Dall'Italia  Tue, 19 Jun 2018 15:21 Il salvataggio di tre gattini intrappolati nei tubi di scarico - Il salvataggio di tre gattini intrappolati nei tubi di scarico Bussolengo, provincia di Verona: il delicato intervento dei vigili del fuoco per mettere in sicurezza i cuccioli rimasti bloccati nelle tubature - Corriere TV    Tue, 19 Jun 2018 15:02 Ue, Salvini: "Con Orban lavoreremo per cambiare le regole" - Ue, Salvini: "Con Orban lavoreremo per cambiare le regole" Il ministro degli Interni a Fiumicino: "Farò di tutto per dare speranza nel loro paese ai disperati che muoiono nel Mar Mediterraneo" - LaPresse    Tue, 19 Jun 2018 14:26 Dodici persone isolate da una frana in Calabria, salvate dai vigili del fuoco - Dodici persone isolate da una frana in Calabria, salvate dai vigili del fuoco Le operazioni dei Vigili del Fuoco - Agenzia Vista/Alexander Jakhnagiev    Tue, 19 Jun 2018 12:23 Cannabis legale: è boom di coltivazioni e vendita - Cannabis legale: è boom di coltivazioni e vendita Alle porte di Milano un’azienda con 7mila metri quadri di terreno e 2mila piante - LaPresse    Tue, 19 Jun 2018 09:13 Nilde Iotti e quella pistola nel cassetto: la storia dell'arma che 70 anni fa sparò a Palmiro Togliatti - Nilde Iotti e quella pistola nel cassetto: la storia dell’arma che 70 anni fa sparò a Palmiro Togliatti Per la prima volta mostriamo l'arma che 70 anni fa sparò a Palmiro Togliatti, oggi custodita dalla Fondazione Berlinguer. La professoressa Marisa Malagoli Togliatti racconta l’attentato organizzato da Antonio Pallante - CorriereTV    Tue, 19 Jun 2018 03:15 Immigrazione, Conte: "Servono soluzioni Ue o finisce Schengen" - Immigrazione, Conte: "Servono soluzioni Ue o finisce Schengen" Lo ha detto il presidente del Consiglio Giuseppe Conte in conferenza stampa con la cancelliera tedesca Angela Merkel - Agenzia Vista/Alexander Jakhnagiev    Tue, 19 Jun 2018 00:06 Stadio Roma, Bonafede: «Lanzalone lo ha scelto la Raggi» - Stadio Roma, Bonafede: «Lanzalone lo ha scelto la Raggi» Il ministro della Giustizia ospite di Otto e mezzo su La7 - LaPresse    Mon, 18 Jun 2018 23:35 Immigrazione, Galliani si complimenta con Salvini: «Si sta comportando molto bene» - Immigrazione, Galliani si complimenta con Salvini: «Si sta comportando molto bene» Il senatore commenta le scelte del Ministro dell'Interno - Agenzia Vista/Alexander Jakhnagiev    Mon, 18 Jun 2018 23:34 Migranti, Merkel: «Serve dare solidarietà all'Italia» - Migranti, Merkel: «Serve dare solidarietà all'Italia» Il summit in Germania - Agenzia Vista/Alexander Jakhnagiev    Mon, 18 Jun 2018 23:32 Di Maio: «Contento delle parole della Merkel sul reddito di inclusione» - Di Maio: «Contento delle parole della Merkel sul reddito di inclusione» Il vicepremier ha parlato in conferenza stampa al Mise - LaPresse    Mon, 18 Jun 2018 23:21 Migranti, Gentiloni: «Un Paese che usa linguaggio offensivo è un Paese in cerca di guai» - Migranti, Gentiloni: «Un Paese che usa linguaggio offensivo è un Paese in cerca di guai» L'ex premier al convegno: «La diplomazia culturale» - LaPresse    Mon, 18 Jun 2018 22:58 Censimento rom, Mentana mostra la schedatura della razza ebraica: «In Italia 80 anni fa cominciammo così» - Censimento rom, Mentana mostra la schedatura della razza ebraica: «In Italia 80 anni fa cominciammo così» «80 anni fa cominciammo così» - LaPresse    Mon, 18 Jun 2018 22:49 Salvini annuncia censimento dei rom: «Quelli italiani ce li dobbiamo tenere» - Salvini annuncia censimento dei rom: «Quelli italiani ce li dobbiamo tenere» Così il ministro dell'Interno durante un'intervista - LaPresse    Mon, 18 Jun 2018 22:45 Gentiloni: «Con linguaggio aggressivo Paese cerca guai» - Gentiloni: «Con linguaggio aggressivo Paese cerca guai» L'ex premier alla presentazione del libro di Rutelli - Agenzia Vista/Alexander Jakhnagiev    Mon, 18 Jun 2018 22:44 Migranti, Gentiloni: «Bisogna usare parole degne di un paese come l'Italia» - Migranti, Gentiloni: «Bisogna usare parole degne di un paese come l'Italia» L'ex premier alla presentazione del libro di Rutelli - Agenzia Vista/Alexander Jakhnagiev    
Artemisium News
08/06/2018
APPELLO DEL PARROCO DON GIUSEPPE DANZA AL POPOLO SANTAGATESE PER L'EREZIONE DELLA CROCE DEL MONTE
di Filomena Marchese
La Croce il Giorno dell'Inaugurazione
A cura di Filomena Marchese 

Sorgeva il secolo XX ed il Santo Padre Leone XIII volle consacrarlo a Gesù Cristo Redentore.

