Dall'Italia  Thu, 22 Feb 2018 23:31 Elezioni, Renzi: «Anche chi ci odia riconosce nostri risultati» - Elezioni, Renzi: «Anche chi ci odia riconosce nostri risultati» Il segretario del Partito Democratico durante una conferenza stampa a Firenze - Agenzia Vista/Alexander Jakhnagiev    Thu, 22 Feb 2018 23:29 Bertolino: «Le prossime elezioni? Un po' come quelle del condominio. E c'è sempre chi non vuole pagare l'ascensore» - Bertolino: «Le prossime elezioni? Un po’ come quelle del condominio. E c’è sempre chi non vuole pagare l’ascensore» Il comico al teatro Franco Parenti di Milano chiude dibattito sul libro di Luciano Fontana, direttore del Corriere della Sera - Corriere TV    Thu, 22 Feb 2018 23:11 Tutti pazzi per Gentiloni, da Napolitano a Rutelli ecco chi chiede il bis - Tutti pazzi per Gentiloni, da Napolitano a Rutelli ecco chi chiede il bis Chi si è espresso a favore di un secondo mandato dell'attuale Presidente del Consiglio - Agenzia Vista/Alexander Jakhnagiev    Thu, 22 Feb 2018 23:02 Ragazza aggredita in un parco a Montelupo, arrestato 21enne - Ragazza aggredita in un parco a Montelupo, arrestato 21enne Avrebbe picchiato la giovane per portarle via il cellulare - LaPresse    Thu, 22 Feb 2018 23:00 Grasso: «L'allarme Juncker? Colpa di questa legge elettorale ingannevole» - Grasso: «L’allarme Juncker? Colpa di questa legge elettorale ingannevole» Il presidente del Senato: "Ha fotografato perfettamente la situazione italiana" - LaPresse    Thu, 22 Feb 2018 22:50 Elezioni, Salvini: «Abbiamo un'idea di Italia fondata sul lavoro, non sull'insulto» - Elezioni, Salvini: «Abbiamo un'idea di Italia fondata sul lavoro, non sull'insulto» Il leader della Lega a Bologna pronostica una vittoria del centrodestra nelle "regioni rosse" - LaPresse    Thu, 22 Feb 2018 22:26 Mattarella: «Genitori che si contrappongono a insegnanti vanno contro gli interessi dei figli» - Mattarella: «Genitori che si contrappongono a insegnanti vanno contro gli interessi dei figli» Il presidente della Repubblica incontra i ragazzi delle scuole medie - Agenzia Vista/Alexander Jakhnagiev    Thu, 22 Feb 2018 22:18 «No a CasaPound», a Torino pietre dai centri sociali contro la polizia: tre agenti feriti e due fermi - Sei agenti feriti e due manifestanti fermati. Giovedì sera il centro di Torino è stato paralizzato dal corteo antifascista sceso in strada per protestare contro il candidato premier di CasaPound, Simone Di Stefano. Il leader del partito di estrema destra ha incontrato i suoi trecento sostenitori nella sala conferenza dell’Nh Hotel di corso Vittorio Emanuele II. Mentre 500 antagonisti hanno tentato invano di raggiungere l’albergo. Bottiglie, sassi e petardi sono stati lanciati contro il cordone di sicurezza delle forze dell’ordine, che hanno risposto con i lacrimogeni. E con l’uso massiccio degli idranti, che ha obbligato a indietreggiare più volte il serpentone antifascista formato da appartenenti ai centri sociali, studenti e militanti di Potere al Popolo. Il corteo, aperto dallo striscione con lo slogan «Torino è antifascista», ha provato a forzare i blocchi per almeno tre volte, ma è sempre stato respinto da polizia e carabinieri. I manifestanti, abbandonato corso Vittorio, hanno sfilato per il centro ricevendo gli applausi di qualche residente. SalviniNon si è fatta attendere la risposta di Matteo Salvini (Lega Nord): «Questi ragazzi fanno quello che fanno: se vai dai genitori e gli fai pagare i danni, vedrai che restano a casa». Duro il commento di Di Stefano: «Sono solo quattro imbecilli». Mentre a Perugia, tre militanti di CasaPound e due di Potere al Popolo sono stati indagati per lo scontro avvenuto durante l’affissione di manifesti elettorali. E a Mantova è stato chiesto il rinvio a giudizio per 9 persone accusate di ricostituzione del partito fascista.    