Dall'Italia  Mon, 28 May 2018 01:52 Di Maio e la telefonata a Fazio: «Chiederemo la messa in stato d'accusa di Mattarella» - Di Maio e la telefonata a Fazio: «Chiederemo la messa in stato d'accusa di Mattarella» Così il capo poltico del M5S intervenuto al telefono a "Che tempo che fa" - LaPresse    Mon, 28 May 2018 01:18 Di Battista: «Presidente Repubblica non si deve immischiare con accordo Lega-M5S» - Di Battista: «Presidente Repubblica non si deve immischiare con accordo Lega-M5S» Alessandro Di Battista dal palco M5S a Fiumicino - Agenzia Vista/Alexander Jakhnagiev    Mon, 28 May 2018 01:15 «Non è l'Arena», Salvini in diretta va avanti e indietro parlando al telefono - «Non è l'Arena», Salvini in diretta va avanti e indietro parlando al telefono Giletti: "Vorrei essere una mosca per sentire cosa sta dicendo" - LaPresse    Mon, 28 May 2018 01:13 E Savona cita Sant'Agostino: «Mi spiace, ho fatto e detto tutto quello che era necessario» - E Savona cita Sant'Agostino: «Mi spiace, ho fatto e detto tutto quello che era necessario» Il ministro indicato dalla Lega che ha provocato lo strappo con il Mattarella - Nino Luca    Mon, 28 May 2018 00:38 Dopo la rinuncia di Conte, Di Maio e Di Battista vanno a Fiumicino - Dopo la rinuncia di Conte, Di Maio e Di Battista vanno a Fiumicino Riunione dello stato maggiore del M5s che ora è in piazza nella cittadina - LaPresse    Mon, 28 May 2018 00:25 «Non è l'Arena», Giorgia Meloni al telefono con Giletti ma la figlia fa i capricci in diretta - «Non è l'Arena», Giorgia Meloni al telefono con Giletti ma la figlia fa i capricci in diretta La presidente di Fratelli d’Italia su La7 - LaPresse    Mon, 28 May 2018 00:16 Conte: «In bocca al lupo a Cottarelli? A chiunque, soprattutto all'Italia» - Conte: «In bocca al lupo a Cottarelli? A chiunque, soprattutto all'Italia» Il professore dopo aver rimesso l'incarico - IMAGOECONOMICA    Sun, 27 May 2018 23:11 Mattarella, il discorso integrale: «Non posso subire imposizioni sui ministri» - il discorso integrale - Mattarella, il discorso integrale: «Non posso subire imposizioni sui ministri» - il discorso integrale Le parole del capo dello Stato - Corriere TV    Sun, 27 May 2018 22:59 Di Maio: «Ci è stato impedito di formare il governo del cambiamento» - Di Maio: «Ci è stato impedito di formare il governo del cambiamento» Il commento del leader M5S - Agenzia Vista/Alexander Jakhnagiev    Sun, 27 May 2018 22:50 Conte: "Ho rimesso il mandato, profuso massimo sforzo" - Conte: "Ho rimesso il mandato, profuso massimo sforzo" Il discorso dopo l'incontro con Mattarella - LaPresse    Sun, 27 May 2018 22:33 Le prime parole di Conte lasciando il Quirinale: «Torno a fare il privato cittadino e il professore» - Le prime parole di Conte lasciando il Quirinale: «Torno a fare il privato cittadino e il professore» La battuta del professore appena dopo aver rimesso il suo mandato in Quirinale - elive    Sun, 27 May 2018 22:14 Governo, Salvini: «Se uno non può fare il ministro perché preoccupa l'Ue allora si torna al voto» - Governo, Salvini: «Se uno non può fare il ministro perché preoccupa l'Ue allora si torna al voto» L'intervento di Matteo Salvini al congresso della Lega di Terni - Agenzia Vista/Alexander Jakhnagiev    Sun, 27 May 2018 21:19 Conte entra nell'ufficio del presidente della Repubblica Mattarella - Conte entra nell'ufficio del presidente della Repubblica Mattarella Il premier incaricato al Quirinale - Agenzia Vista/Alexander Jakhnagiev    Sun, 27 May 2018 21:13 Conte attraversa a piedi il cortile del Quirinale per incontrare il presidente della Repubblica - Conte attraversa a piedi il cortile del Quirinale per incontrare il presidente della Repubblica Il premier incaricato arriva al Quirinale - Agenzia Vista/Alexander Jakhnagiev    Sun, 27 May 2018 19:29 Governo, Toninelli (M5S): «A buon punto, auspico chiusura entro sera» - Governo, Toninelli (M5S): «A buon punto, auspico chiusura entro sera» «Savona è molto competente, il cv parla prima di lui. Governo M5S-Lega è il più rappresentativo da 31 anni» - LaPresse    
Artemisium News
09/02/2018
FOIBE : IL 10 FEBBRAIO IL GIORNO DEL RICORDO
di Samantha Berardino

 

In memoria delle vittime delle foibe, le cavità carsiche in cui furono gettati i corpi di molti italiani uccisi sul confine jugoslavo

di Samantha Berardino

Dopo la Giornata della memoria del 27 gennaio dedicata alle vittime dell'Olocausto, con lo stesso scopo di non tacere e non dimenticare un'altra pagina cruenta della nostra storia, il 10 febbraio in Italia si celebra il Giorno del ricordo, in memoria dei martiri delle foibe, ennesimo esempio di pulizia etnica, al pari degli efferati crimini nazisti.

