Dall'Italia  Mon, 25 Mar 2019 23:54 Salvini: «Al momento non ci sono elementi per dare la cittadinanza a Rami» - Salvini: «Al momento non ci sono elementi per dare la cittadinanza a Rami» Il ministro sul ragazzino eroe di San Donato Milanese - LaPresse    Mon, 25 Mar 2019 23:24 Salvini: «Cittadinanza a Ramy? Stiamo facendo tutti gli approfondimenti del caso» - Salvini: «Cittadinanza a Ramy? Stiamo facendo tutti gli approfondimenti del caso» Il ministro dell'Interno alla presentazione del nuovo libro di Mario Giordano - LaPresse    Mon, 25 Mar 2019 22:55 Governo gialloverde, Bannon: «Si tratta di un esperimento nobile» - Governo gialloverde, Bannon: «Si tratta di un esperimento nobile» L'ex stratega di Trump ha messo in allerta Salvini e Di Maio sugli accordi con la Cina - LaPresse    Mon, 25 Mar 2019 21:21 In cammino tra i sentieri e le meraviglie della Sicilia e della Calabria - In cammino tra i sentieri e le meraviglie della Sicilia e della Calabria Alcuni dei percorsi del Sentiero Italia del Cai in Sicilia (nel Palermitano) e sui monti della Calabria - Corriere Tv    Mon, 25 Mar 2019 20:18 Regionali Basilicata, Zingaretti: "Costruire alternativa a Salvini. Strada è lunga ma giusta" - Regionali Basilicata, Zingaretti: "Costruire alternativa a Salvini. Strada è lunga ma giusta" Il segretario del Pd commenta il voto così - Agenzia Vista/Alexander Jakhnagiev    Mon, 25 Mar 2019 19:34 Bebe Vio trionfa ancora, vittoria numero 21 in Coppa del Mondo: «Conto i giorni per Tokio» - Bebe Vio trionfa ancora, vittoria numero 21 in Coppa del Mondo: «Conto i giorni per Tokio» La campionessa paralimpica si impone anche nella seconda gara della stagione - Corriere Tv    Mon, 25 Mar 2019 18:57 La deputata Faro, gaffe in Aula: la Bundesbank diventa «Bunchbank» - La deputata Faro, gaffe in Aula: la Bundesbank diventa «Bunchbank» L’onorevole Marialuisa Faro, capogruppo M5S in Commissione Bilancio della Camera - Corriere Tv    Mon, 25 Mar 2019 17:15 Igor «il russo» condannato all'ergastolo, Marco Ravaglia: «Il giusto risarcimento per chi ha sofferto» - Igor «il russo» condannato all’ergastolo, Marco Ravaglia: «Il giusto risarcimento per chi ha sofferto» La guardia ecologica ferita quando fu ucciso Valerio Verri parla dal tribunale - Corriere Tv    Mon, 25 Mar 2019 16:54 Banche, Salvini: "Tria firmi i decreti per rimborsi a truffati, non possiamo aspettare l'Europa" - Banche, Salvini: “Tria firmi i decreti per rimborsi a truffati, non possiamo aspettare l'Europa” Le parole del Ministro degli Interni - Agenzia Vista/Alexander Jakhnagiev    Mon, 25 Mar 2019 16:48 Vito Bardi è stato eletto presidente della Basilicata, videoracconto della vittoria in 100 secondi - Vito Bardi è stato eletto presidente della Basilicata, videoracconto della vittoria in 100 secondi Il candidato del centrodestra ha vinto con uno scarto del 9% rispetto al centrosinistra - Agenzia Vista/Alexander Jakhnagiev    Mon, 25 Mar 2019 16:45 Fosse Ardeatine, Mattarella alla cerimonia del 75esimo anniversario dell'eccidio - Fosse Ardeatine, Mattarella alla cerimonia del 75esimo anniversario dell’eccidio Il 75esimo anniversario dell’eccidio delle Fosse Ardeatin - Agenzia Vista/Alexander Jakhnagiev    Mon, 25 Mar 2019 16:44 Cesare Battisti, il procuratore Greco: «Ha ammesso la sua responsabilità in 4 omicidi» - Cesare Battisti, il procuratore Greco: «Ha ammesso la sua responsabilità in 4 omicidi» L'ex terrorista è stato interrogato nel carcere di Oristano dal Pm Nobili - LaPresse    Mon, 25 Mar 2019 16:42 Loreto, Papa Francesco visita la cattedrale - Loreto, Papa Francesco visita la cattedrale La visita giunge al termine del Sinodo dei giovani di ottobre - LaPresse    Mon, 25 Mar 2019 16:38 Elezioni in Basilicata, Zingaretti: «Voto conferma che il Pd è l'alternativa a Salvini» - Elezioni in Basilicata, Zingaretti: «Voto conferma che il Pd è l'alternativa a Salvini» Le parole del segretario PD - Agenzia Vista/Alexander Jakhnagiev    Mon, 25 Mar 2019 14:49 Elezioni Europee, Zingaretti: «Salvini va fermato, a iniziare dalla campagna per le elezioni Ue» - Elezioni Europee, Zingaretti: «Salvini va fermato, a iniziare dalla campagna per le elezioni Ue» Lo ha detto il segretario del Pd Nicola Zingaretti, a margine della commemorazione dell'eccidio delle Fosse Ardeatine, parlando delle prossime elezioni europee - IMAGOECONOMICA    
Artemisium News
26/11/2018
FOGGIA PARI ESTERNO ( 0-0 ) CON LA SPEZIA
Soffrono i rossoneri contro la squadra dell'ex Marino ma Chiaretti e Mazzeo colpiscono i legni
di Lino Mongiello

