Dall'Italia  Thu, 26 Apr 2018 19:29 Consultazioni, Fico: «Dialogo avviato tra PD e M5s, si discuta sui temi» - Consultazioni, Fico: «Dialogo avviato tra PD e M5s, si discuta sui temi» L'incontro tra Roberto Fico e Sergio Mattarella al Quirinale - Agenzia Vista/Alexander Jakhnagiev    Thu, 26 Apr 2018 19:07 Salvini: «Pulivo i cessi e svuotavo le pattumiere» - Salvini: «Pulivo i cessi e svuotavo le pattumiere» Il leader della Lega «duetta» con il Vespone di Striscia la Notizia - LaPresse    Thu, 26 Apr 2018 18:57 Salvini: «Telenovela Di Maio-Renzi finirà male» - Salvini: «Telenovela Di Maio-Renzi finirà male» Matteo Salvini fermato dai giornalisti fuori da Montecitorio - Agenzia Vista/Alexander Jakhnagiev    Thu, 26 Apr 2018 18:02 Di Maio al termine delle consultazioni: «Il conflitto di interesse deve finire. Basta velate minacce di Berlusconi a Salvini» - Di Maio al termine delle consultazioni: «Il conflitto di interesse deve finire. Basta velate minacce di Berlusconi a Salvini» - elive    Thu, 26 Apr 2018 16:43 Di Maio: «Capisco le differenze tra Pd e M5S, ma bisogna ragionare nell'ottica di un nuovo governo» - Di Maio: «Capisco le differenze tra Pd e M5S, ma bisogna ragionare nell’ottica di un nuovo governo» Le Consultazioni alla Camera dei Deputati - Agenzia Vista/Alexander Jakhnagiev    Thu, 26 Apr 2018 16:31 Napoli, progettava attentato in Italia: arrestato per terrorismo migrante del Gambia - Napoli, progettava attentato in Italia: arrestato per terrorismo migrante del Gambia Via chat l’ordine: “Lancia l’auto sulla folla” - LaPresse    Thu, 26 Apr 2018 16:14 Di Maio: «Qui non ci sono alleanze tra forze politiche ma cittadini con i loro temi e i loro problemi» - Di Maio: «Qui non ci sono alleanze tra forze politiche ma cittadini con i loro temi e i loro problemi» Il capo politico del M5s al termine delle consultazioni con Fico - Agenzia Vista/Alexander Jakhnagiev    Thu, 26 Apr 2018 16:00 Gemelline scomparse a Udine, il padre commosso: «Ti passa di tutto per la mente, tutti a cercarle» - Gemelline scomparse a Udine, il padre commosso: «Ti passa di tutto per la mente, tutti a cercarle» Storia a lieto fine in provincia di Udine - Agenzia Vista/Alexander Jakhnagiev    Thu, 26 Apr 2018 15:33 La gaffe di Martina: «Un messaggio affettuoso al presidente emerito Mattarella... » - La gaffe di Martina: «Un messaggio affettuoso al presidente emerito Mattarella... » Il segretario reggente dem lo confonde con Napolitano - LaPresse    Thu, 26 Apr 2018 14:25 Terremoto in Molise, le immagini dall'elicottero dei luoghi colpiti - Terremoto in Molise, le immagini dall'elicottero dei luoghi colpiti Le immagini dai luoghi del sisma colpiti in Molise - Agenzia Vista/Alexander Jakhnagiev    Thu, 26 Apr 2018 13:56 Pd-M5S, Martina dopo le consultazioni a Montecitorio: «Restano differenze, ma sul governo passi avanti» - Pd-M5S, Martina dopo le consultazioni a Montecitorio: «Restano differenze, ma sul governo passi avanti» Il secondo giro di Consultazioni alla Camera - Agenzia Vista/Alexander Jakhnagiev    Thu, 26 Apr 2018 13:37 Gemelline scomparse nel bosco con il pitbull : a Udine, la storia a lieto fine - Gemelline scomparse nel bosco con il pitbull : a Udine, la storia a lieto fine Scomparse martedì sera sono stata trovate dopo sei ore in un boschetto del Monte Stella - LaPresse    Thu, 26 Apr 2018 13:25 Consultazioni a Montecitorio, Orfini: «Governo con i 5 Stelle? Decideremo in direzione» - Consultazioni a Montecitorio, Orfini: «Governo con i 5 Stelle? Decideremo in direzione» Matteo Orfini entrando alla camera dei Deputati - IMAGOECONOMICA    Thu, 26 Apr 2018 13:20 Calenda: «Mai con M5S, sì a governo del Presidente. Spero parole Renzi un divertissement» - Calenda: «Mai con M5S, sì a governo del Presidente. Spero parole Renzi un divertissement» Il ministro dello Sviluppo Economico Carlo Calenda entrando a Palazzo Chigi - LAPRESSE    Thu, 26 Apr 2018 13:00 Colpo al clan Rinzivillo: ripresi in un video mentre provano le armi. Dieci arresti - Colpo al clan Rinzivillo: ripresi in un video mentre provano le armi. Dieci arresti Blitz della polizia a Caltanissetta: i fermati facevano parte dell’organizzazione Cosa Nostra gelese - LaPresse    
Artemisium News
14/04/2018
FOGGIA TRE GOL ED ASCOLI A PICCO
Tre punti che valgono la salvezza ed ora si punta ai playoff. A segno Deli, Mazzeo e Loiacono
di Lino Mongiello
 

