Dall'Italia  Thu, 22 Feb 2018 23:31 Elezioni, Renzi: «Anche chi ci odia riconosce nostri risultati» - Elezioni, Renzi: «Anche chi ci odia riconosce nostri risultati» Il segretario del Partito Democratico durante una conferenza stampa a Firenze - Agenzia Vista/Alexander Jakhnagiev    Thu, 22 Feb 2018 23:29 Bertolino: «Le prossime elezioni? Un po' come quelle del condominio. E c'è sempre chi non vuole pagare l'ascensore» - Bertolino: «Le prossime elezioni? Un po’ come quelle del condominio. E c’è sempre chi non vuole pagare l’ascensore» Il comico al teatro Franco Parenti di Milano chiude dibattito sul libro di Luciano Fontana, direttore del Corriere della Sera - Corriere TV    Thu, 22 Feb 2018 23:11 Tutti pazzi per Gentiloni, da Napolitano a Rutelli ecco chi chiede il bis - Tutti pazzi per Gentiloni, da Napolitano a Rutelli ecco chi chiede il bis Chi si è espresso a favore di un secondo mandato dell'attuale Presidente del Consiglio - Agenzia Vista/Alexander Jakhnagiev    Thu, 22 Feb 2018 23:02 Ragazza aggredita in un parco a Montelupo, arrestato 21enne - Ragazza aggredita in un parco a Montelupo, arrestato 21enne Avrebbe picchiato la giovane per portarle via il cellulare - LaPresse    Thu, 22 Feb 2018 23:00 Grasso: «L'allarme Juncker? Colpa di questa legge elettorale ingannevole» - Grasso: «L’allarme Juncker? Colpa di questa legge elettorale ingannevole» Il presidente del Senato: "Ha fotografato perfettamente la situazione italiana" - LaPresse    Thu, 22 Feb 2018 22:50 Elezioni, Salvini: «Abbiamo un'idea di Italia fondata sul lavoro, non sull'insulto» - Elezioni, Salvini: «Abbiamo un'idea di Italia fondata sul lavoro, non sull'insulto» Il leader della Lega a Bologna pronostica una vittoria del centrodestra nelle "regioni rosse" - LaPresse    Thu, 22 Feb 2018 22:26 Mattarella: «Genitori che si contrappongono a insegnanti vanno contro gli interessi dei figli» - Mattarella: «Genitori che si contrappongono a insegnanti vanno contro gli interessi dei figli» Il presidente della Repubblica incontra i ragazzi delle scuole medie - Agenzia Vista/Alexander Jakhnagiev    Thu, 22 Feb 2018 22:18 «No a CasaPound», a Torino pietre dai centri sociali contro la polizia: tre agenti feriti e due fermi - Sei agenti feriti e due manifestanti fermati. Giovedì sera il centro di Torino è stato paralizzato dal corteo antifascista sceso in strada per protestare contro il candidato premier di CasaPound, Simone Di Stefano. Il leader del partito di estrema destra ha incontrato i suoi trecento sostenitori nella sala conferenza dell’Nh Hotel di corso Vittorio Emanuele II. Mentre 500 antagonisti hanno tentato invano di raggiungere l’albergo. Bottiglie, sassi e petardi sono stati lanciati contro il cordone di sicurezza delle forze dell’ordine, che hanno risposto con i lacrimogeni. E con l’uso massiccio degli idranti, che ha obbligato a indietreggiare più volte il serpentone antifascista formato da appartenenti ai centri sociali, studenti e militanti di Potere al Popolo. Il corteo, aperto dallo striscione con lo slogan «Torino è antifascista», ha provato a forzare i blocchi per almeno tre volte, ma è sempre stato respinto da polizia e carabinieri. I manifestanti, abbandonato corso Vittorio, hanno sfilato per il centro ricevendo gli applausi di qualche residente. SalviniNon si è fatta attendere la risposta di Matteo Salvini (Lega Nord): «Questi ragazzi fanno quello che fanno: se vai dai genitori e gli fai pagare i danni, vedrai che restano a casa». Duro il commento di Di Stefano: «Sono solo quattro imbecilli». Mentre a Perugia, tre militanti di CasaPound e due di Potere al Popolo sono stati indagati per lo scontro avvenuto durante l’affissione di manifesti elettorali. E a Mantova è stato chiesto il rinvio a giudizio per 9 persone accusate di ricostituzione del partito fascista.    Thu, 22 Feb 2018 19:10 Berlusconi: «A Firenze sono tutti delle bestiacce...» - Berlusconi: «A Firenze sono tutti delle bestiacce...» Silvio Berlusconi in occasione della presentazione da parte dell'Ance del `Manifesto elezioni politiche 2018´ - LAPRESSE    Thu, 22 Feb 2018 19:01 Berlusconi show, lezioni di bon ton e poi l'imitazione - Berlusconi show, lezioni di bon ton e poi l’imitazione Il leader di Forza Italia dai costruttori edili - LaPresse    Thu, 22 Feb 2018 18:53 Berlusconi: «Sentenza Strasburgo? Me ne frego" - Berlusconi: «Sentenza Strasburgo? Me ne frego" Il leader di Forza Italia alla sede all'Ance a Roma - LaPresse    Thu, 22 Feb 2018 18:47 Berlusconi: «Noi uomini del mattone siamo duri, tratteniamo anche la pipì» - Berlusconi: «Noi uomini del mattone siamo duri, tratteniamo anche la pipì» Il leader di Forza Italia, Silvio Berlusconi, nel corso del suo intervento all'Ance, l'associazione dei costruttori edili - LAPRESSE    Thu, 22 Feb 2018 18:29 Ema, Salvini: «Ennesima dimostrazione che l'Europa non ama l'Italia» - Ema, Salvini: «Ennesima dimostrazione che l'Europa non ama l'Italia» Il commento di Matteo Salvini, leader della Lega Nord - Elive    Thu, 22 Feb 2018 18:28 Berlusconi su rapporto Usa-Corea del Nord: «Trump? A volte rispondere è come mettere m... in ventilatore» - Berlusconi su rapporto Usa-Corea del Nord: «Trump? A volte rispondere è come mettere m... in ventilatore» Così il leader di Forza Italia intervenendo all'Ance - LaPresse    Thu, 22 Feb 2018 18:26 Elezioni Lazio, Parisi: «È lotta a due con Zingaretti, bisogna cambiare pagina rapidamente» - Elezioni Lazio, Parisi: «È lotta a due con Zingaretti, bisogna cambiare pagina rapidamente» Il candidato del centrodestra alla presidenza della Regione Lazio ha partecipato al congresso Ugl a Roma - Agenzia Vista/Alexander Jakhnagiev    
Artemisium News
08/10/2017
CROLLO DEL FOGGIA AD EMPOLI ( 3-1 )
Nella seconda parte del match i rossoneri crollano sotto i colpi di Caputo e Donnarumma.
di Lino Mongiello

