Dall'Italia  Thu, 22 Feb 2018 23:31 Elezioni, Renzi: «Anche chi ci odia riconosce nostri risultati» - Elezioni, Renzi: «Anche chi ci odia riconosce nostri risultati» Il segretario del Partito Democratico durante una conferenza stampa a Firenze - Agenzia Vista/Alexander Jakhnagiev    Thu, 22 Feb 2018 23:29 Bertolino: «Le prossime elezioni? Un po' come quelle del condominio. E c'è sempre chi non vuole pagare l'ascensore» - Bertolino: «Le prossime elezioni? Un po’ come quelle del condominio. E c’è sempre chi non vuole pagare l’ascensore» Il comico al teatro Franco Parenti di Milano chiude dibattito sul libro di Luciano Fontana, direttore del Corriere della Sera - Corriere TV    Thu, 22 Feb 2018 23:11 Tutti pazzi per Gentiloni, da Napolitano a Rutelli ecco chi chiede il bis - Tutti pazzi per Gentiloni, da Napolitano a Rutelli ecco chi chiede il bis Chi si è espresso a favore di un secondo mandato dell'attuale Presidente del Consiglio - Agenzia Vista/Alexander Jakhnagiev    Thu, 22 Feb 2018 23:02 Ragazza aggredita in un parco a Montelupo, arrestato 21enne - Ragazza aggredita in un parco a Montelupo, arrestato 21enne Avrebbe picchiato la giovane per portarle via il cellulare - LaPresse    Thu, 22 Feb 2018 23:00 Grasso: «L'allarme Juncker? Colpa di questa legge elettorale ingannevole» - Grasso: «L’allarme Juncker? Colpa di questa legge elettorale ingannevole» Il presidente del Senato: "Ha fotografato perfettamente la situazione italiana" - LaPresse    Thu, 22 Feb 2018 22:50 Elezioni, Salvini: «Abbiamo un'idea di Italia fondata sul lavoro, non sull'insulto» - Elezioni, Salvini: «Abbiamo un'idea di Italia fondata sul lavoro, non sull'insulto» Il leader della Lega a Bologna pronostica una vittoria del centrodestra nelle "regioni rosse" - LaPresse    Thu, 22 Feb 2018 22:26 Mattarella: «Genitori che si contrappongono a insegnanti vanno contro gli interessi dei figli» - Mattarella: «Genitori che si contrappongono a insegnanti vanno contro gli interessi dei figli» Il presidente della Repubblica incontra i ragazzi delle scuole medie - Agenzia Vista/Alexander Jakhnagiev    Thu, 22 Feb 2018 22:18 «No a CasaPound», a Torino pietre dai centri sociali contro la polizia: tre agenti feriti e due fermi - Sei agenti feriti e due manifestanti fermati. Giovedì sera il centro di Torino è stato paralizzato dal corteo antifascista sceso in strada per protestare contro il candidato premier di CasaPound, Simone Di Stefano. Il leader del partito di estrema destra ha incontrato i suoi trecento sostenitori nella sala conferenza dell’Nh Hotel di corso Vittorio Emanuele II. Mentre 500 antagonisti hanno tentato invano di raggiungere l’albergo. Bottiglie, sassi e petardi sono stati lanciati contro il cordone di sicurezza delle forze dell’ordine, che hanno risposto con i lacrimogeni. E con l’uso massiccio degli idranti, che ha obbligato a indietreggiare più volte il serpentone antifascista formato da appartenenti ai centri sociali, studenti e militanti di Potere al Popolo. Il corteo, aperto dallo striscione con lo slogan «Torino è antifascista», ha provato a forzare i blocchi per almeno tre volte, ma è sempre stato respinto da polizia e carabinieri. I manifestanti, abbandonato corso Vittorio, hanno sfilato per il centro ricevendo gli applausi di qualche residente. SalviniNon si è fatta attendere la risposta di Matteo Salvini (Lega Nord): «Questi ragazzi fanno quello che fanno: se vai dai genitori e gli fai pagare i danni, vedrai che restano a casa». Duro il commento di Di Stefano: «Sono solo quattro imbecilli». Mentre a Perugia, tre militanti di CasaPound e due di Potere al Popolo sono stati indagati per lo scontro avvenuto durante l’affissione di manifesti elettorali. E a Mantova è stato chiesto il rinvio a giudizio per 9 persone accusate di ricostituzione del partito fascista.    Thu, 22 Feb 2018 19:10 Berlusconi: «A Firenze sono tutti delle bestiacce...» - Berlusconi: «A Firenze sono tutti delle bestiacce...» Silvio Berlusconi in occasione della presentazione da parte dell'Ance del `Manifesto elezioni politiche 2018´ - LAPRESSE    Thu, 22 Feb 2018 19:01 Berlusconi show, lezioni di bon ton e poi l'imitazione - Berlusconi show, lezioni di bon ton e poi l’imitazione Il leader di Forza Italia dai costruttori edili - LaPresse    Thu, 22 Feb 2018 18:53 Berlusconi: «Sentenza Strasburgo? Me ne frego" - Berlusconi: «Sentenza Strasburgo? Me ne frego" Il leader di Forza Italia alla sede all'Ance a Roma - LaPresse    Thu, 22 Feb 2018 18:47 Berlusconi: «Noi uomini del mattone siamo duri, tratteniamo anche la pipì» - Berlusconi: «Noi uomini del mattone siamo duri, tratteniamo anche la pipì» Il leader di Forza Italia, Silvio Berlusconi, nel corso del suo intervento all'Ance, l'associazione dei costruttori edili - LAPRESSE    Thu, 22 Feb 2018 18:29 Ema, Salvini: «Ennesima dimostrazione che l'Europa non ama l'Italia» - Ema, Salvini: «Ennesima dimostrazione che l'Europa non ama l'Italia» Il commento di Matteo Salvini, leader della Lega Nord - Elive    Thu, 22 Feb 2018 18:28 Berlusconi su rapporto Usa-Corea del Nord: «Trump? A volte rispondere è come mettere m... in ventilatore» - Berlusconi su rapporto Usa-Corea del Nord: «Trump? A volte rispondere è come mettere m... in ventilatore» Così il leader di Forza Italia intervenendo all'Ance - LaPresse    Thu, 22 Feb 2018 18:26 Elezioni Lazio, Parisi: «È lotta a due con Zingaretti, bisogna cambiare pagina rapidamente» - Elezioni Lazio, Parisi: «È lotta a due con Zingaretti, bisogna cambiare pagina rapidamente» Il candidato del centrodestra alla presidenza della Regione Lazio ha partecipato al congresso Ugl a Roma - Agenzia Vista/Alexander Jakhnagiev    
Artemisium News
15/06/2017
SANT'AGATA DI PUGLIA : LA CAMPAGNA DEGLI ANNI CINQUANTA, L'ATTESA DELLA TREBBIA
di Mario De Capraris
di Mario De Capraris

