Dall'Italia  Mon, 12 Nov 2018 23:49 Salvini alla lavagna spiega la parola "sovranismo" - Salvini alla lavagna spiega la parola "sovranismo" Il vicepremier e ministro dell'Interno ospite di 'Alla Lavagna", il programma di Rai 3 - LaPresse    Mon, 12 Nov 2018 23:08 Conferenza sulla Libia, Conte riceve Haftar - Conferenza sulla Libia, Conte riceve Haftar Conferenza sulla Libia, l'arrivo del generale Haftar alla conferenza - AGTW    Mon, 12 Nov 2018 23:00 Bambina delle elementari intervista Salvini: «Sei razzista?» - Bambina delle elementari intervista Salvini: «Sei razzista?» Il vicepremier e ministro dell'Interno ospite di 'Alla Lavagna", il programma di Rai 3 - LaPresse    Mon, 12 Nov 2018 21:25 Salvini: "300 arbitri picchiati in un anno, numeri da quarto mondo" - Salvini: "300 arbitri picchiati in un anno, numeri da quarto mondo" Le parole del Ministro dell'Interno - Agenzia Vista/Alexander Jakhnagiev    Mon, 12 Nov 2018 20:10 Ponte Morandi, in video il crollo simulato: la possibile sequenza del collasso - Ponte Morandi, in video il crollo simulato: la possibile sequenza del collasso Lo studio esamina le cause del crollo in modo indipendente da qualsiasi parte in causa - Corriere Tv    Mon, 12 Nov 2018 19:53 Mattarella dopo le polemiche: «La libertà di stampa ha un grande valore» - Mattarella dopo le polemiche: «La libertà di stampa ha un grande valore» Le parole del Presidente della Repubblica - Agenzia Vista/Alexander Jakhnagiev    Mon, 12 Nov 2018 19:50 Attacchi alla stampa, Fico: «Va chiusa l'era in cui giornalisti e politica si influenzano» - Attacchi alla stampa, Fico: «Va chiusa l’era in cui giornalisti e politica si influenzano» Le parole del Presidente della Camera dei Deputati - Agenzia Vista/Alexander Jakhnagiev    Mon, 12 Nov 2018 18:56 Casalino: «Non c'è stato alcun vertice, tra Conte e Salvini solo una riunione informale» - Casalino: «Non c'è stato alcun vertice, tra Conte e Salvini solo una riunione informale» Il portavoce del governo prova a chiarire l'equivoco che ha agitato la mattinata a Palazzo Chigi - LaPresse    Mon, 12 Nov 2018 17:05 Palermo: slot machine e spesa in orario di lavoro. Obbligo di firma per 5 dipendenti pubblici - Palermo: slot machine e spesa in orario di lavoro. Obbligo di firma per 5 dipendenti pubblici Misure cautelari per 5 dipendenti pubblici di Cefalà Diana, in provincia di Palermo - LaPresse    Mon, 12 Nov 2018 15:04 «Ghiaccio», il documentario sull'unica squadra europea di curling formata da richiedenti asilo - «Ghiaccio», il documentario sull’unica squadra europea di curling formata da richiedenti asilo Il progetto, realizzato da Tomaso Clavarino e dallo studio ActingOUT, racconta le storie di sei ragazzi africani in attesa di conoscere il proprio destino - Corriere Tv    Mon, 12 Nov 2018 14:10 Liliana Segre difende la stampa: «Se cominciano a prendersela con i giornalisti non possiamo tacere» - Liliana Segre difende la stampa: «Se cominciano a prendersela con i giornalisti non possiamo tacere» Le parole della senatrice a vita - Agenzia Vista/Alexander Jakhnagiev    Mon, 12 Nov 2018 13:53 Enna, badanti derubano anziano per oltre un anno - Enna, badanti derubano anziano per oltre un anno Coppia romena appartiene a una vera e propria banda di badanti - LaPresse    Mon, 12 Nov 2018 12:01 Ragusa, arrestati due scafisti - Ragusa, arrestati due scafisti A incastrarli un video-selfie girato da un migrante - LaPresse    Mon, 12 Nov 2018 11:44 L'apostolo dell'antimafia in carcere per corruzione: i segreti dietro Montante - L’apostolo dell’antimafia in carcere per corruzione: i segreti dietro Montante Per dieci anni capo degli industriali siciliani che hanno detto “no” al pizzo ma dal maggio scorso è in carcere con l’accusa di associazione a delinquere. L’inchiesta alle 21.15 su Rai3 - Corriere Tv    Sun, 11 Nov 2018 23:48 Parma, il bosco (visto dal drone) piantato da padre e figlio - Parma, il bosco (visto dal drone) piantato da padre e figlio Diventa realtà il sogno di Giancarlo e Roberto Spaggiari - Corriere Tv    
Artemisium News
10/07/2018
EROI SANTAGATESI :BRIGADIERE SALVATORE PIETROCOLA MEDAGLIA D'ORO AL VALOR MILITARE
di Redazione
BRIGADIERE SALVATORE PIETROCOLA MEDAGLIA D'ORO AL VALOR MILITARE

