Dall'Italia  Mon, 28 May 2018 01:52 Di Maio e la telefonata a Fazio: «Chiederemo la messa in stato d'accusa di Mattarella» - Di Maio e la telefonata a Fazio: «Chiederemo la messa in stato d'accusa di Mattarella» Così il capo poltico del M5S intervenuto al telefono a "Che tempo che fa" - LaPresse    Mon, 28 May 2018 01:18 Di Battista: «Presidente Repubblica non si deve immischiare con accordo Lega-M5S» - Di Battista: «Presidente Repubblica non si deve immischiare con accordo Lega-M5S» Alessandro Di Battista dal palco M5S a Fiumicino - Agenzia Vista/Alexander Jakhnagiev    Mon, 28 May 2018 01:15 «Non è l'Arena», Salvini in diretta va avanti e indietro parlando al telefono - «Non è l'Arena», Salvini in diretta va avanti e indietro parlando al telefono Giletti: "Vorrei essere una mosca per sentire cosa sta dicendo" - LaPresse    Mon, 28 May 2018 01:13 E Savona cita Sant'Agostino: «Mi spiace, ho fatto e detto tutto quello che era necessario» - E Savona cita Sant'Agostino: «Mi spiace, ho fatto e detto tutto quello che era necessario» Il ministro indicato dalla Lega che ha provocato lo strappo con il Mattarella - Nino Luca    Mon, 28 May 2018 00:38 Dopo la rinuncia di Conte, Di Maio e Di Battista vanno a Fiumicino - Dopo la rinuncia di Conte, Di Maio e Di Battista vanno a Fiumicino Riunione dello stato maggiore del M5s che ora è in piazza nella cittadina - LaPresse    Mon, 28 May 2018 00:25 «Non è l'Arena», Giorgia Meloni al telefono con Giletti ma la figlia fa i capricci in diretta - «Non è l'Arena», Giorgia Meloni al telefono con Giletti ma la figlia fa i capricci in diretta La presidente di Fratelli d’Italia su La7 - LaPresse    Mon, 28 May 2018 00:16 Conte: «In bocca al lupo a Cottarelli? A chiunque, soprattutto all'Italia» - Conte: «In bocca al lupo a Cottarelli? A chiunque, soprattutto all'Italia» Il professore dopo aver rimesso l'incarico - IMAGOECONOMICA    Sun, 27 May 2018 23:11 Mattarella, il discorso integrale: «Non posso subire imposizioni sui ministri» - il discorso integrale - Mattarella, il discorso integrale: «Non posso subire imposizioni sui ministri» - il discorso integrale Le parole del capo dello Stato - Corriere TV    Sun, 27 May 2018 22:59 Di Maio: «Ci è stato impedito di formare il governo del cambiamento» - Di Maio: «Ci è stato impedito di formare il governo del cambiamento» Il commento del leader M5S - Agenzia Vista/Alexander Jakhnagiev    Sun, 27 May 2018 22:50 Conte: "Ho rimesso il mandato, profuso massimo sforzo" - Conte: "Ho rimesso il mandato, profuso massimo sforzo" Il discorso dopo l'incontro con Mattarella - LaPresse    Sun, 27 May 2018 22:33 Le prime parole di Conte lasciando il Quirinale: «Torno a fare il privato cittadino e il professore» - Le prime parole di Conte lasciando il Quirinale: «Torno a fare il privato cittadino e il professore» La battuta del professore appena dopo aver rimesso il suo mandato in Quirinale - elive    Sun, 27 May 2018 22:14 Governo, Salvini: «Se uno non può fare il ministro perché preoccupa l'Ue allora si torna al voto» - Governo, Salvini: «Se uno non può fare il ministro perché preoccupa l'Ue allora si torna al voto» L'intervento di Matteo Salvini al congresso della Lega di Terni - Agenzia Vista/Alexander Jakhnagiev    Sun, 27 May 2018 21:19 Conte entra nell'ufficio del presidente della Repubblica Mattarella - Conte entra nell'ufficio del presidente della Repubblica Mattarella Il premier incaricato al Quirinale - Agenzia Vista/Alexander Jakhnagiev    Sun, 27 May 2018 21:13 Conte attraversa a piedi il cortile del Quirinale per incontrare il presidente della Repubblica - Conte attraversa a piedi il cortile del Quirinale per incontrare il presidente della Repubblica Il premier incaricato arriva al Quirinale - Agenzia Vista/Alexander Jakhnagiev    Sun, 27 May 2018 19:29 Governo, Toninelli (M5S): «A buon punto, auspico chiusura entro sera» - Governo, Toninelli (M5S): «A buon punto, auspico chiusura entro sera» «Savona è molto competente, il cv parla prima di lui. Governo M5S-Lega è il più rappresentativo da 31 anni» - LaPresse    
Artemisium News
03/02/2018
IL FOGGIA ESPUGNA....LO ZACCHERIA : 2-1 ALL'AVELLINO
In rimonta e dopo quasi quattro mesi, i satanelli vincono allo Zac Vanno in gol Nicastro e Mazzeo
di Lino Mongiello

