Dall'Italia  Sun, 23 Sep 2018 18:36 Berlusconi: "M5s erede della peggiore sinistra del '900" - Berlusconi: "M5s erede della peggiore sinistra del '900" Il presidente di Forza Italia alla convention di Fiuggi - Agenzia Vista/Alexander Jakhnagiev    Sun, 23 Sep 2018 18:35 Berlusconi: "In una democrazia Casalino già sarebbe con le valige in mano" - Berlusconi: "In una democrazia Casalino già sarebbe con le valige in mano" Il presidente di Forza Italia alla convention di Fiuggi - Agenzia Vista/Alexander Jakhnagiev    Sun, 23 Sep 2018 18:34 Manovra, Meloni: "Disponibili a dare una mano, ma la Lega batta un colpo" - Manovra, Meloni: "Disponibili a dare una mano, ma la Lega batta un colpo" Le parole della leader di Fratelli d'Italia - Agenzia Vista/Alexander Jakhnagiev    Sun, 23 Sep 2018 17:54 La statua di San Pio sui fondali delle Tremiti: il ventennale della scultura subacquea - La statua di San Pio sui fondali delle Tremiti: il ventennale della scultura subacquea Il video del 1998, l’opera di Mimmo Norcia calata al largo dell’isola di Capraia - Corriere Tv    Sun, 23 Sep 2018 17:42 Firenze, l'aggressione a Marina Abramovic colpita con un quadro in testa - Firenze, l’aggressione a Marina Abramovic colpita con un quadro in testa All’uscita della mostra allestita a Palazzo Strozzi - Corriere Tv    Sun, 23 Sep 2018 15:01 Berlusconi: «Da Salvini frasi sgradevoli e inaccettabili» - Berlusconi: «Da Salvini frasi sgradevoli e inaccettabili» Il Cavaliere: «Mi auguro che il diverbio tra Lega e 5stelle scoppi presto» - AGTW    Sun, 23 Sep 2018 13:45 Stanotte a Pompei, Alberto Angela scopre la bottiglia d'olio più antica del mondo - Stanotte a Pompei, Alberto Angela scopre la bottiglia d'olio più antica del mondo Era in un magazzino del museo Archeologico di Napoli - Corriere Tv    Sun, 23 Sep 2018 01:04 Steve Bannon ad Atreju: "Trump non è un uomo che vuole la guerra" - Steve Bannon ad Atreju: "Trump non è un uomo che vuole la guerra" Così l'ex stratega della Casa Bianca ospite del Festival di Fratelli d'Italia "Atreju" - LaPresse    Sun, 23 Sep 2018 00:27 Mughini a «l'Aria che tira»: «M5S e Lega? Tra i peggiori primi 100 giorni della nostra Repubblica» - Mughini a «l’Aria che tira»: «M5S e Lega? Tra i peggiori primi 100 giorni della nostra Repubblica» Il giornalista ospite della trasmissione di La7 condotta da Myrta Merlino - Corriere Tv    Sat, 22 Sep 2018 21:02 «Ragazzo di campagna», la scena cult del treno - «Ragazzo di campagna», la scena cult del treno Artemio e i suoi amici assistono al passaggio del diretto per Milano - Corriere Tv    Sat, 22 Sep 2018 17:29 Salvini: «Casalino? Non mi appassionano gli audio rubati» - Salvini: «Casalino? Non mi appassionano gli audio rubati» Il vicepremier liquida il caso - LaPresse    Sat, 22 Sep 2018 16:56 Manovra, Giorgetti: "Non si può fare tutto subito" - Manovra, Giorgetti: "Non si può fare tutto subito" Il sottosegretario leghista cauto: "Bisogna pensare al debito, ma senza crescita non lo si ripaga" - LaPresse    Sat, 22 Sep 2018 16:49 Fico: «Io e Di Maio molto uniti. L'audio di Casalino? Assurdo che giornalisti facciano uscire fonti» - Fico: «Io e Di Maio molto uniti. L'audio di Casalino? Assurdo che giornalisti facciano uscire fonti» A margine dell'incontro Atreju - LaPresse    Sat, 22 Sep 2018 16:44 Fico: «Io e Di Maio uniti anche se la pensiamo diversamente sulle Ong» - Fico: «Io e Di Maio uniti anche se la pensiamo diversamente sulle Ong» Fico ad Atreju - Agenzia Vista/Alexander Jakhnagiev    Sat, 22 Sep 2018 16:26 Salvini: "Manovra settimana prossima in Parlamento. Europa? Non è quella dei tecnocrati" - Salvini: "Manovra settimana prossima in Parlamento. Europa? Non è quella dei tecnocrati" Il vicepremier oggi ospite ad Atrjeu - LaPresse    
Artemisium News
12/11/2017
FACCIA A FACCIA CON GLI EMIGRANTI : INTERVISTA A MARIO DE CAPRARIS
di Redazione
Acquerello di M.De Capraris

Come è consuetudine di trattenere un colloquio con quanti collaborano a questo sito, stavolta è il turno di Mario De Capraris.