L’ATTESA DELLA TREBBIA

   Una volta alzato il covone, si rimaneva in attesa dell’arrivo della trebbia. Intanto “se scéva a recote” la vigna, cioè a smuovere il terreno superficiale, in cui, a causa del caldo, si erano formate delle crepe, o si toglieva con la zappa “ru ccurme”, le stoppie, intorno agli alberi, per evitare che questi “s’agghiurassere”, cioè venissero toccati dalle fiamme,  quando si sarebbero bruciate le stoppie. E intanto, soprattutto, si sperava che non piovesse, altrimenti le spighe dei covoni avrebbero cacciato i germogli (ru ggréne ceglièva). 

                   LA TREBBIATURA

   Finché a un certo punto cominciava a circolare la voce che la trebbia era vicina. Tempo qualche giorno e sarebbe arrivata. Così un bel giorno qualcuno veniva ad avvisare e allora ci si precipitava all’aia dei covoni. La trebbia la si vedeva arrivare, lungo i campi di stoppie gialle, che veniva giù verso l’aia, mezzo traballante, tirata dal trattore Landini, e, siccome era stretta e alta, dava l’impressione che da un momento all’altro dovesse rovesciarsi su un lato. Intanto c’era tutta una folla che faceva ala ai lati, composta da quelli che sostenevano la trebbia, dai contadini che erano accorsi a vederla, dai proprietari dei covoni, dalle donne, dai bambini. Insomma era come se ci si preparasse a una festa.   La mattina dopo non s’era ancora fatto chiaro, che già si attaccava la bombola del gas al Landini, il quale dopo un poco lanciava dei colpi così laceranti nell’aria calma, con relativa nuvola nera di scarico, che, insieme ai cani che abbaiavano imbestialiti, si sentivano tutti gli animali delle masserie. Intanto la trebbia aveva preso il suo ritmo e era tutto un girare di cinghie e pulegge, di nastri e cilindri, mentre il rullo sollevatore ingoiava i fasci di grano che venivano buttati coi forconi.   Si cominciavano a riempire i primi sacchi di grano e ogni proprietario, che vi aveva tenuto il covone, portava i sacchi nel suo posto, sull’aia all’aperto. Questi sacchi venivano ammassati a mucchi e si aspettava che doveva venire il commerciante col camion a comprarli. Ma intanto passava qualche giorno, e la notte si lasciava a dormire un ragazzo, per maggior sicurezza che non venissero rubati i sacchi. Noi ragazzi si dormiva in mezzo ai sacchi, ma se qualcuno avesse voluto rubare, era sicuro che si sarebbe preso il grano insieme a noi; c’avrebbero potuto trasportare in capo al mondo, nessuno si sarebbe accorto di niente.    Durante i giorni della trebbiatura c’era un via vai di gente che sembrava una festa. Le donne preparavano le orecchiette sui tavoli all’aperto. Gli uomini scaricavano i fasci di grano dai covoni. C’era quello che teneva appesi i bambini alla mazza sulle proprie spalle e gli faceva fare la giostra. Quell’altro che cantava, anche se in mezzo al rumore della trebbia e del “motore”.Quello con gli occhiali da motociclista e fazzoletto sul naso, sotto il tubo di scarico della paglia, alzava la “meta”, cioè il covone di paglia. Più in là i maiali, sotto i gelsi neri, ne mangiavano i frutti e, erano così imbrattati del colore rosso che fuoriusciva dei gelsi, che erano sporchi come maiali.   Oggi, a raccontarli, questi fatti, sembra che sono passati dei secoli, talmente le condizioni di vita e di lavoro sono cambiate, mentre invece tutto avveniva appena cinquant’anni fa.

(fine)

Mario De Capraris

Facebook Twitter Google+
Autorizzazione del Tribunale di Foggia n.20 del 20 settembre 2006
Direttore Responsabile Samantha Berardino



Quotidiano di Video Informazione on-line. Direttore Responsabile: Samantha Berardino
Reg.Trib. di Foggia n.20 del 20 settembre 2006. Tutti i diritti sono riservati.
Direzione e Redazione: Via G.Garibaldi, 44 - 71028 Sant'Agata di Puglia (FG) Tel. +39 0881 984319 - +39 368 7216910
La collaborazione a qualsiasi titolo deve intendersi gratuita.
Segnalazioni: Leonardo Capano redazione@santagatesinelmondo.it

Tutto il materiale presente in questo sito è strettamente riservato - è vietato l'utilizzo dei contenuti del sito senza l'autorizzazione dei gestori. Privacy Policy | Cookie Policy