Dall'Italia  Tue, 12 Nov 2019 08:18 «Così la ‘Ndrangheta arruola i bambini soldato» - Aveva meno di dieci anni quando gli misero in mano una pistola. Se lo ricorda perché le dita erano piccole, l’arma pesante e nel tentativo di scarrellare si fece male al pollice. E’ Luigi Bonaventura, un collaboratore di giustizia che ha preso parte a decine di processi. Ha terminato il suo programma di produzione mentre la sua famiglia è ancora sotto la tutela dello Stato. Lui è stato un bambino soldato della ‘ndrangheta. «Si cresce in famiglie che ti inculcano la subcultura mafiosa con padri e zii che ti indottrinano al culto della famiglia ‘ndranghetista. Cominciano portandoti le armi in casa, insegnandoti a pulirle, a maneggiarle, a caricarle e magari ti fanno ripetere il “giochino”. Poi ti fanno vedere i fucili da assalto e tu che sei piccolo ne rimani affascinato. Assisti a perquisizioni, agli arresti, ti insegnano a disprezzare le forze dell’ordine. Sono tutte cose che alla fine, da bambino, ti condizionano e ti segnano la vita». Bonaventura ricorda anche che veniva spesso portato al macello dove gli insegnavano a squartare gli animali ad avere confidenza con il sangue. «All’epoca io queste cose non le capivo, poi da grande ho compreso che era un modo per farmi prendere dimestichezza con la morte». Bonaventura racconta che queste pratiche aiutano quando si commette il primo omicidio: «Fino al momento che spari non senti niente». Ancora oggi il clan praticano l’educazione criminale nei confronti dei bambini come dimostrano due recenti indagini in Piemonte e in Calabria. Per esempio nelle intercettazioni tratte dagli atti della direzione distrettuale antimafia di Torino, sfociata nelle operazioni «Criminal Consulting» e «Pugno di ferro» dell’ottobre 2019, si sente un uomo che dialoga con dei ragazzini e li invita a sentirsi orgogliosi di appartenere alla ‘ndrangheta. Oppure negli atti di un’inchiesta del settembre 2019 della procura di Reggio Calabria in cui un boss della piana di gioia Tauro addestra il figlio di otto anni al crimine. Nell’ordinanza si legge che il figlio minorenne di uno degli indagati non solo si rivelava consapevole dell’attività svolta dei genitori coinvolti in un commercio di stupefacenti, ma vi partecipava anche suscitando l’ammirazione del padre che osservava orgogliosamente che un giorno «gli avrebbe fatto le scarpe». Il trafficante di droga parlava tranquillamente con il figlio delle dosi e di armi istruendolo anche su come venivano risolti i contrasti con i fornitori internazionali «Che facevano ? una guerra succedeva qua - diceva - avevano Kalashnikov tutto così lo potevi ammazzare lo sotterravi e non sapeva niente nessuno invece i colombiani venivano qua e sai che facevano? il macello». Il presidente del tribunale di minori di Reggio Calabria Roberto di Bella dopo aver visto per anni bambini utilizzati nel trasporto di droga e di armi o nella cura dei latitanti ha cominciato a sperimentare provvedimenti di allontanamento dei minori dalle famiglie di ndrangheta. Provvedimenti che ovviamente valutano situazioni caso per caso. Ad oggi il tribunale dei minori di Reggio Calabria ha adottato 60 provvedimenti di allontanamento dalle famiglie nei confronti di 70 minorenni. Al momento 30 nuclei familiari hanno abbandonato la Calabria dissociandosi dalle logiche criminali. «Mi ricordo di un ragazzino coinvolto a pieno titolo dell’attività della sua famiglia e che era costretto a trasportare armi da guerra e ad assistere al taglio delle dosi di droga. Ora il padre in carcere ed il ragazzino in un’altra località ed è finalmente libero, libero di studiare, di muoversi, di essere, ora che è più grande , un adolescente normale». Di Bella ha portato questa sua esperienza in un libro di recente pubblicazione «Liberi di scegliere», dove racconta le storie di questi ragazzi, i loro traumi e i loro sogni. «Anche noi collaboratori di giustizia in qualche modo abbiamo portato via i nostri figli dai tentacoli dei clan. Loro fanno una vita di sacrifici, che non hanno scelto, rischiando la vita per gli errori che noi abbiamo commesso e subendo una serie di disfunzioni e difficoltà». Spiega Bonaventura che grazie anche al sostegno di sua moglie ha fondato l’associazione sostenitori dei collaboratori e testimoni di giustizia e sta creando una ong per difendere