REDAZIONE Mario, incominciamo dalla domanda classica: qual è il tuo rapporto con Sant’Agata?

MARIO Il rapporto con il mio paese è come ovvio che sia, e cioè importante, forte. Per spiegarlo, mi sembra che qualsiasi cosa dicessi non renderebbe l’idea. Collaborando a questo sito ho avuto l’occasione di esternarlo.

REDAZIONE Vediamo di entrare nel dettaglio. Tu ricordi la tua infanzia e parli di chiese, di campane, canti religiosi, feste, di tanta campagna, masserie, grano. Come mai ne parli in tono entusiastico? Non sarà che, siccome ci hai vissuto da ragazzo, il paese ti appare fantastico perché sotto la luce particolare dell’infanzia, mentre in effetti non aveva niente di fantastico?

MARIO In parte è vero. Ma non dimentichiamo che prendevo il buono da tutto, nel senso che, mentre gli adulti si ammazzavano di fatica e per questo non avevano la possibilità di apprezzare ciò che c’era da apprezzare, io, proprio perché ragazzo, ero avvantaggiato e, diciamo così, potevo trovare la bellezza dove agli altri era impedito dal momento che erano impegnati nella lotta per la sopravvivenza.

REDAZIONE Tu hai vissuto quattordici anni al paese. Come mai hai tanto da descrivere su così pochi anni?

MARIO Perché sono stati quattordici anni pieni di tante cose interessanti che al confronto la vita in città appare qualcosa di sbiadito. Si è stati testimoni, seppur ragazzi, degli ultimi riti contadini prima che questi, con la tecnologia, sparissero. Come si fa a dimenticare il tempo infinito trascorso a mietere, con i mietitori che usavano la falce? o l’altro tempo infinito per trebbiare? La raccolta delle olive fatta a mano (occorrevano mesi) o l’uccisione del maiale? Erano tutti riti affascinanti. Si passava tanto tempo insieme a tanti altri. Non so, ma allora si aveva l’impressione di vivere fra tanta ricchezza.

REDAZIONE Ricchezza? Ma se si era poveri?

MARIO È vero, non si aveva denaro, ma noi ragazzi non avvertivamo la povertà. Siamo cresciuti senza desiderare il denaro. La ricchezza era tutto lo sterminato territorio delle campagne; i grandi spazi, il paesaggio, le strade dove giocavamo; le case dei vicini dove entravamo come fosse casa nostra; tutta la grande famiglia dei vicini di casa, di strada. Tanto per dire, gli zii dei cugini erano zii nostri. E poi non si avevano i bisogni che ha creato oggi il consumismo. Sappiamo che non è ricco chi ha molti soldi, ma chi ha pochi bisogni.

REDAZIONE Come ritieni che sia il paese? nel senso di abitarvi?

MARIO Sebbene si sia sempre emigrati e si emigrerà ancora, tuttavia il paese è l’unico habitat possibile perché è l’unico ambiente a misura d’uomo. Le città – dove si vanno ad ammassare uomini, macchine, cemento, inquinamento – non reggono il confronto.

REDAZIONE Perché voi collaboratori del sito raccontate tanto di Sant’Agata?

MARIO Perché raccontare è ritrovarsi. Allo stesso modo mi piace leggere chi descrive pezzi della nostra storia comune. Non mi stanco mai di leggere delle vecchie usanze, vecchi mestieri, persone, comportamenti di una volta, costumi che non ci sono più. È bello condividere queste cose con altri che appartengono al tuo stesso paese. In questo sito mi sembra come tanti di una famiglia che si sono incontrati dopo molti anni e si raccontano la storia familiare. Chi non racconterebbe cosa faceva papanonno e mammanonna, le origini della famiglia e via discorrendo?