Come purtroppo la Storia insegna, le situazioni di grave disordine e di intenso conflitto sociale, quali quelle registrate negli anni 1919-1921 in Italia, sovente partoriscono dittature che, col fine dichiarato di riportare ordine nella Nazione martoriata, in realtà impongono un regime totalitario nei confronti delle popolazioni sottomesse ed aggressivo verso l’esterno. Così, Benito Mussolini diventò Capo del Governo il 30 ottobre 1922 e, dopo appena due anni di democrazia di facciata, impose una svolta autoritaria che portò l’Italia alla dittatura, adottando nel tempo provvedimenti esiziali in politica interna (repressione del dissenso, leggi razziali…) e in politica estera (partecipazione alla guerra civile di Spagna, guerra in Etiopia, alleanza con il Nazismo, Seconda Guerra Mondiale…).

Il 2 ottobre 1935 iniziò la Campagna d’Etiopia, flebilmente motivata da ragioni economiche, quali la necessità di imporre un nuovo dinamismo all’industria italiana, l’apertura di nuovi mercati, lo sfogo per l’emigrazione frenata dai Paesi d’oltremare, e politiche, quali la vocazione imperiale del Fascismo ed il bisogno di vendicare la gravissima umiliazione di Adua del 1896. La manovra italiana si articolava su quattro colonne, di cui tre avanzanti dall’Eritrea (colonia acquisita con la Campagna 1885-1898) e una dalla Somalia (ottenuta con una serie di trattati con i sultani locali tra il 1891 e il 1927), per stringere in una morsa, da nord e da sud, l’esercito etiope, costituito da sette masse, tutte agli ordini del Negus, Hailé Selassié. L’Arma, fedele al Re, partecipò al conflitto con 55 Sezioni Carabinieri da montagna, 6 a cavallo, 6 miste, 3 Sezioni Zaptiè e 23 Nuclei, oltre a 5mila militari coloniali (zaptiè eritrei e dubat somali). Il contributo dell’Istituzione alla vittoria finale fu molto consistente e pubblicamente riconosciuto come degno di onore: la Bandiera dell’Arma fu decorata con la Croce di Cavaliere dell’Ordine Militare di Savoia (oggi della Repubblica) e ben quattro carabinieri furono premiati con la Medaglia d’Oro al Valor Militare.

Il primo di essi fu il brigadiere Salvatore Pietrocola. Nato a Minervino Murge (Bt) il 16 dicembre 1905 da Domenico ed Angela Fredella, nel gennaio 1924 entrò volontario nella Legione Allievi Carabinieri di Roma e, nel giugno successivo, venne destinato alla Legione di Treviso. Nel 1925, a domanda, fu trasferito nel Regio Corpo Truppe Coloniali della Tripolitania; rimpatriato due anni dopo per frequentare la Scuola Allievi Sottufficiali di Firenze, nel 1928 venne promosso vice brigadiere e assegnato alla Legione di Milano. Appassionato di sport invernali, nel 1931 frequentò con successo il Corso sciatori di Ponte di Legno (Bs), partecipando anche a diverse prove agonistiche. Nel gennaio 1935, sempre a domanda, fu trasferito nel Regio Corpo Truppe Coloniali della Somalia e, con il grado di brigadiere, destinato alla Divisione Carabinieri della Somalia Italiana, assumendo poi, dietro sue insistenti richieste, il comando di un gruppo di zaptiè. Allo scoppio della guerra con l’Etiopia, il brigadiere Pietrocola era inquadrato nelle forze del fronte sud, comandate dal generale Rodolfo Graziani, e in particolare in quelle assegnate al generale Bergonzoli. Queste ultime furono protagoniste di una serie di combattimenti svoltisi tra l’11 e il 19 gennaio 1936 e compendiati sotto il nome di “Battaglia del Ganale Doria”, a seguito dei quali fu occupata Neghelli e tagliata la via dei rifornimenti che dal Kenya pervenivano alle masse etiopi. Di conseguenza, le truppe del generale Bergonzoli ebbero l’incarico di garantire la difesa di Neghelli e di reprimere gli atti di brigantaggio segnalati nell’area.