Empoli, 8 ottobre 2017.

Il Foggia subisce un’altra scoppola sul campo dell’Empoli (3-1) e si ritrova sul fondo della classifica a soli 7 punti compagnia. Come nelle altre precedenti sfide, la storia si ripete. Rossoneri padroni del campo per i primi 45’ e crollo inspiegabile nella ripresa. Mister Stroppa aveva detto che la squadra non avrebbe più avuto cali di concentrazione. Non è stato così in questa ultima, infausta trasferta. I soliti mille al seguito hanno continuato ad incitare i propri beniamini ma c’è stata solo una timida reazione dopo il 3-0 con l’ingresso di Beretta. Dunque ennesima trasferta da dimenticare e chissà si riesca davvero a voltar finalmente pagina. Di questo passo sarà difficile mantenere il passo delle altre contendenti. Se qualcuno s’era fatto delle illusioni troppo positive è meglio che scenda con i piedi per terra e si provi a trovare rimedio ad una situazione che sta diventando davvero difficile. Se Stroppa ha dovuto rinunciare a 4 titolari, Mister Vivarini non stava meglio. Ben 5 nazionali assenti e due infortunati. Il Foggia ha cercato di cogliere di sorpresa gli avversari, partendo con la marcia alta. S’è  impossessato del centrocampo ed ha costretto la compagine di casa a restare praticamente nella propria metà campo. Il motivo dei primi 45’ è stato questo. Foggia solido in difesa e a centrocampo, bello e pimpante fino alla trequarti. Anche perché Fedato  e Chiricò si “incartavano” nell’uno contro uno e mettevano al centro cross da dimenticare. Quando poi cercava di sfondare centralmente si bloccava contro l’energico muro dei toscani. La squadra di testa sembrava il Foggia e non l’Empoli. La retroguardia del Foggia non ha fallito un intervento e non ha concesso praticamente nulla due bocche da fuoco quali Caputo e Donnarumma. Il Foggia, come dicevamo ha macinato gioco ma in sostanza non ha impensierito Provedel. L’azione da gol più clamorosa del primo tempo è stata sventata da Guarna sul colpo di testa di Luperto (38’) con l’aiuto della traversa. Nella ripresa la musica è cambiata. L’Empoli è tornato  in campo determinato a chiudere i conti. Il Foggia ha avuto l'occasione per passare in vantaggio ma Fedato (11’), a porta vuota, ha mancato il bersaglio sul cross di Chirico e l'uscita maldestra di Prevedel. Fallito il gol dello 0-1 il Foggia è crollato fisicamente e psicologicamente. E l’Empoli ne ha approfittato per confermare la sua attitudine ad andare a rete nel primo quarto d’ora della ripresa. Così, puntuali, sono giunti i gol di Caputo (doppietta 14’ e 21’) che ha eluso il “controllo” molto allegro della difesa ospite e anche quello di Donnarumma (28’) col solito colpo di testa dalla battuta dal corner. Molto tardivamente Stroppa ha effettuato i cambi e solo nel finale ha inserito Beretta a risultato ormai compromesso. Il Foggia ha aumentato il peso specifico in attacco ed ha realizzato il gol della bandiera con Mazzeo (39’) su assist di Calderini che in precedenza aveva fallito una ghiotta occasione. Troppo tardi la reazione dei rossoneri ai quali, nel finale, è stato negato un calcio di rigore per un fallo di mani di un difensore. Ma c’è da dire che l’Empoli ha buttato al vento altre occasioni sventate da Guarna. Adesso si fa dura per il Foggia che venerdi sera, allo Zaccheria, disputerà l’anticipo con il Perugia. Un’altra gara difficile. 