Foggia, 3 febbraio 2018.

Dopo quasi quattro mesi il Foggia torna a vincere allo Zaccheria superando in rimonta (2-1) l’Avellino. E i satanelli, alla seconda vittoria di fila, fanno un bel balzo in classifica, a +4 sulla zona playout. I tre punti sono più che meritati per quanto visto nei 95’ che hanno visto il Foggia prevalere sia sul piano del gioco che sul piano atletico-fisico. Anzi, a voler essere obiettivi, un solo gol di scarto sta stretto ai ragazzi di Mister Stroppa, che avrebbero potuto sicuramente realizzare qualche altra marcatura. Ed evitare così il patema d’animo degli ultimi minuti. Comunque è andata bene e, finalmente, si può festeggiare al ritorno al successo sul proprio terreno amico. Peccato per l’assenza del pubblico, penalizzato da una decisione a dir poco assurda e alquanto discutibile. Mister Stroppa ripropone lo stesso undici che sette giorni prima ha sbancato a Chiavari. L’approccio al match dei rossoneri non è dei migliori. Sarà stato per gli spalti vuoti come detto dall’allenatore del Foggia negli spogliatoi o per chissà quale altro motivo, ma per l’ennesima volta la partenza è stata ad handicap. Con un gol subìto nei primi 10’. Segno di scarsa concentrazione. Concentrazione che non è venuta meno all’Avellino concreto e determinato. Il primo vero affondo, infatti, è degli ospiti e Asencio (6’) fa le prove del gol ma la girata a rete, su servizio di Molina, termina fuori bersaglio. Risponde il Foggia con una percussione di Deli (9’). Il fantasista rossonero trova un varco libero e si presenta davanti a Radu ma sbaglia clamorosamente la conclusione a rete. Poi, nel prosieguo dell’azione Agnelli calcia alle stelle. Il calcio si sa è impietoso e il Foggia ne paga le conseguenze. Dal possibile vantaggio, è invece l’Avellino a sbloccare il risultato. Seppure la difesa del Foggia fosse Dalla battuta di un calcio di punizione, Migliorini rimette al centro e Asencio (11’), unica punta irpina, è stranamente dimenticato dai difensori, e quindi anticipa Nicastro ed infila in rete. Il Foggia accusa il colpo e non reagisce a riorganizzarsi immediatamente. Prova a far girar palla alla ricerca del varco giusto per poter impensierire la porta difesa da Radu. Ma niente da fare. L’Avellino si chiude bene e non lascia molte possibilità di inserimento. I padroni di casa protestano inutilmente chiedendo la concessione di un calcio di rigore: sul tiro di Camporese (26’) la sfera è deviata col braccio da D’Angelo. Il Foggia adesso ci prova con maggior intensità e finalmente trova il gol del pari. Il lancio di Kragl per Nicastro è millimetrico. L’attaccante rossonero addomestica la sfera e anziché battere a rete serve Mazzeo il quale fa sponda per lo stesso Nicastro (35’) che può depositarla nella porta sguarnita. Il gol del pari galvanizza Agnelli e compagni che hanno maggior convinzione. La svolta del match potrebbe esserci al 43’. Gerbo s’invola verso Radu ed è steso alle spalle da D’angelo. Per il Sig. Di Martino stavolta il calcio di rigore c’è ed  anche l’espulsione per il difensor irpino, ritenuto ultimo uomo. L’occasione del sorpasso è ghiotta anche perché gli irpini dovranno disputare la seconda di gara in inferiorità numerica. Mazzeo (44’) va sul dischetto ma spedisce la sfera in curva. E’ l’ultima emozione della prima frazione. Quella del possibile 2-1. Nel secondo tempo il ritmo cala. L’Avellino non ha interesse ad aumentare i giri. Il pari, in 10 gli starebbe bene. E il Foggia vuol sfruttare l’uomo in più e provare a vincere la seconda gara interna. A quella velocità ridotta si fa il gioco dell’Avellino.   E c’è poco da stare allegri. Quindi Mister Stroppa inserisce richiama in panchina Camporese e, per cercare di sfruttare la superiorità numerica, cambia modulo inserendo Floriano. Si passa così dal 3-5-2 al 4-3-3. E i risultati arrivano. Il Foggia mette la freccia e realizza il 2-1. Con una bella combinazione Kragl-Agnelli e col capitano che manda Gerbo al cross e, sul conseguente rasoterra, Mazzeo (23’) deve solo accompagnarla in rete. Il lungo e duro lavoro ai fianchi ha prodotto i frutti sperati. Il Foggia spinge ancora e con Deli (28’) colpisce la traversa. E prima del triplice fischio si mette in evidenza il neo entrato Duhamel (41’) con una fuga prepotente ed un diagonale che avrebbe meritato l’apoteosi del gol. Non succede nient’altro nei 4’ di recupero e il Foggia incamera altri tre punti pesanti. 
 