La missione di polizia fu affidata ad una colonna autocarrata, dotata anche di autoblindo, della quale faceva parte il brigadiere Pietrocola. Colti i primi successi in cinque combattimenti sostenuti con i briganti a partire dal 29 gennaio, il 2 febbraio la colonna si trovava sulla via del ritorno quando, a Malca Guba, venne attaccata da etiopi inquadrati da disertori eritrei. Il nemico in agguato tentò l’accerchiamento della colonna. Il capitano comandante, intuita la gravità della situazione, non esitò a sopravanzare le posizioni nemiche per parare la minaccia, ma il suo ardimento fu vano: preso a sua volta alle spalle, sostenne una battaglia disperata sino a che si abbatté colpito alla testa. Il brigadiere Pietrocola, compresa la crisi collettiva, si lanciò coraggiosamente sulla stessa direttrice del capitano, superò le nostre prime pattuglie combattendo, fu colpito prima ad una gamba, poi al torace, ma continuò a lanciare bombe a mano, finché cadde esalando l’ultimo respiro. I compagni, trascinati da tale impeto, travolsero il nemico riuscendo a rompere l’accerchiamento e a conquistare la vittoria. Lo stesso generale Bergonzoli espresse tutta la sua ammirazione per il Caduto, commemorandolo: “Nessuno più di me ha avuto modo di conoscere e di apprezzare le qualità eccelse del brigadiere dei Carabinieri Salvatore Pietrocola. Nessuno più di me è convinto che la massima ricompensa al Valore sia degno riconoscimento all’opera di questo prode guerriero”.

E infatti, con Regio Decreto 30 dicembre 1937, al brigadiere fu concessa la Medaglia d’Oro al Valor Militare: “Partecipava a tutti i combattimenti della battaglia del Ganale Doria, distinguendosi per esemplare coraggio, ardimento e sprezzo del pericolo. A Malca Guba, in un momento estremamente critico e difficile dell’azione, visto cadere il suo capitano, incitava e trascinava all’assalto i pochi uomini superstiti. Ferito gravemente, continuava a combattere fino a che una seconda e mortale ferita troncava la sua giovane esistenza. Fulgido esempio di eroismo e di spirito di sacrificio”. Galgalò, Neghelli, Uaddarà, Uacille, Uela, Malca Guba (Africa Orientale), 11 gennaio – 2 febbraio 1936.

Questa commovente storia di questo EROE figlio di Santagatesi nato a Minervino Murge perchè il papà era un ferroviere, mi è stata segnalato dal Maresciallo Rocco Russo suo cugino, la città di Bari gli ha dedicato una strada, e il Comune di Minervino Murge un Edificio Scolastico e a Roma una Caserma di Allievi Carabinieri è dedicata a Lui. Le sue Spoglie si trovano nel Sagrario Militare d'oltre mare di Bari 


Altre Foto:
Facebook Twitter Google+
Autorizzazione del Tribunale di Foggia n.20 del 20 settembre 2006
Direttore Responsabile Samantha Berardino



Quotidiano di Video Informazione on-line. Direttore Responsabile: Samantha Berardino
Reg.Trib. di Foggia n.20 del 20 settembre 2006. Tutti i diritti sono riservati.
Direzione e Redazione: Via G.Garibaldi, 44 - 71028 Sant'Agata di Puglia (FG) Tel. +39 0881 984319 - +39 368 7216910
La collaborazione a qualsiasi titolo deve intendersi gratuita.
Segnalazioni: Leonardo Capano redazione@santagatesinelmondo.it

Tutto il materiale presente in questo sito è strettamente riservato - è vietato l'utilizzo dei contenuti del sito senza l'autorizzazione dei gestori. Privacy Policy | Cookie Policy