i minori che crescono negli ambienti mafiosi “Stop mafia’s children soldiers”. «Noi togliamo i nostri figli dalle origini per portarli in un ambiente migliore - spiega Giovanni Sollazzo, tesoriere del comitato sostenitori dei collaboratori e testimoni di giustizia - in quanto nelle nostra terra potrebbero diventare possibile manovalanza della criminalità organizzata. Quindi li sradichiamo da quel territorio e li portiamo in un territorio sano ma in un certo senso anche a loro ostile, perché vengono esposti a molti pericoli e a molte discriminazioni: dobbiamo insegnargli a dire le bugie perché non possono dire il papà che lavoro fa, non possono dire da dove vengono né dove abitano, non possiamo avere il nome sul citofono di casa e a scuola sono facilmente individuabili. Per questo ci sarebbe bisogno di maggiore attenzione da parte del legislatore nei confronti dei familiari dei collaboratori e dei testimoni di giustizia perché possano avere una vita normale». Spesso però i ragazzini raggiungono una maturità ed una sensibilità a volte inaspettata: «Era la festa del papà – racconta Luigi Bonaventura - e ricevetti una lettera dai miei figli. C’erano scritte tante cose belle mi ringraziavano per le cose che riuscivo a dargli, per i regali e per l’affetto. Sembrava una lettera ordinaria di bambini normali. Invece alla fine c’era la sorpresa, perché nelle ultime righe scrissero: papà grazie soprattutto perché non ci hai condotto verso il percorso di una vita criminale ».    Tue, 12 Nov 2019 01:22 Clinton incontra Zingaretti a New York: "Sono così felice di vederti, Thank you!" - Clinton incontra Zingaretti a New York: "Sono così felice di vederti, Thank you!" La visita de segretario del Pd, Nicola Zingaretti negli Usa - Agenzia Vista/Alexander Jakhnagiev    Mon, 11 Nov 2019 23:40 Conte: "Vicino a militari feriti in Iraq" - Conte: "Vicino a militari feriti in Iraq" Le parole del Presidente del Consiglio - Agenzia Vista/Alexander Jakhnagiev    Mon, 11 Nov 2019 23:39 Migranti, Conte: "Serve gestione europea del fenomeno" - Migranti, Conte: "Serve gestione europea del fenomeno" Il Presidente del Consiglio Giuseppe Conte ha incontrato Angela Merkel a Villa Pamphili a Roma - Agenzia Vista/Alexander Jakhnagiev    Mon, 11 Nov 2019 23:38 Migranti, Merkel: "Serve equa ripartizione, Malta primo passo" - Migranti, Merkel: "Serve equa ripartizione, Malta primo passo" Il Presidente del Consiglio Giuseppe Conte ha incontrato Angela Merkel a Villa Pamphili a Roma - Agenzia Vista/Alexander Jakhnagiev    Mon, 11 Nov 2019 22:16 Immigrazione, Conte: «Unica strada è una strategia europea» - Immigrazione, Conte: «Unica strada è una strategia europea» Immigrazione, Conte: «No a forze disgregative, no a intolleranza» - AGTW    Mon, 11 Nov 2019 21:48 Conte: «La Nato resta pilastro della politica internazionale» - Conte: «La Nato resta pilastro della politica internazionale» Le parole del Presidente del Consiglio - Agenzia Vista/Alexander Jakhnagiev    Mon, 11 Nov 2019 21:46 Militari feriti in Iraq, Conte: «A loro attenzione e vicinanza» - Militari feriti in Iraq, Conte: «A loro attenzione e vicinanza» Le parole del premier in conferenza stampa con la cancelliera Angela Merkel - Ansa    Mon, 11 Nov 2019 21:41 Ex Ilva, Conte: «Ci confronteremo con Germania per soluzioni avanzate» - Ex Ilva, Conte: «Ci confronteremo con Germania per soluzioni avanzate» Il premier in conferenza stampa con la cancelliera tedesca Angela Merkel - Ansa    Mon, 11 Nov 2019 21:38 Libia, Conte: «Lavoriamo per un rapido cessate il fuoco» - Libia, Conte: «Lavoriamo per un rapido cessate il fuoco» Libia, Conte: «No a soluzioni militari» - AGTW    Mon, 11 Nov 2019 21:25 Ex-Ilva, Conte: "Con Merkel ci siamo ripromessi cooperazione, tutelare salute e lavoro" - Ex-Ilva, Conte: "Con Merkel ci siamo ripromessi cooperazione, tutelare salute e lavoro" Le parole del Presidente del Consiglio - Agenzia Vista/Alexander Jakhnagiev    Mon, 11 Nov 2019 21:11 Ex Ilva, Conte: «Lavoriamo per tutela posti di lavoro e salute» - Ex Ilva, Conte: «Lavoriamo per tutela posti di lavoro e salute» Il premier: «Il "Cantiere Taranto" è una sfida importante per il governo» - AGTW    Mon, 11 Nov 2019 21:06 Ex-Ilva, Emiliano: "Non si puo' prescindere da decarbonizzazione della zona" - Ex-Ilva, Emiliano: "Non si puo' prescindere da decarbonizzazione della zona" Le parole del Presidente della Puglia - Agenzia Vista/Alexander Jakhnagiev    Mon, 11 Nov 2019 21:00 L'ironia di Lamorgese: «Sono diventata ossessione per Salvini, ma la mia squadra è la stessa che aveva lui» - L'ironia di Lamorgese: «Sono diventata ossessione per Salvini, ma la mia squadra è la stessa che aveva lui» L'ironia di Lamorgese - IMAGOECONOMICA    Mon, 11 Nov 2019 20:56 Merkel accolta da Conte al suo arrivo a Villa Pamphili - Merkel accolta da Conte al suo arrivo a Villa Pamphili L'incontro con la Cancelliera tedesca - Agenzia Vista/Alexander Jakhnagiev    
