Dall'Italia  Thu, 22 Feb 2018 23:31 Elezioni, Renzi: «Anche chi ci odia riconosce nostri risultati» - Elezioni, Renzi: «Anche chi ci odia riconosce nostri risultati» Il segretario del Partito Democratico durante una conferenza stampa a Firenze - Agenzia Vista/Alexander Jakhnagiev    Thu, 22 Feb 2018 23:29 Bertolino: «Le prossime elezioni? Un po' come quelle del condominio. E c'è sempre chi non vuole pagare l'ascensore» - Bertolino: «Le prossime elezioni? Un po’ come quelle del condominio. E c’è sempre chi non vuole pagare l’ascensore» Il comico al teatro Franco Parenti di Milano chiude dibattito sul libro di Luciano Fontana, direttore del Corriere della Sera - Corriere TV    Thu, 22 Feb 2018 23:11 Tutti pazzi per Gentiloni, da Napolitano a Rutelli ecco chi chiede il bis - Tutti pazzi per Gentiloni, da Napolitano a Rutelli ecco chi chiede il bis Chi si è espresso a favore di un secondo mandato dell'attuale Presidente del Consiglio - Agenzia Vista/Alexander Jakhnagiev    Thu, 22 Feb 2018 23:02 Ragazza aggredita in un parco a Montelupo, arrestato 21enne - Ragazza aggredita in un parco a Montelupo, arrestato 21enne Avrebbe picchiato la giovane per portarle via il cellulare - LaPresse    Thu, 22 Feb 2018 23:00 Grasso: «L'allarme Juncker? Colpa di questa legge elettorale ingannevole» - Grasso: «L’allarme Juncker? Colpa di questa legge elettorale ingannevole» Il presidente del Senato: "Ha fotografato perfettamente la situazione italiana" - LaPresse    Thu, 22 Feb 2018 22:50 Elezioni, Salvini: «Abbiamo un'idea di Italia fondata sul lavoro, non sull'insulto» - Elezioni, Salvini: «Abbiamo un'idea di Italia fondata sul lavoro, non sull'insulto» Il leader della Lega a Bologna pronostica una vittoria del centrodestra nelle "regioni rosse" - LaPresse    Thu, 22 Feb 2018 22:26 Mattarella: «Genitori che si contrappongono a insegnanti vanno contro gli interessi dei figli» - Mattarella: «Genitori che si contrappongono a insegnanti vanno contro gli interessi dei figli» Il presidente della Repubblica incontra i ragazzi delle scuole medie - Agenzia Vista/Alexander Jakhnagiev    Thu, 22 Feb 2018 22:18 «No a CasaPound», a Torino pietre dai centri sociali contro la polizia: tre agenti feriti e due fermi - Sei agenti feriti e due manifestanti fermati. Giovedì sera il centro di Torino è stato paralizzato dal corteo antifascista sceso in strada per protestare contro il candidato premier di CasaPound, Simone Di Stefano. Il leader del partito di estrema destra ha incontrato i suoi trecento sostenitori nella sala conferenza dell’Nh Hotel di corso Vittorio Emanuele II. Mentre 500 antagonisti hanno tentato invano di raggiungere l’albergo. Bottiglie, sassi e petardi sono stati lanciati contro il cordone di sicurezza delle forze dell’ordine, che hanno risposto con i lacrimogeni. E con l’uso massiccio degli idranti, che ha obbligato a indietreggiare più volte il serpentone antifascista formato da appartenenti ai centri sociali, studenti e militanti di Potere al Popolo. Il corteo, aperto dallo striscione con lo slogan «Torino è antifascista», ha provato a forzare i blocchi per almeno tre volte, ma è sempre stato respinto da polizia e carabinieri. I manifestanti, abbandonato corso Vittorio, hanno sfilato per il centro ricevendo gli applausi di qualche residente. SalviniNon si è fatta attendere la risposta di Matteo Salvini (Lega Nord): «Questi ragazzi fanno quello che fanno: se vai dai genitori e gli fai pagare i danni, vedrai che restano a casa». Duro il commento di Di Stefano: «Sono solo quattro imbecilli». Mentre a Perugia, tre militanti di CasaPound e due di Potere al Popolo sono stati indagati per lo scontro avvenuto durante l’affissione di manifesti elettorali. E a Mantova è stato chiesto il rinvio a giudizio per 9 persone accusate di ricostituzione del partito fascista.    Thu, 22 Feb 2018 19:10 Berlusconi: «A Firenze sono tutti delle bestiacce...» - Berlusconi: «A Firenze sono tutti delle bestiacce...» Silvio Berlusconi in occasione della presentazione da parte dell'Ance del `Manifesto elezioni politiche 2018´ - LAPRESSE    Thu, 22 Feb 2018 19:01 Berlusconi show, lezioni di bon ton e poi l'imitazione - Berlusconi show, lezioni di bon ton e poi l’imitazione Il leader di Forza Italia dai costruttori edili - LaPresse    Thu, 22 Feb 2018 18:53 Berlusconi: «Sentenza Strasburgo? Me ne frego" - Berlusconi: «Sentenza Strasburgo? Me ne frego" Il leader di Forza Italia alla sede all'Ance a Roma - LaPresse    Thu, 22 Feb 2018 18:47 Berlusconi: «Noi uomini del mattone siamo duri, tratteniamo anche la pipì» - Berlusconi: «Noi uomini del mattone siamo duri, tratteniamo anche la pipì» Il leader di Forza Italia, Silvio Berlusconi, nel corso del suo intervento all'Ance, l'associazione dei costruttori edili - LAPRESSE    Thu, 22 Feb 2018 18:29 Ema, Salvini: «Ennesima dimostrazione che l'Europa non ama l'Italia» - Ema, Salvini: «Ennesima dimostrazione che l'Europa non ama l'Italia» Il commento di Matteo Salvini, leader della Lega Nord - Elive    Thu, 22 Feb 2018 18:28 Berlusconi su rapporto Usa-Corea del Nord: «Trump? A volte rispondere è come mettere m... in ventilatore» - Berlusconi su rapporto Usa-Corea del Nord: «Trump? A volte rispondere è come mettere m... in ventilatore» Così il leader di Forza Italia intervenendo all'Ance - LaPresse    Thu, 22 Feb 2018 18:26 Elezioni Lazio, Parisi: «È lotta a due con Zingaretti, bisogna cambiare pagina rapidamente» - Elezioni Lazio, Parisi: «È lotta a due con Zingaretti, bisogna cambiare pagina rapidamente» Il candidato del centrodestra alla presidenza della Regione Lazio ha partecipato al congresso Ugl a Roma - Agenzia Vista/Alexander Jakhnagiev    
Artemisium News
03/12/2017
FOGGIA ALTRO KO INTERNO COL CITTADELLA: 1-3
Crollano i rossoneri sotto i colpi dei veneti e tornano nella zona che scotta. Squadra contestata
di Lino Mongiello

