Dall'Italia  Tue, 01 Dec 2020 20:20 Coronavirus, l'infermiera simbolo della prima ondata: «Sarà un Natale diverso» - Coronavirus, l'infermiera simbolo della prima ondata: «Sarà un Natale diverso» «Servirebbe una nuova immagine del sacrificio dei miei colleghi» - Ansa    Tue, 01 Dec 2020 19:33 Covid, Brusaferro: «Vaccino in tempi record ma non vuol dire che non sia sicuro, non ci saranno deroghe» - Covid, Brusaferro: «Vaccino in tempi record ma non vuol dire che non sia sicuro, non ci saranno deroghe» Lo ha detto il Presidente dell'Istituto Superiore di Sanità, Silvio Brusaferro, al punto stampa al ministero sulla situazione epidemiologica. - AGTW    Tue, 01 Dec 2020 18:58 Covid, Rezza: «Oggi 19.350 casi e 785 decessi. L'incidenza dei positivi in Italia è fra le più alte d'Europa» - Covid, Rezza: «Oggi 19.350 casi e 785 decessi. L’incidenza dei positivi in Italia è fra le più alte d’Europa» Così Gianni Rezza, Direttore Generale della Prevenzione del Ministero della Salute - AGTW    Tue, 01 Dec 2020 18:20 Covid, Bassetti: «Il tampone prima di vedere i parenti a Natale? Lo sconsiglio, è fuorviante» - Covid, Bassetti: «Il tampone prima di vedere i parenti a Natale? Lo sconsiglio, è fuorviante» L’infettivologo ospite di Tagadà su La7 - Corriere Tv    Tue, 01 Dec 2020 12:46 Covid, Crisanti: «Si parla di sci con 600 morti al giorno. Non siamo un Paese normale» - Covid, Crisanti: «Si parla di sci con 600 morti al giorno. Non siamo un Paese normale» Il commento del direttore del laboratorio di microbiologia dell’Università di Padova. - Corriere Tv    Tue, 01 Dec 2020 12:44 Andreoni: «I politici si facciano vaccinare tutti, sarebbe un ottimo segnale» - Andreoni: «I politici si facciano vaccinare tutti, sarebbe un ottimo segnale» L’infettivologo ha lanciato l’appello durante la trasmissione Agorà su Rai 3 - Ansa    Tue, 01 Dec 2020 11:44 Spostamenti vietati e hotel di montagna chiusi: tutto quello che c'è da sapere sul Natale. La videoscheda - Spostamenti vietati e hotel di montagna chiusi: tutto quello che c’è da sapere sul Natale. La videoscheda Le misure allo studio per il periodo festivo - Ansa    Tue, 01 Dec 2020 10:58 C'è un lupo che si aggira nel parcheggio della Barilla - C’è un lupo che si aggira nel parcheggio della Barilla L’animale cammina nella nebbia - Corriere Tv    Tue, 01 Dec 2020 10:00 Rider per un giorno a Napoli (1 ora di lavoro, 3 euro di guadagno) - Rider per un giorno a Napoli (1 ora di lavoro, 3 euro di guadagno) Una giornata con Marco e Vincenzo: come si lavora e quanto si guadagna - Corriere Tv    Tue, 01 Dec 2020 08:25 Divorzio: 50 anni fa la riforma in Italia - Divorzio: 50 anni fa la riforma in Italia La legge aprì la stagione dei nuovi diritti dopo una lunga battaglia sociale - Ansa    Tue, 01 Dec 2020 00:52 Caso Air Force, il giornalista di Report fa innervosire Renzi: «Lei deve studiare, serve un corso di formazione» - Caso Air Force, il giornalista di Report fa innervosire Renzi: «Lei deve studiare, serve un corso di formazione» L’ex premier: «Non troverà mai il mio nome, in quel momento stavo guidando il Paese» - Ansa    Mon, 30 Nov 2020 22:31 In Lombardia riaprono i centri commerciali, ad Arese torna ad animarsi il Centro - In Lombardia riaprono i centri commerciali, ad Arese torna ad animarsi il Centro Code davanti ad alcuni negozi e qualche disagio all'ingresso del parcheggio - Ansa    Mon, 30 Nov 2020 22:29 Costa Masnaga-Sassari, lo show di Matilde Villa - Costa Masnaga-Sassari, lo show di Matilde Villa Gli highlights del match che ha consacrato il nuovo fenomeno del basket italiano - Corriere Tv    Mon, 30 Nov 2020 19:24 De Luca: "Al sud 50% risorse Ue o questione Meridionale è morta" - De Luca: "Al sud 50% risorse Ue o questione Meridionale è morta" Lo ha detto il presidente della Regione Campania in Consiglio regionale - Agenzia Vista/Alexander Jakhnagiev    Mon, 30 Nov 2020 19:19 Mes, Gualtieri: "Non porrò veti, non rispetterebbe indicazioni Parlamento" - Mes, Gualtieri: "Non porrò veti, non rispetterebbe indicazioni Parlamento" Il ministro dell'Economia in audizione in Parlamento - Agenzia Vista/Alexander Jakhnagiev    
Cultura, arte e musica
18/05/2012
LA MESSA E' FINITA !
di MaestroCastello