All’appello del Papa rispose il mondo cattolico e per l’Italia furono scelti diciannove alti monti, sui i quali dovevano elevarsi diciannove monumenti, ricordando i diciannove secoli della Redenzione.

Ma il bisogno di pubblica fede non si contenne e tra le grandi e piccole città, tra i paesi che avevano un monte vicino, nacque una gara, e il segno della Redenzione, in modi e segni diversi, apparve anche sopra altri monti.

Sant’Agata di Puglia non si tenne indietro: essa che aveva innalzato Chiese e Istituti religiosi, volle avere anche il segno della Croce redentrice del nuovo secolo.

Il Parroco-Arciprete della Chiesa Matrice di San Nicola Mons. Giuseppe Danza ed il Prof. Don Lorenzo Agnelli raccolsero l'obolo della fede, e la monumentale Croce sorse sopra il monte ad est del paese, che da essa fu poi battezzato “Monte della Croce”.

Riportiamo qui di seguito l’appello fatto dal Parroco-arciprete Mons. Giuseppe Danza al popolo santagatese.

 “Cittadini,

Tenere sempre presente del vostro bene, in quest’anno, in cui tutto il mondo cattolico è in entusiasmo a fin di rendere un omaggio al redentore degli uomini, in  quest’anno mancherei al mio dovere di Parroco, se in mezzo a mille voci, che si sono levate per onorare Gesù Cristo, non alzassi anche la mia; che anzi le mie parole hanno la precipua spinta, direi quasi, la ispirazione dall’esempio del grande Pontefice Leone XIII, che ha voluto sapientemente preparare il secolo XX con la sua santificazione di quest’ultimo anno del secolo XIX. Se la proposta che vi presento è indegna di voi, respingetela; ma prima di respingerla, esaminatela, nell’esame vi accompagni un doppio amore: l’amore di Religione e l’amore di Patria.

Qual è dunque la mia proposta? 

Cittadini,

La mia proposta un giorno vi si fece nota dal pergamo; oggi la pubblico stampata, affinchè sia a conoscenza di tutti e si consideri meglio da tutti.

Tutti lo sanno: il dominio sui secoli appartiene a Dio; Egli li creò, li governa Egli solo. E poiché le opere fatte dalla sua mano onnipotente furon tutte fatte per la sua glorificazione, il programma d’ogni secolo dovrebbe consistere in queste due parole: Gloria a Dio. Senonchè questo programma talvolta non si è eseguito per intero e talvolta si è empiamente lacerato.

Tra i secoli ribelli quello forse che più si segnala è questo secolo, ch’è presso al tramonto, il secolo decimonono.  Ma viva a Dio! La ribellione non ha trionfato mai, è stata sconfitta in ogni secolo: la stessa sorte sta per toccare a questo secolo XIX. Guardate alla sua agonia; tutto accenna, che anch’esso stia per scendere nella tomba debellato e vinto.

Colui che ha vinto sempre, che vince e vincerà sempre è Gesù Cristo. Il vessillo de’ suoi trionfi, che sono la gloria della Chiesa, la gloria della società e dell’umanità tutta, questo vessillo glorioso è la Croce.

Essa è il fondamento della nostra fede, la sorgente della grazia, la vita del benessere sociale; essa è il mistico ponte su cui l’umanità è passata dalla morte alla vita, dalle tenebre alla luce, dalla barbarie alla civiltà. Essa… Qual meraviglia che i credenti del mondo le s’inchinano con reverenza, con trasporto la salutano, e vedendo per essa glorioso il passato, guardano nell’avvenire e sperano?

Si sperano, perché la Religione e la Patria è vero sono le due luci più belle del pensiero, sono le due corde più armoniose dell’arpa del cuore, ma quando? Quando la Religione e la Patria sono ad un tempo i due anelli che formano la stessa catena, quando l’una non è separata dall’altra.

La separazione è la morte d’entrambe, perché Religione senza Patria è fanatismo: Patria senza Religione è menzogna. Il punto di unione è Gesù Cristo e le ali della sua Croce sono quelle che le congiungono insieme e le additano ai popoli della terra.