EMPOLI – FOGGIA 3 – 1

Marcatori: 14’ e 21’ s.t. Caputo, 28’ Donnarumma, 37’ Mazzeo.                 

Empoli: Provedel 6, Di Lorenzo 6, Romagnoli 6, Luperto 6.5, Untersee 6, Lollo 5.5 (33’ s.t. Picchi s.v.), Castagnetti 5.5, Pasqual 5.5, Zajc 5 (15’ s.t. Ninkovic 6.5), Donnarumma 6, (44’ s.t. Traorè s.v.), Caputo 7. A disposizione: Terracciano, Giacomel, Seck, Polvani, Zappella, Curto, Becagli, Buglio, Piu. All. Vivarini 7.
 

Foggia: Guarna 6, Loiacono 6 (35’ s.t. Beretta 6), Camporese 6, Martinelli 6, Rubin 5, Agazzi 5.5, Vacca 5, Deli 6 (26’ s.t. Gerbo 5.5), Chiricò 5.5 (25’ s.t. Calderini 5), Mazzeo 6, Fedato 5.5. A disposizione: Pelizzoli, Figliomeni, Beretta, Tarolli, Celli, Fedele, Ramè, Coletti. All. Stroppa 5.5.

Arbitro: Eugenio Abbattista di Molfetta 5.5.
1° Ass.:   Orlando Pagnotta di Nocera Inferiore 5.
2° Ass.:   Pasquale Capaldo di Napoli 6. 
4° uomoDaniele Minelli di Varese

Note: Cielo sereno. Terreno in buone condizioni. Spettatori 6.000 circa (1.000 i tifosi di fede rossonera). Ammonito:  Rubin (F). Angoli: 5 – 5. Recuperi: 0’ e 3’.

Nella foto il gol di Mazzeo


 

Facebook Twitter Google+
Autorizzazione del Tribunale di Foggia n.20 del 20 settembre 2006
Direttore Responsabile Samantha Berardino



Quotidiano di Video Informazione on-line. Direttore Responsabile: Samantha Berardino
Reg.Trib. di Foggia n.20 del 20 settembre 2006. Tutti i diritti sono riservati.
Direzione e Redazione: Via G.Garibaldi, 44 - 71028 Sant'Agata di Puglia (FG) Tel. +39 0881 984319 - +39 368 7216910
La collaborazione a qualsiasi titolo deve intendersi gratuita.
Segnalazioni: Leonardo Capano redazione@santagatesinelmondo.it

Tutto il materiale presente in questo sito è strettamente riservato - è vietato l'utilizzo dei contenuti del sito senza l'autorizzazione dei gestori. Privacy Policy | Cookie Policy