FOGGIA – AVELLINO  2 - 1

Marcatori: 11’ p.t. Asencio, 35’ Nicastro, 23’ s.t. Mazzeo.

FOGGIA:  Guarna 5.5, Tonucci 6, Camporese 6 (15’ s.t. Floriano 6), Loiacono 6, Gerbo 7, Agnelli 6.5, Greco 6, Deli 5.5 (37’ s.t. Martinelli 6), Kragl 6.5, Nicastro 5.5 (36’ s.t. Duhamel s.v.), Mazzeo 6. A disposizione: Tarolli, Figliomeni, Fedato, Beretta, Celli, Ramè, Scaglia Calabresi, Noppert. All.: Stroppa 6.

AVELLINO: Radu 6, Marchizza 5.5 (30’ s.t. Moretti 5.5), Migliorini 6, D’Angelo 5, Di Tacchio 5.5, Ngawa 6, Morero 5.5, Molina 5.5 (14’ s.t. Falasco 5.5), Asencio 6, De Risio 5.5, Laverone 5 (9’ s.t. Vajushi 6). A disposizione: Lezzerini, Pecorini, Kresic, Evangelista, Rizzato, Wilmots. All.: Novellino 6. 

Arbitro: Antonio Di Martino di Teramo 6.5;
1° Ass.: Gaetano Intagliata di Siracusa 6.5;
2° Ass.: Orlando Pagnotta di Nocera Inferiore 6.5;
4° Uomo: Luigi Nasca di Bari.

Note: cielo sereno. Terreno in buone condizioni. Gara disputata a porte chiuse per decisione della Prefettura di Foggia. Osservato 1’ di raccoglimento in memoria dell’ex c.t. della nazionale, Azeglio Vicini. Ammoniti: Tonucci, Camporese, Mazzeo (F), Ngawa (A). Espulso D’Angelo al 43’ p.t. per fallo da ultimo uomo. Allontanato Novellino al 31’ s.t. per proteste. Angoli: 8 – 0 per il Foggia. Recuperi: 1' - 4'.

Nella foto il 2-1 di Fabio Mazzeo


 

Facebook Twitter Google+
Autorizzazione del Tribunale di Foggia n.20 del 20 settembre 2006
Direttore Responsabile Samantha Berardino



Quotidiano di Video Informazione on-line. Direttore Responsabile: Samantha Berardino
Reg.Trib. di Foggia n.20 del 20 settembre 2006. Tutti i diritti sono riservati.
Direzione e Redazione: Via G.Garibaldi, 44 - 71028 Sant'Agata di Puglia (FG) Tel. +39 0881 984319 - +39 368 7216910
La collaborazione a qualsiasi titolo deve intendersi gratuita.
Segnalazioni: Leonardo Capano redazione@santagatesinelmondo.it

Tutto il materiale presente in questo sito è strettamente riservato - è vietato l'utilizzo dei contenuti del sito senza l'autorizzazione dei gestori. Privacy Policy | Cookie Policy