A ben onde adunque gli abitanti specialmente d’Italia memori de’ benefici ricevuti da Gesù Cristo, tutti fiducia nei benefici che potranno ricevere da Gesù Cristo, vogliono che il secolo, il quale è già alle porte, il secolo ventesimo, sia a Lui in modo speciale consacrato. A ben onde fanno a gara per ergergli de’ monumenti sulle cime de’ loro monti. Scopo nobilissimo! La consacrazione a Gesù Cristo del nuovo secolo è riparazione agli oltraggi fatti a lui nel secolo che muore: i monumenti che s’innalzano sui monti serviranno per dire a tutti: Non abbassate gli occhi alla terra, sollevateli ai monti, a Gesù Cristo. Da Lui solo la vittoria sui nemici, da Lui solo la gloria della Religione, da Lui solo la grandezza della Patria.

Cittadini,

Anche noi abbiamo partecipato e partecipiamo ai benefici di Gesù Cristo; anche noi ci vantiamo d’avere una patria, ch’è la più bella di tutte le patrie, anche noi ci gloriamo di essere italiani.

Ebbene la gratitudine a questo divin Redentore, che d’unita alle catene degli abissi infranse i ceppi de’ despoti del mondo, che con la libertà de’ figliuoli di dio ci diede la vera libertà sociale; questa gratitudine c’impone a non rimanerci estranei a questo movimento religioso, destatosi in tutte le parti della nostra penisola. Muoviamoci anche noi, la fiaccola della fede è ancora viva in mezzo a noi, vivo è ancora l’amor di patria, vivissimo l’amor di noi. Muoviamoci: un popolo apatico non ha diritto al rispetto altrui, un popolo inoperoso è condannato a morire, un popolo sconoscente è la negazione d’ogni popolo.

Muoviamoci. In che modo?

Anche noi abbiamo un monte. Gli altri elevano grandi monumenti sui loro monti, noi eleviamo almeno un piccolo segno sul monte nostro. Gli altri vi spendono ingenti somme, fanno immensi sacrifici, a noi non rincresca di concorrere con un obolo qualunque. Lo scopo ci metterà a livello degli altri, il render cioè un tributo  di ossequi, tributo di amore.

Questo segno da elevarsi sul nostro monte sia quello, ch’è caro a tutti, che affratella i popoli tutti, che compendia i benefici tutti, largiti all’uomo dal Cristo Redentore, la Croce. Questa Croce, facendoci solidali agli altri abitanti d’Italia, dirà a tutti che anche nelle nostre vene scorre sangue italiano e cattolico. Tutti dobbiamo prender parte allo innalzamento di questa Croce. Quel monte appartiene a tutti i Santagatesi, dunque la Croce da collocarsi sopra la sua vetta, dev’essere l’offerta di tutt’i Santagatesi. Sia tenue od abbondante l’obolo, non importa, purchè si dica che il paese tutto, come un solo uomo, è concorso all’opera, che riguarda tutti.

Questa Croce consacrando il nostro monte, nella sua consacrazione gli darà un nome, che sinora non ha avuto e si chiamerà il monte della Croce.

Oh Croce benedetta! Da quella cima guarderà le nostre campagne e le proteggerà dai nembi. La guarderà il contadino, quando si avvierà al lavoro, quando suderà durante il lavoro, quando la sera farà ritorno dal lavoro e bacerà rassegnato la Croce del suo destino. La guarderemo in tutte le ore dalle nostre case ed in tutte le ore sarà il nostro conforto e la nostra speranza. Insomma la Croce sul monte dirà a tutti: “Il popolo santagatese è un popolo di fede, un popolo civile, un popolo, che nelle due ali della

Croce riepiloga i due sentimenti, che fanno veramente grande un popolo: Religione e Patria”. E quando le circostanze lo permetteranno, a fianco della Croce ergeremo una chiesetta in onore della Madonna e la chiameremo la Madonna del monte.  Di modo  che il monte della Croce e la Madonna del monte saranno la gloria nostra più bella, la gloria singolare di questa patria nostra”. 

S. Agata di Puglia 1 Luglio 1900 

Giuseppe Danza           

 Parroco
 
La Croce del Monte venne inaugurata l' 8 giugno 1901 e quest'anno ricorre il 117° Annivrsario

Altre Foto:
La Croce come è oggi
Facebook Twitter Google+
Autorizzazione del Tribunale di Foggia n.20 del 20 settembre 2006
Direttore Responsabile Samantha Berardino



Quotidiano di Video Informazione on-line. Direttore Responsabile: Samantha Berardino
Reg.Trib. di Foggia n.20 del 20 settembre 2006. Tutti i diritti sono riservati.
Direzione e Redazione: Via G.Garibaldi, 44 - 71028 Sant'Agata di Puglia (FG) Tel. +39 0881 984319 - +39 368 7216910
La collaborazione a qualsiasi titolo deve intendersi gratuita.
Segnalazioni: Leonardo Capano redazione@santagatesinelmondo.it

Tutto il materiale presente in questo sito è strettamente riservato - è vietato l'utilizzo dei contenuti del sito senza l'autorizzazione dei gestori. Privacy Policy | Cookie Policy