La Spezia, 25 novembre 2018.

Il Foggia coglie il quarto pareggio consecutivo nella difficile trasferta di La Spezia (0-0). Ed è la prima gara che i rossoneri non subiscono gol. Il punticino muove la classifica ma la compagine foggiana è sempre relegata nelle zone calde della classifica. I ragazzi di Grassadonia vanno elogiati per aver combattuto per l’intera durata della gara ma sicuramente non hanno disputato una grande gara. Eppure, nonostante tutto, i due “legni” colpiti hanno rappresentato le uniche palle-gol di un match disputato quasi sempre in sofferenza. Soprattutto nell’ultima mezzora quando i rossoneri sono stati costretti a giocare in dieci uomini per la grande ingenuità di Agnelli che, in soli 6’, ha rimediato due cartellini gialli e la conseguente espulsione che ha costretto a stringere i denti fino al 95’ per strappare un punto. E’ stata, come dicevamo, una gara non bella esteticamente in cui il Foggia ha mostrato le solite difficoltà in fase di costruzione e, se non arrivano rifornimenti alle punte, diventa difficilissimo andare in rete. Con Camporese e Tonucci indisponibili, Mister Grassadonia ha optato per un reparto difensivo con due soli uomini di ruolo, Martinelli e Ranieri, che ha destato non poche perplessità. Sugli esterni, a coprire, due centrocampisti adattati sulla linea a “4”: Gerbo e Kragl. A centrocampo ha preferito capitan Agnelli con Rizzo e Busellato. Qualche metro più avanti, dietro le punte, Mazzeo e Iemmello, al posto dell’indisponibile Deli, ha schierato Chiaretti. Le difficoltà di una difesa numericamente “povera” di uomini di ruolo, si è fatta sentire sin dalle prime battute. Avendo lo Spezia giocatori veloci, in grado di creare non pochi problemi. In 18’ Martinelli, Ranieri e Gerbo, sono stati costretti a fermare i diretti avversari con ricorrendo alle maniere “forti”. E anzi, Martinelli è stato “graziato” dal direttore di gara che avrebbe potuto sanzionare con il secondo giallo un fallo da ultimo uomo su Bidaoui. Le due squadre si sono affrontate prevalentemente a centrocampo ma lo Spezia, almeno nei primi 20’, è sembrato più in “palla”. I rossoneri hanno confermato le solite difficoltà in fase di costruzione. A Iemmello e Mazzeo di palloni giocabili non ne sono arrivati, restando praticamente isolati dal resto della manovra. E così, a furia di insistere, gli spezzini si sono procurate le migliori occasioni da rete. Okereke (21’) lanciato da Ricci, ha mancatp il bersaglio. Bidaoui (25’) poi, da ottima posizione, ha calciato fuori. Solo attorno alla mezzora il Foggia, finalmente, salendo di tono è riuscito ad affacciarsi nella metà campo dei padroni di casa con maggior continuità e determinazione. Ma lo Spezia,  non appena avuta l’opportunità, si è reso ancora pericoloso e Crimi (33’) dal limite dell’area, tentando il colpo a sorpresa ma ha trovato l’opposizione di Bizzarri. Il Foggia avrebbe potuto colpire con Martinelli (36’) che, in area avversa, si è ritrovato la sfera tra i piedi, ma ha spedito alle stelle da ottima posizione. Nel finale di tempo, infine, Chiaretti (45’), di prima intenzione sulla  sponda aerea di Mazzeo, ha colpito il palo con Lamanna ormai fuori causa. Alla ripresa delle ostilità la musica non è cambiata. Lo Spezia ha continuato a spingere e con Bidaoui (3’) che si è liberato dalla marcatura  di Gerbo, ha sfiorato la marcatura. Il Foggia non si è fatto vivo dalle parti di Lamanna ma appena si è affacciato da quelle parti,  è stato ancora sfortunato. Mazzeo (16’), imbeccato da Kragl, davanti a Lamanna, ha colpito la traversa. Col trascorrere dei minuti e con il match avviato ad uno 0-0 “povero” di emozioni, il Foggia si è complicata la vita grazie alla “folle” ingenuità di Agnelli (20’) che, già ammonito per una vistosa trattenuta, ripete lo stesso fallo e rimedia in soli 6’ il secondo giallo che costringe i compagni di squadra a proseguire il match in 10 uomini. Inevitabilmente lo Spezia accelera i tempi. Marino inserisce Bartolomei per dare alla sua squadra maggior spinta in fase offensiva. Proprio quest’ultimo (27’) impegna seriamente Bizzarri.  E poi è Augello (29’) con un diagonale velenoso a costringere il numero uno ospite a salvarsi in angolo. La pressione dei padroni di casa è veemente ma il Foggia stringe i denti e con qualche affanno riesce a resistere all’assalto disperato dello Spezia. Dopo i 5’ di recupero e lo 0-0 la squadra si porta sotto il settore dei propri tifosi a festeggiare il pari. D’accordo è un buon punto ma occorrono le vittorie per lasciare la zona che scotta. 