La messa è proprio finita a Sant’Agata di Puglia, paese dell’entroterra della Daunia, ai confini con Campania e Basilicata, arrampicato su di una montagna esilarante che sembra il punto di contatto tra terra e cielo. Se lo guardi di sera, mentre percorri il tratto d’autostrada Napoli - Bari, ti fa tenerezza, pare un presepio vivente con tutte quelle lucine colorate; apposta la regina Paola di Liegi una sera che percorreva l’autostrada ne rimase incantata ed espresse il desiderio di visitarlo. Questa amena cittadina pugliese è composta di case tutte scavate nella roccia, dalla bellezza architettonica incredibile e vanta la presenza di chiese a decine: San Nicola, San Angelo, Sant’Andrea, Sant’Antonio, San Rocco, la Madonna delle Grazie, la Madonna dell’Arco e cappellette varie ; un tempo ognuna aveva il proprio parroco che, fino a non molto tempo fa, celebrava i sacramenti in ogni giorno dell’anno. Quei preti ora sono in gran parte defunti o ultrapensionati e non c’è mai stato il ricambio;  il paese è stato ultimamente affidato alla cura spirituale di due eccezionali frati francescani che officiavano, a turno, in tutte le chiese di questo paese foggiano. In Italia si fa sentire la penuria di preti e la riorganizzazione delle diocesi porta spesso a lasciare piccoli centri senza la presenza fissa di un sacerdote. Il governo taglia insegnanti, uffici postali, servizi di trasporto e la Chiesa taglia sui preti. Ebbene Sant’Agata di Puglia, per ordine scritto del vescovo di Foggia e del Superiore francescano, dal 15 maggio 2012 è senza un prete; in quanto i due frati hanno avuto l’ordine di abbandonare. Sant’Agata è giustamente in rivolta ed alcuni cittadini si sono perfino incatenati nel tentativo di trattenere i due frati che, avendo pronunciato voto di obbedienza, non possono fare altrimenti. La notizia è rimbalzata sulle pagine di quotidiani locali e nazionali e teletrasmessa da “Telenorba”,”TG 3” e “Vita in diretta”; ma sembra non aver sortito ripensamenti da parte delle autorità ecclesiastiche competenti e probabilmente non ne sortirà in futuro.  Anche se la fine sembra ineluttabile, a noi corre l’obbligo di fare alcune considerazioni di merito. Ho visionato il video di commiato del frate-parroco Padre Eugenio e l’ho trovato davvero toccante e mi ha suggerito più di uno spunto di riflessione. Padre Eugenio, il frate che fungeva da parroco, è una persona burrosa, colta, intelligente, umana, ricorda  nell’aspetto Mario Monti, ma più simpatico; in poco più di un anno s’è calato nella realtà di un paese che non era il suo, fino a confondersi e sentirsene parte integrante, ha creato rapporti umani con tutti, ha presenziato in ogni occasione, anche tra strade impervie del paese, ha relazionato bene con i bambini, con i giovani e con gli anziani; insomma è stato il fulcro di questo paese che, attraverso lui, ha conosciuto il Vangelo, senza doversi scomodare a leggerlo. Questi sono i preti veri che piacciono a noi! Bravo Padre Eugenio, lo so che devi andare, ma ti ho