Artemisium News
09/10/2019
IL FILO DELLA MEMORIA : LA VENDEMMIA, IL MAIALE
di Mario De Capraris
 

Negli anni Cinquanta uno tra gli altri grandi avvenimenti della società agricola di allora era costituito dalla vendemmia. Il segnale che si stava avvicinando il momento si aveva dall'improvviso interesse per le botti, che stavano giù in cantina. Il compito di pulirle spettava ai bambini, che si infilavano attraverso la stretta apertura anteriore e raschiavano all'interno la crosta secca dell'anno precedente. Finché un mattino di ottobre, che era ancora buio, si veniva svegliati e si andava quasi dormendo sulla strada del mulino fuori paese, dove stava aspettando il camion. Questo si avviava pieno di barili vuoti per scaricarli oltre il bosco delle Cesine, nella radura, perchè non poteva andare oltre, a causa dell'asperità del terreno, e andavia via per tornare la sera a riprendere i barili pieni di mosto. La vigna estiva, quella assolata di quando si era irrorato il verderame, era ormai un lontano ricordo. L'aspetto era completamente cambiato. Adesso era piena di gente che si affannava a tagliare grappoli dalle viti. E intanto che quelli tagliavano, altri trasportavano i cesti d'uva e li scaricavano nel tino, dove una donna, la veste alzata, pigiava a gambe scoperte sull'uva, mentre il mosto colava. E dopo che il mosto colato aveva riempito il secchio, questo lo si svuotava nei barili. Ma si vedeva che sul paesaggio mancava lo splendore dell'estate. Mancavano i toni accesi. C'era un inspiegabile silenzio. Tutte le cicale, tutti gli uccelli erano andati via. La natura era un teatro in cui avevano smontato le scene e spento le luci. Quelli che si aggiravano tra le viti erano delle comparse che recitavano un copione sperando di ripetere i fasti di una commedia irripetibile. Si sapeva che, finita la vendemmia, ci sarebbe stato solo lo squallore. Ebbene, perché allora, tra tutte le difficoltà derivanti dalla mancanza di beni essenziali, di denaro, di mezzi e anche di forza fisica, si fosse così ossessionati a fare il vino, è qualcosa di inspiegabile. Venderlo non si vendeva. Raramente veniva lo sparuto cliente. Gli si riempiva la bottiglia, quello assaggiava il vino e subito si affrettava a disprezzarlo: “E' nu gnostre” (é un inchiostro). Evidentemente si coltivava la vigna perchè un campagnolo senza vigna non poteva ritenersi tale. Anzi tra parenti ci si giudicava tramite il vino. La considerazione dell'altro era fatta in virtù del vino che ognuno era capace di produrre. Il vino era il loro metro di giudizio, anche se tutti lo facevano scadente. È sorprendente come questa bevanda fosse la componente di base nella dieta di ognuno.. Più che il cibo, era importante che a tavola ci fosse il vino. Su quest'ultimo circolavano storielle come sulla chiesa. Famosa la storiella del monaco dalla rinomata arte oratoria. Costui fu chiamato a fare la predica nella messa della festa annuale. Quando a fine cerimonia gli fu chiesto perché avesse parlato solo del Padre e del Figlio, rispose che due erano stati i fiaschi che gli erano stati regalati - e che aveva bevuto - e due erano stati gli argomenti di cui aveva parlato. Se gli avessero offerto un terzo fiasco, avrebbe parlato anche dello Spirito Santo. E tutti erano concordi con lui perché non poteva essere diversamente. In fondo il vino era il motore di tutto, al punto che poteva anche determinare se trattare o meno un argomento. Ma quello che veniva prodotto era un vino che andava subito a male, visto che ancora non era in uso l'anidride solforosa. E che fosse un vino terribile lo confermava il fatto che, dopo averlo bevuto, ci si consolava dicendo che bastava farci l'abitudine. Era incredibile come ci si attaccava al fiasco e si tracannasse