REDAZIONE A proposito di nonni, hai raccontato che da ragazzo andavi da tua nonna sotto al Castello e che lei era sempre impegnata a litigare con il gatto. Dici che aveva un rapporto più col gatto che con te e che non aveva gesti di affetto verso i nipotini né mostrava interesse nei loro confronti. Però provavi comunque tenerezza per lei.

MARIO Gesti di affetto allora non si usavano. Ma i ragazzi lo capivano che gli adulti erano fatti così, un po’ duri, quasi anaffettivi, forse a causa delle fatiche pesanti che sostenevano. C’era quello che metteva la cinta appesa alla sedia come spauracchio per i figli o quell’altro il quale si vantava che li faceva filare solo con un’occhiata. O quell’altro ancora, un insegnante, che per lo scopo usava solo il suo aspetto burbero. La mattina che veniva a scuola, già all’aperto i ragazzi, come vedevano che stava arrivando, smettevano di fare baccano e si mettevano in fila in timoroso silenzio. Quello arrivava e passava avanti lasciando una scia di odore di acqua di colonia, che era qualcosa di insolito, abituati come si era all’odore del letame della stalla.

REDAZIONE Hai parlato anche di qualche notte d’estate che sei andato a dormire dalla nonna e sotto il letto hai trovato la bara con le sue lettere, nome e cognome. La notte c’erano i gruppi di gatti che entravano in casa, il fracasso del pendolo…… Con tutto ciò ne parli con un piacere particolare.

MARIO Nonna Nurecchia era la mia unica nonna e soprattutto era la nonna materna. Andare da lei era ovviamente piacevole. Era tutto bello: il focolare, la stalla, la loggia con le scale, la strada via Barbarito. La bara non mi faceva nessuna impressione. Apparteneva semplicemente alla nonna. Io la notte come tutti mi ritiravo, dopo che avevo girato con i compagni in lungo e in largo, e dalla piazza facevo la strada buia. La famiglia era in campagna per gli ultimi lavori. Quando entravo in casa le frotte dei gatti avevano appena finito il concerto sui tetti e stavano già a rincorrersi in casa attraverso il buco nella porta. Saltavano, facevano rumore, ma nonna russava incurante. Io mi coprivo la faccia col lenzuolo perché sembrava che da un momento all’altro qualche gatto mi sarebbe saltato in faccia. Era agosto. In piazza c’era il palco con le luminarie. Le canzoni che vi cantavano erano le arie delle opere. Il letto di nonna era alto un metro e mezzo. Le reti erano le tavole. Il materasso le pannocchie di granturco.

REDAZIONE Dici che anche nelle città dove hai abitato cercavi l’ambiente che, sebbene alla lontana, assomigliasse al tuo paese, per esempio, quando racconti che, avendo trovato casa col vicino campo di grano, si realizzava il vecchio sogno di avere la campagna in città.

MARIO Provenire dal massimo della bellezza ti fa apparire non altrettanto bello tutto il resto. Così l’habitat sano, pulito, fatto di natura alberi campagna, di Sant’Agata ha fatto sminuire qualsiasi altro ambiente. Così si andava a cercare l’angolo che assomigliasse il più possibile a quello che si era lasciato al paese.

REDAZIONE Un’ultima curiosità: come mai a volte parli di mitologia?

MARIO Perché tutti noi che proveniamo dal paese abbiamo questo richiamo mitologico che si identifica con l’infanzia, la campagna, le radici, il paese. D’altronde basta andarsi a leggere Pavese che è un maestro in questo.

REDAZIONE Bene, Mario, arrivederci alla prossima conversazione.

MARIO A presto.

Facebook Twitter Google+
Autorizzazione del Tribunale di Foggia n.20 del 20 settembre 2006
Direttore Responsabile Samantha Berardino



Quotidiano di Video Informazione on-line. Direttore Responsabile: Samantha Berardino
Reg.Trib. di Foggia n.20 del 20 settembre 2006. Tutti i diritti sono riservati.
Direzione e Redazione: Via G.Garibaldi, 44 - 71028 Sant'Agata di Puglia (FG) Tel. +39 0881 984319 - +39 368 7216910
La collaborazione a qualsiasi titolo deve intendersi gratuita.
Segnalazioni: Leonardo Capano redazione@santagatesinelmondo.it

Tutto il materiale presente in questo sito è strettamente riservato - è vietato l'utilizzo dei contenuti del sito senza l'autorizzazione dei gestori. Privacy Policy | Cookie Policy