di Lino Mongiello

Foggia, 13 aprile 2018.

Il Foggia affonda l’Ascoli con un rotondo 3-0, iscrive una seria ipoteca sulla salvezza e strizza l’occhio ai playoff. Ottima la prova degli uomini di Mister Stroppa che, orfani dello squalificato capitan Agnelli, sfoderano una prestazione maiuscola e si sbarazzano, senza particolari difficoltà della compagine marchigiana. Che, non dimentichiamo, aveva conquistato ben dieci punti nelle ultime quattro giornate. Ben lontano, comunque, dai 24 punti (in 12 gare) dei rossoneri, travolgenti nel girone di ritorno. Nulla ha potuto la squadra di Serse Cosmi davanti ai 13.000 dello Zaccheria che hanno trascinato i rossoneri verso una importantissima vittoria. Il Foggia ha ancora molto da dire in questo campionato e saranno decisive le prossime due partite (martedi a Terni e sabato il derby col Bari). Nella peggiore delle ipotesi, il traguardo permanenza sarebbe ampiamente raggiunto con largo anticipo. Tornando al match, come già anticipato, nel Foggia non c’è capitan Agnelli, fermato dal Giudice Sportivo. Per cui rientra Deli nell’undici titolare. Il Foggia parte immediatamente all’assalto dell’arroccato Ascoli. Cosmi non si smentisce e piazza 9/11 dietro la linea della palla, pensando a far male in ripartenza. Ha fatto male però i conti. Il Foggia, nonostante tutto, è in un ottimo periodo di forma. E quando gira a mille, non ce n’è per nessuno. Figuriamoci per una squadra che gli è dietro ben dieci punti. La differenza c’è e, in campo, sembrerebbe anche più accentuata. Il pallino del gioco è in mano ai satanelli e il primo tentativo di Kragl (10’) è di poco alto. Ci riprova ancora il tedescone (15’) dopo uno scambio in velocità con Deli, ma la conclusione è ancora imprecisa. L’azione dei rossoneri diventa tambureggiante. La solidità a centrocampo e le incursioni sulle fasce ad aggirare la difesa ospite sono i punti di “rottura” dei padroni di casa. L’Ascoli, un po’ per scelta, un po’ per la spinta degli avversari, è tutta predisposta nella propria metà campo a protezione della porta difesa dall’ex Agazzi. Di tanto in tanto la squadra di Serse Cosmi prova a sporgere il naso oltre la linea mediana  ma Loiacono (nelle vesti di capitano) e i compagni di reparto fanno ottima guardia e non commettono il minimo errore. E’ al centrocampo che si decide il match. Il Foggia prevale nettamente nel confronto. Greco è il leader. Illumina il gioco e distribuisce palloni. Agazzi e Deli provano a sfondare centralmente mentre Kragl e Zanmbelli sono gli stantuffi che sulle fasce spingono e determinano spesso la superiorità numerica. Nell’uno contro uno non c’è storia. Con un Foggia così in “palla” prima o poi il risultato “deve” sbloccarsi. Sembra tutto scritto. Da copione. Agazzi innesca Mazzeo e, sul preciso rasoterra a tagliare la difesa bianconera, c’è Deli (24’) appostato sulla linea di porta, pronto a spingere la sfera in rete. Lo Zaccheria esplode di gioia a sottolineare la bella azione. Prorompente. Il Foggia non si ferma e prosegue nella sua manovra avvolgente e coinvolgente. IL pubblico sottolinea con gli applausi e incita a squarciagola. L’Agazzi rossonero (39’) calcia debolmente tra le braccia dell’ex Agazzi (portiere). Finalmente si fa vivo anche l’Ascoli. L’unico tentativo a rete della prima parte di gara è abbastanza insidioso. Buzzegoli (40’), dal limite dell’area sfiora l’incrocio dei pali. Ma il Foggia è davvero irresistibile e, per non correre rischi, raddoppia con bomber Mazzeo (44’), abile nel ribattere in rete dopo le due conclusioni di Zambelli sventate da Agazzi. Nulla da fare per l’Ascoli e si rientra negli spogliatoi con una doppia mazzata sul groppone. Nella ripresa Cosmi effettua un doppio cambio. L’intento è di avanzare il baricentro della squadra, apparsa fin troppo remissiva nei primi 45’. Pronti via e Monachello (3’) di testa impegna Guarna. Da qui in poi si prevede una gara meno agevole per il Foggia che fino a quel punto ha maramaldeggiato. Ma l’impressione è sbagliata. Il Foggia riparte alla grande. Deli (10’), su “taglio” verticale di Agazzi e sul filo del fuorigioco, si presenta davanti ad Agazzi, lo dribbla, ma al momento della battuta a rete, viene “steso”. Il calcio di rigore è sacrosanto e per il portiere ospite c’è anche il rosso. Sul dischetto ci va Mazzeo ma il neo entrato Lanni si supera e neutralizza il tiro dagli undici metri, deviando la sfera in calcio d’angolo. Kragl, dall’altezza della bandierina, libera il siluro e Loiacono (12’) solo soletto davanti alla porta sguarnita realizza il gol del 3-0. La gara può dirsi praticamente archiviata. Con l’Ascoli ridotto in 10 e tre gol di vantaggio, il Foggia rallenta l’azione, pensando al prossimo doppio turno settimanale. Stroppa “richiama” Nicastro, Greco e Mazzeo e inserisce forze fresche. Si attende con trepidazione lo scorrere dei minuti fino al 90’. Anche l’arbitro ha fretta. Non ci sono secondi da recuperare. Meglio così. Si festeggia prima. Per la salvezza ci siamo quasi. Per qualcosa in più … chissà ! 
 