tutto d'un fiato in una sola volta anche un litro di vino. E con che disinvoltura si passava il fiasco al bevitore successivo con tutta la bava la saliva e i germi inclusi. Certi si attaccavano alla bottiglia di primo mattino, a colazione. Un po' come prendere il caffè. Che io ricordi, ogni cosa era imbevuta di vino. Il pane? Bagnato nel vino. I taralli? Al vino. Il coniglio? Al vino. Forse ai poppanti il biberon si riempiva metà latte e metà vino. Quando si offriva da bere all'ospite, ovviamente il drink era il vino. Presentargli l'acqua sarebbe stata cattiva educazione. L'acqua da bere si dava agli animali. E a proposito di animali, è il caso di ricordare un'altra operazione che fa parte della storia contadina di alcuni decenni fa, un rito alquanto cruento cui si assisteva con gli occhi disincantati di ragazzi. Nella grotta, oltre che l'asina, verso novembre si teneva anche il maiale, che si era portato dalla campagna perchè si avvicinava il giorno che gli si sarebbe fatto la festa. Nel frattempo la famiglia poteva avere problemi di cosa mettere a tavola, poteva andare incontro alla difficoltà di trovare qualcosa da mangiare la sera, ma che il maiale saltasse il pranzo, o che il cibo per esso fosse al risparmio, questo non doveva assolutamente accadere. Il pastone per il maiale, fosse cascato il mondo, era necessario prepararlo e in quantità abbondante. E la bestia a volte giustamente mostrava di non gradire, sia per il solito menu e sia per i pasti troppo ravvicinati. Finché la festa gliela facevano in tutta segretezza una notte (avveniva di notte per non pagare il dazio) quando le condizioni del tempo erano le più cupe e più fredde. Entravano in casa diversi uomini, in fila indiana, intabarrati di nero, con certi cappellacci neri calati sul volto come tanti cospiratori che non volevano essere riconosciuti, e, senza perdersi in cerimoniali, si dirigevano spediti all'interno della grotta. Tornavano nello stanzone tirando il maiale con la corda, e quello, svegliato che dormiva beatamente, come se avesse capito tutto, facendo resistenza lanciava certi strilli che, alla faccia della segretezza, sicuro lo sentiva anche l'addetto del dazio. Lo facevano accomodare su un tavolaccio e ognuno procedeva a mantenerlo per una estremità, chi teneva una zampa, chi la coda, chi l'orecchio, e apettavano che la bestia si calmasse. Il maiale un po' si calmava, forse perchè si ricredeva dalla convinzione che lo volevano fare a salsicce, ma non era tanto sicuro, infatti ogni tanto lanciava qualche strillo incerto. Non sapeva come interpretare il fatto che lo avessero steso lì pancia all'aria. Era stato sempre trattato bene, tanto che l'avevano fatto diventare obeso a forza delle pietanze esagerate, e adesso... possibile che avessero intenzione di ammazzarlo? Ma non gli davano modo di stare tanto a interpretare la cosa, perchè tutt'assieme, così, a tradimento, con il gesto più naturale del mondo, zac, il coltellaccio affondato nella gola come nel burro a recidere la giugulare, il fiotto di sangue giù nel secchio, mentre i timpani reggevano a stento i decibel delle urla dell'animale. La povera bestia mano mano perdeva le forze e l'operazione era finita. I cospiratori, affidata la carcassa nelle mani sicure del macellaio, con l'aria indifferente di chi non ha fatto altro nella vita che uccidere maiali, lasciavano seduta stante il luogo del misfatto. Qualcuno, data l'ora notturna, se ne usciva anche sbadigliando, come se l'operazione gli avesse conciliato il sonno. Qualcun altro, annusando l'aria, affermava che nella notte avrebbe nevicato.

Mario De Capraris

Facebook Twitter Google+
Autorizzazione del Tribunale di Foggia n.20 del 20 settembre 2006
Direttore Responsabile Samantha Berardino



Quotidiano di Video Informazione on-line. Direttore Responsabile: Samantha Berardino
Reg.Trib. di Foggia n.20 del 20 settembre 2006. Tutti i diritti sono riservati.
Direzione e Redazione: Via G.Garibaldi, 44 - 71028 Sant'Agata di Puglia (FG) Tel. +39 0881 984319 - +39 368 7216910
La collaborazione a qualsiasi titolo deve intendersi gratuita.
Segnalazioni: Leonardo Capano redazione@santagatesinelmondo.it

Tutto il materiale presente in questo sito è strettamente riservato - è vietato l'utilizzo dei contenuti del sito senza l'autorizzazione dei gestori. Privacy Policy | Cookie Policy