La ricorrenza non nasce per celebrare, quanto per dare luce a una vicenda molto complessa tenuta nascosta per 60 anni e per non dimenticare l'esodo dalle loro terre degli istriani, fiumani e dalmati nel secondo dopoguerra e le più complesse vicende del confine orientale.

Siamo in Istria nel 1943, quando ormai era caduto il fascismo dell'Italia e le truppe e i corpi di polizia erano disorientati dalla situazione. In questa atmosfera, i partigiani di Tito marciano verso Trieste per conquistare terreno e prendere i territori italiani della Dalmazia e dell'Istria.

Sono gli anni dell'esodo istriano o esodo giuliano-dalmata, significativo fenomeno di diaspora che si verificò al termine della seconda guerra mondiale dall'Istria, dal Quarnaro e dalla Dalmazia da parte della maggioranza dei cittadini di lingua italiana e di coloro che diffidavano del nuovo governo jugoslavo, in seguito all'occupazione di tali regioni da parte dell'Armata Popolare di Liberazione della Jugoslavia del maresciallo Josip Broz Tito.

Gli eccidi furono perpetrati per motivi etnici o politici, ai danni della popolazione italiana della Venezia Giulia e della Dalmazia, durante la seconda guerra mondiale e negli anni immediatamente seguenti. Il nome deriva dai grandi inghiottitoi carsici dove furono gettati i corpi di centinaia di vittime, che nella Venezia Giulia sono chiamati, appunto, foibe.

In realtà la maggior parte degli eccidi fu svolta nei campi di prigionia jugoslavi o durante la deportazione verso di essi e in questa pulizia etnica furono coinvolti prevalentemente cittadini di etnia italiana e, in misura minore e con diverse motivazioni, anche cittadini italiani di etnia slovena e croata.

Le foibe venivano usate per l'occultamento di cadaveri con tre scopi: eliminare gli oppositori politici e i cittadini italiani che si opponevano (o avrebbero potuto opporsi) alle politiche del Partito Comunista Jugoslavo di Tito.

Gli scritti dell'allora sindaco di Trieste, Gianni Bartoli, nonché alcuni documenti inglesi riportano che molte migliaia di persone sono state gettate nelle foibe locali riferendosi alla sola città di Trieste e alle zone limitrofe, non includendo dunque il resto della Giulia, dell'Istria (dove si è registrata la maggioranza dei casi) e della Dalmazia. In possesso di queste informazioni il Governo De Gasperi nel maggio 1945 chiese ragione a Tito di 2.500 morti e 7.500 scomparsi nella Venezia Giulia. Tito confermò l'esistenza delle foibe come occultamento di cadaveri e i governi jugoslavi successivi mai smentirono.

Il testo di legge che istituisce questa giornata arriva nel 2004 e segna un mutamento di atteggiamento da parte della comunità nazionale nei confronti degli esuli giuliano-dalmati. Alla legge si è arrivati con un consenso esteso delle forze politiche. La legge è arrivata dopo un lunga attesa della comunità degli esuli, durata oltre 60 anni. La divisione in blocchi dell'Europa aveva reso impossibile il riconoscimento dei loro diritti agli esuli. La caduta dei blocchi ha permesso che finalmente venisse riconosciuta la loro tragedia.

Il Giorno del ricordo viene celebrato dalle massime autorità politiche italiane con una cerimonia solenne nel palazzo del Quirinale al cospetto del Presidente della Repubblica. In contemporanea in molte città si tengono celebrazioni di commemorazione presso i monumenti e le piazze dedicate ai tragici avvenimenti.

Video: Un filmato
Facebook Twitter Google+
Autorizzazione del Tribunale di Foggia n.20 del 20 settembre 2006
Direttore Responsabile Samantha Berardino



Quotidiano di Video Informazione on-line. Direttore Responsabile: Samantha Berardino
Reg.Trib. di Foggia n.20 del 20 settembre 2006. Tutti i diritti sono riservati.
Direzione e Redazione: Via G.Garibaldi, 44 - 71028 Sant'Agata di Puglia (FG) Tel. +39 0881 984319 - +39 368 7216910
La collaborazione a qualsiasi titolo deve intendersi gratuita.
Segnalazioni: Leonardo Capano redazione@santagatesinelmondo.it

Tutto il materiale presente in questo sito è strettamente riservato - è vietato l'utilizzo dei contenuti del sito senza l'autorizzazione dei gestori. Privacy Policy | Cookie Policy