Foggia, 2 dicembre 2017.

Non c’è proprio feeling tra il Foggia e lo Zaccheria. La compagine rossonera inciampa per la quarta volta sul terreno amico e rivede molto da vicino la zona playout. Il Cittadella, capitanato da Mister Venturato, si limita all’essenziale e, con un secco ed inequivocabile 1-3, si proietta inzona playoff, gettando nello sconforto i circa ottomila fedelissimi che hanno affollato gli spalti del rinnovato impianto rossonero. Non c’è nulla da obiettare sul risultato finale. Gli ospiti hanno ampiamente meritato e, come al solito, il Foggia deve prendersela con se stesso. Le numerose assenze o la sfortuna c’entrano fino ad un certo punto. Se sullo 0-0 divori due grosse occasioni da rete e, dopo lo svantaggio, hai la fortuna di rimediare  con un calcio di rigore, non ti puoi immediatamente deconcentrare e subire ancora il gol del sorpasso. Anche perché l’inconsistenza in chiave offensiva è risultata evidente e coincidente con l’assenza di bomber Mazzeo. E quindi, se si fosse continuato a giocare per altri due giorni, difficilmente il Foggia sarebbe andato in gol. Occorre perciò (e non a chiacchiere) fare sul serio. Non si può sbagliare più. Il Foggia non sarà la squadra che deve vincere il campionato ma neppure quella che viene beffata in maniera così evidente davanti ai propri tifosi. Sveglia ragazzi. Sveglia Mister Stroppa. Così non può continuare. Altrimenti l’ottimo lavoro svolto nella scorsa stagione che ha visto la squadra trionfare e tornare dopo quasi venti anni nella cadetteria, rischia di essere subito vanificato. Passando alla gara, per Mister Stroppa le scelte nell’undici da opporre al Cittadella sono obbligate. Tra infortuni e squalifiche sono solo 19 i giocatori in lista. E in panchina non tutti sono in condizioni fisiche ottimali.  Soprattutto la difesa è in piena emergenza. Davanti al baby Tarolli, ci sono Loiacono e Martinelli. Sulle fasce Gerbo a destra e Celli a sinistra. Solo il centrocampo non subisce rivoluzioni. Capitan Agnelli, Vacca ed Agazzi compongono il trio nella zona centrale del campo. L’attacco è affidato a Beretta, Calderini e Fedato. Il Foggia ha voglia di riscattare la sconfitta nel derby e cerca di costruire azioni che possano impensierire la difesa veneta. Il primo a tentare la via della rete è capitan Agnelli (12’) con un tiro dalla distanza. Poi Calderini crossa per Beretta e l’attaccante rossonero (17’), da buona posizione, aggancia la sfera ma la gira troppo larga. La grandissima occasione per il Foggia è ancora per Beretta. Il lunghissimo lancio di Celli è millimetrico per Beretta (26’) che supera il diretto avversario ed anticipa Alfonso in uscita, ma il suo tiro termina di poco fuori bersaglio.  Gol sbagliato gol subito. La dura legge del calcio colpisce ancora. E, inaspettatamente, passa il Cittadella. Un secondo tiro dal limite, senza pretese di Schenetti (29’), viene deviato da Loiacono alle spalle di Tarolli.  La reazione del Foggia non è immediata. I rossoneri cercano di portarsi in zona d’attacco hanno notevoli difficoltà. Beretta s’impegna. Corre di qua e di là ma non ha il peso specifico e l’esperienza di Mazzeo. Il Foggia quindi non punge ma la possibilità di agguantare il pari giunge al 36’. Con un calcio di rigore. Su un calcio di punizione  di Agnelli indirizzato in area del Cittadella  c’è il tocco di mani di Schenetti. Il direttore di gara ha prima un attimo di esitazione ma poi, su segnalazione dell’assistente, assegna la massima punizione ed ammonisce Schenetti. Dal dischetto, lo stesso capitan Agnelli (38’) trasforma con freddezza e precisione. Non c’è il tempo di gioire che il Cittadella si riporta in vantaggio. Litteri  (39’) prima impegna Tarolli alla respinta e poi subito realizza il gol dell’1-2. La sua deviazione di testa sul cross di Benedetti manda la sfera ad incocciare contro il palo interno prima di terminare in rete. Il Cittadella  si riporta così in vantaggio e prima della fine dei primi 45’, si rende ancora pericoloso con Schenetti (44’) ma Tarolli fa buona guardia.  In avvio di ripresa il Foggia si fa vivo dalle parti di Alfonso con Calderini (4’), la cui  girata a rete, è deviata da un difensore, ma la palla sbatte contro la traversa e ritorna in campo. Subito dopo, Loiacono (6’) ci prova, senza esito, dal limite dell’area.  Il Foggia non riesce a trovare i varchi giusti per impensierire il Cittadella che, invece, ne approfitta, con una veloce ripartenza, per realizzare il terzo gol. Il “corridoio” ampio a disposizione di Chiaretti  consente di servire l’assist per Kouame (16’) e il tiro di quest’ultimo è imprendibile per Tarolli. Sotto di due gol Stroppa inserisce Floriano e Chiricò per gli inconcludenti Calderini e Fedato. Ma cambia poco o nulla. Anzi, il Cittadella con Litteri (21’) potrebbe fare il poker ma Martinelli salva in extremis. I minuti scorrono inesorabilmente e Agazzi (25’) impegna Alfonso. E Beretta (33’) non riesce a piazzare la zampata giusta. Non è giornata per il Foggia. La quarta sconfitta interna è realtà e parte la contestazione dei tifosi. La B è in pericolo e i tifosi non ci stanno a perderla.
 

