(12/05/2019)
GINO MARCHITELLI E L'AMORE PER LA MAMMA
(Sant’Agata di Puglia, 11-11-1910; Roma 01-12-1996)di Dora Donofrio Del Vecchio

di Dora Donofrio Del Vecchio

Gino Marchitelli nacque a Sant’Agata di Puglia l’11 novembre 1910. Frequentò a Sant’Agata di Puglia le scuole elementari ed i primi tre anni di ginnasio presso mons. Donato Pagano. Fu iniziato allo studio del greco dal prof. Francesco De Carlo. Nel 1926 il Marchitelli si trasferì a Napoli, ove completò gli studi ginnasiali per iscriversi al Liceo artistico. Nel 1933, dopo aver attentamente vagliato la possibilità di iscriversi all’Accademia di pittura, trovò più congeniale iscriversi alla facoltà di Architettura. Si laureò nel 1938, nel ’39 superò l’esame di abilitazione all’esercizio professionale, ed era già impegnato in due studi di ingegneria a Napoli. Nello stesso anno si trasferì a Roma. Con la pittura e l’architettura, Gino Marchitelli ha coltivato da giovane età l’amore per gli studi letterari, la poesia, il romanzo, la commedia, la ricerca linguistica dialettale, amore che gli consentì di pubblicare tre raccolte di poesie dialettali: 795 sul mare (1937), E ije torne (1973) Piézze re ciéle (1987); le novelle sotto il titolo 72 rate di amore (1933), il romanzo umoristico Senso rotatorio (1934), il Vocabolario del dialetto santagatese (1983), il volume Teatro Santagatese (1987).Della raccolta di poesie del 1973, E ije torne, la gemma è la lirica Re mmene toje, dedicata alla mamma morta. Lirica che rileggiamo insieme commossi, oggi, 11 maggio 2014, festa della Mamma, in ricordo di Gino e con tanto amore per tutte le Mamme che sono in Cielo a pregare per noi.

Re mmène toje

Re mmène toje, mamma, quére mmène

Che pe la prima volda s’appusciàrene

Spussète

Sopa a re ccarne mije,

quere mmène

che m’hanne accarezzète

che m’hanne arravugliète

che m’hanne cunnelète,

quere mmène

che m’hanne accumbagnète

che m’hanne salutète

che m’hanne beneritte

che m’hanne scritte tante e tanda volde

che m’hanne cunfurtète

ch’hanne assuchète làhrene e serore;

re mmène toje ,mamma, che chiuriérne

l’uocchie r’Andeniucce e che scettarne

nu pùneje re terra,

lu core tuje restrutte

sop’a quire taùte c’ascennéva,

re mmène, quere mmène che strengiérne

re mmène mìje quanne quera notte

chiangiémme nzieme chi n’aveva rète

tutte lu core suje, fatehanne

na vita sèna pe la chesa nostra,

re mmène toje, mamma,

re mmène toje chiéne re fatihe

ch’ije chiangènne t’agge accarezzète

nunn’hanne strette chiù re mmène mije

nun m’hanne ritte

quere che tu a parole nu recive,

e quante agge sendute

ca n’alde munne attuorne me caréva,

quanne affucanne ije t’agge chiamète

e quere mmène fredde agge vasète,

m’eja sembrète

ca quera crona angora se muvesse

ca tu prehasse angora e che recisse

cu n’uldeme respire:

“Te raccumanne figlieme, Signore”.

(da G. Marchitelli, e ije torne, Sant’Agata di Puglia 1973, pp. 46-47)