SPEZIA – FOGGIA 0-0

SPEZIA (4-3-3): Lamanna 6; Vignali 6.5, Terzi 6.5 (36’ st Giani sv), Capradossi 5.5, Augello 6.5; Ricci 6, Crimi 6, Maggiore 5.5 (25’ st Bartolomei 6); Bidaoui 5.5, Galabinov 5.5 (1’ st Gyasi 5), Okereke 6.  In panchina: Bachini, Barone, Crivello, De Col, De Francesco, Gudjohnsen, Manfredini, Mora, Pierini. Allenatore: Marino  6.

FOGGIA (4-3-1-2): Bizzarri 6.5; Gerbo 6, Martinelli 6.5, Ranieri 7; Kragl 6 (19’ st Rubin 6); Busellato 6, Agnelli 5, Rizzo 5.5; Chiaretti 6 (22’ st Carraro 6); Mazzeo 5, Iemmello 5 (28’ st Gori 6). In panchina: Noppert, Loiacono, Galano, Cicerelli, Boldor, Ramè.  Allenatore: Grassadonia 5.

Arbitro: Lorenzo Maggioni di Lecco 5.5;
1´ Assistente: Valerio Colarossi di Roma2 6;
2´ Assistente: Marcello Rossi di Novara 6;
Quarto Uomo: Davide Miele di Torino. 

Note: Terreno sintetico. Spettatori 7.500 (oltre un migliaio i tifosi rossoneri). Ammoniti: Vignali, Capradossi (S), Martinelli, Ranieri, Gerbo (F). Espulso Agnelli al 20’ st per doppio giallo.  Angoli: 10-5. Recuperi: 0’ - 5'.

Nella foto il palo di Chiaretti

 

Facebook Twitter Google+
Autorizzazione del Tribunale di Foggia n.20 del 20 settembre 2006
Direttore Responsabile Samantha Berardino



Quotidiano di Video Informazione on-line. Direttore Responsabile: Samantha Berardino
Reg.Trib. di Foggia n.20 del 20 settembre 2006. Tutti i diritti sono riservati.
Direzione e Redazione: Via G.Garibaldi, 44 - 71028 Sant'Agata di Puglia (FG) Tel. +39 0881 984319 - +39 368 7216910
La collaborazione a qualsiasi titolo deve intendersi gratuita.
Segnalazioni: Leonardo Capano redazione@santagatesinelmondo.it

Tutto il materiale presente in questo sito è strettamente riservato - è vietato l'utilizzo dei contenuti del sito senza l'autorizzazione dei gestori. Privacy Policy | Cookie Policy