FOGGIA – CITTADELLA  1 - 3

Marcatori: 29’ p.t.  Schenetti, 38’ Agnelli (rig.), 39’ Litteri, 16’ s.t. Kouame.

FOGGIA: Tarolli 6, Gerbo 5.5,  Celli 5.5, Vacca 5.5, Martinelli 6, Loiacono 6, Calderini 5 (17’ s.t. Floriano 5.5), Agazzi 6, Beretta 5.5, Agnelli 6, Fedato 5 (17’ s.t. Chiricò 5.5). A disposizione: Sarri, Sanchez, Lodesani, Rubin,  Fedele, Camporese. All. Stroppa 5.

CITTADELLA: Alfonso 6, Salvi 6.5, Benedetti 6 (20’ s.t. Pelagatti 6), Varnier 6, Scaglia 6, Iori 6, Schenetti 7, Litteri 6.5, Kouame 6.5, Chiaretti 6.5 (26’ s.t. Settembrini 6), Pasa 6 (35’ s.t. Bartolomei s.v.). A disposizione: Paleari, Lora, Caccin, Arrighini, Adorni, Fasolo. All. Venturato 7. 

Arbitro: Daniele Minelli di Varese 6.5;
1° ass.: Oreste Muto di Torre Annunziata 5;
2° ass.: Alessandro Cipressa di Lecce 6.5;
4° uff.: Mario Cascone di Nocera Inferiore.

Cielo nuvoloso con leggera pioggia. Spettatori 8.000 circa (nove i tifosi ospiti al seguito). Ammoniti:  Litteri , Varnier  (C),  Gerbo  (F). Angoli: 7  - 6  per il Foggia. Recuperi:  2' - 3'.

Nella foto il gol fallito da Beretta


 

Facebook Twitter Google+
Autorizzazione del Tribunale di Foggia n.20 del 20 settembre 2006
Direttore Responsabile Samantha Berardino



Quotidiano di Video Informazione on-line. Direttore Responsabile: Samantha Berardino
Reg.Trib. di Foggia n.20 del 20 settembre 2006. Tutti i diritti sono riservati.
Direzione e Redazione: Via G.Garibaldi, 44 - 71028 Sant'Agata di Puglia (FG) Tel. +39 0881 984319 - +39 368 7216910
La collaborazione a qualsiasi titolo deve intendersi gratuita.
Segnalazioni: Leonardo Capano redazione@santagatesinelmondo.it

Tutto il materiale presente in questo sito è strettamente riservato - è vietato l'utilizzo dei contenuti del sito senza l'autorizzazione dei gestori. Privacy Policy | Cookie Policy