - +39 368 7216910
La collaborazione a qualsiasi titolo deve intendersi gratuita.
Segnalazioni: Leonardo Capano redazione@santagatesinelmondo.it

Tutto il materiale presente in questo sito è strettamente riservato - è vietato l'utilizzo dei contenuti del sito senza l'autorizzazione dei gestori. Privacy Policy | Cookie Policy