Foggia – Ascoli  3-0
Marcatori: 24’ p.t. Deli, 44’ Mazzeo, 12’ s.t. Loiacono.

Foggia (3-5-2): Guarna 6; Calabresi 6, Camporese 6.5, Loiacono 7; Zambelli 6.5, Agazzi 6.5, Greco 7 (33’ s.t. Scaglia 6), Deli 7, Kragl 7; Mazzeo 6 (28’ s.t. Beretta 6),  Nicastro 6.5 (27’ s.t. Duhamel 6). A disp.: Noppert, Figliomeni, Tonucci, Fedato, Martinelli, Rubin, Floriano, Ramè. All.: Stroppa 7.

Ascoli (3-5-2): Agazzi 4.5; Padella 5, Mengoni 5, Gigliotti 5 (1’ s.t. Cherubin 5); Mogos 5, Addae 5, Buzzegoli 5 (1’ s.t. Kanoute 5.5), Baldini 5 (11’ s.t. Lanni 6), Mignanelli 5; Varela 5, Monachello 5. A disp.: De Santis, Martinho, Rosseti, De Feo, Parlati, Castellano, Ganz, Florio, Clemenza. All.: Cosmi 5.
Arbitro: Arbitro: Francesco Fourneau di Roma1 7;
1´ Assistente: Dario Cecconi di Empoli 7;
2´ Assistente: Luigi Lanotte di Barletta 7;
Quarto Uomo: Daniele De Santis di Lecce.

Note: Terreno in buone condizioni. Spettatori 13.000 circa (500 i tifosi ascolani nel settore ospiti). Ammoniti: nessuno. Espulso Agazzi (A) al 10’ s.t. per fallo da ultimo uomo. Angoli: 6 - 5 per l’Ascoli. Recuperi: 0’ - 0'.

Nella foto il gol dell'1-0 di Francesco Deli

 

Facebook Twitter Google+
Autorizzazione del Tribunale di Foggia n.20 del 20 settembre 2006
Direttore Responsabile Samantha Berardino



Quotidiano di Video Informazione on-line. Direttore Responsabile: Samantha Berardino
Reg.Trib. di Foggia n.20 del 20 settembre 2006. Tutti i diritti sono riservati.
Direzione e Redazione: Via G.Garibaldi, 44 - 71028 Sant'Agata di Puglia (FG) Tel. +39 0881 984319 - +39 368 7216910
La collaborazione a qualsiasi titolo deve intendersi gratuita.
Segnalazioni: Leonardo Capano redazione@santagatesinelmondo.it

Tutto il materiale presente in questo sito è strettamente riservato - è vietato l'utilizzo dei contenuti del sito senza l'autorizzazione dei gestori. Privacy Policy | Cookie Policy