visto commosso e combattuto  tra i tuoi sentimenti di uomo ed i tuoi doveri di frate; ti capisco e ti apprezzo. Ora arriverà l’incaricato di turno, quello che  dirà la messa forse solo la domenica a tutto il paese e tornerà ogni volta che muore qualcuno e quella vecchietta del video, rimasta senza nessuno, che viveva solo di chiesa, chi la consolerà? Forse dirà il rosario da  sola  nel chiuso della propria casa, pensando alle parole di Santa Teresa del Bambino Gesù: “Col Rosario si può ottenere tutto, esso è una lunga catena che lega il cielo e la terra; una delle estremità è nelle nostre mani e l’altra in quelle della Vergine” e aspetterà che si compia il miracolo e magari che un altro Padre Eugenio arrivi a Sant’Agata di Puglia.  La domanda che ci poniamo è che se oggi rischiamo di vedere un intero paese senza un prete, cosa succederà fra qualche anno ai nostri figli? Stanno emergendo nuove forme di comunità cristiana, le cosiddette unità pastorali che obbligano a reimpostare tutta la pastorale che coinvolge anche i laici. E’ vero che i laici non possono officiare il rito della Santa Messa e mutare il pane e il vino in corpo e sangue di Cristo; ma sono in grado di compiere tante altre funzioni che ieri erano di esclusiva competenza sacerdotale. Anche in un paese senza sacerdoti non deve mancare l'assistenza agli anziani, il catechismo ai bambini, il conforto a chi è in difficoltà. In questa sofferta fase di transizione, occorre chiederci se i laici cristiani siano pronti ad assumersi le responsabilità che derivano anche da questi cambiamenti. Provvidenzialmente questi cambiamenti possono diventare una occasione propizia per far capire finalmente  le responsabilità che sono  riservate loro perché cristiani battezzati. Dobbiamo però porci alcune domande. Esiste ancora una risorsa sufficiente di cristiani, oppure oltre alla carenza di preti dobbiamo anche riflettere sulla carenza di cattolici praticanti? Paura? In fondo gli apostoli erano dei semplici pescatori e se loro hanno saputo rispondere alla chiamata divina; perché non possiamo farlo anche noi? Da questo dipenderà il nostro futuro di essere dei cristiani e saremo sicuri che un paese potrà pure rimanere senza un prete; ma non resterà mai senza il conforto di Dio.

Buona vita!

maestrocastello

 

Facebook Twitter Google+
Autorizzazione del Tribunale di Foggia n.20 del 20 settembre 2006
Direttore Responsabile Samantha Berardino



Quotidiano di Video Informazione on-line. Direttore Responsabile: Samantha Berardino
Reg.Trib. di Foggia n.20 del 20 settembre 2006. Tutti i diritti sono riservati.
Direzione e Redazione: Via G.Garibaldi, 44 - 71028 Sant'Agata di Puglia (FG) Tel. +39 0881 984319 - +39 368 7216910
La collaborazione a qualsiasi titolo deve intendersi gratuita.
Segnalazioni: Leonardo Capano redazione@santagatesinelmondo.it

Tutto il materiale presente in questo sito è strettamente riservato - è vietato l'utilizzo dei contenuti del sito senza l'autorizzazione dei gestori. Privacy Policy | Cookie Policy