Thu, 22 Feb 2018 19:10 Berlusconi: «A Firenze sono tutti delle bestiacce...» - Berlusconi: «A Firenze sono tutti delle bestiacce...» Silvio Berlusconi in occasione della presentazione da parte dell'Ance del `Manifesto elezioni politiche 2018´ - LAPRESSE    Thu, 22 Feb 2018 19:01 Berlusconi show, lezioni di bon ton e poi l'imitazione - Berlusconi show, lezioni di bon ton e poi l’imitazione Il leader di Forza Italia dai costruttori edili - LaPresse    Thu, 22 Feb 2018 18:53 Berlusconi: «Sentenza Strasburgo? Me ne frego" - Berlusconi: «Sentenza Strasburgo? Me ne frego" Il leader di Forza Italia alla sede all'Ance a Roma - LaPresse    Thu, 22 Feb 2018 18:47 Berlusconi: «Noi uomini del mattone siamo duri, tratteniamo anche la pipì» - Berlusconi: «Noi uomini del mattone siamo duri, tratteniamo anche la pipì» Il leader di Forza Italia, Silvio Berlusconi, nel corso del suo intervento all'Ance, l'associazione dei costruttori edili - LAPRESSE    Thu, 22 Feb 2018 18:29 Ema, Salvini: «Ennesima dimostrazione che l'Europa non ama l'Italia» - Ema, Salvini: «Ennesima dimostrazione che l'Europa non ama l'Italia» Il commento di Matteo Salvini, leader della Lega Nord - Elive    Thu, 22 Feb 2018 18:28 Berlusconi su rapporto Usa-Corea del Nord: «Trump? A volte rispondere è come mettere m... in ventilatore» - Berlusconi su rapporto Usa-Corea del Nord: «Trump? A volte rispondere è come mettere m... in ventilatore» Così il leader di Forza Italia intervenendo all'Ance - LaPresse    Thu, 22 Feb 2018 18:26 Elezioni Lazio, Parisi: «È lotta a due con Zingaretti, bisogna cambiare pagina rapidamente» - Elezioni Lazio, Parisi: «È lotta a due con Zingaretti, bisogna cambiare pagina rapidamente» Il candidato del centrodestra alla presidenza della Regione Lazio ha partecipato al congresso Ugl a Roma - Agenzia Vista/Alexander Jakhnagiev    
Artemisium News
12/06/2017
LA DEVOZIONE DEI SANTAGATESI VERSO S.ANTONIO
di Dora Donofrio Del Vecchio

La devozione antoniana, fra le più sentite dai santagatesi, è strettamente legata alla predicazione ed alla presenza plurisecolare dei Francescani in Sant’Agata di Puglia. 
Un altare dedicato al Santo era nella chiesa del convento di S. Carlo (abbattuto nel 1963), un altro era ed è nella chiesa dell’Annunziata, detta anche di S. Antonio.
Allo svolgimento della festa, alla manutenzione della cappella e della chiesa, ad incrementare il culto verso il Santo taumaturgo contribuì la confraternita di S. Antonio, la cui presenza è attestata dal 1500. Rimasta attiva fino al secolo scorso, associò molti devoti del Santo, e ne fu priore anche il marchese Enrico Loffredo. Essa aveva la sua campana sul campanile della chiesa e nel 1881 diede vita al gruppo del Terz’Ordine francescano. 
A confermare lo spessore del culto antoniano sono l’adozione del nome Antonio/a, le numerose donazioni di beni mobili ed immobili, come uliveti, terreni seminativi, vacche, pecore, rendite su capitali, un molino ad acqua, ori, argenti, varie espressioni di pietà popolare. 
 Al Santo le spigolatrici la sera, al ritorno dai campi, donavano un manipolo di spighe che riponevano in grossi contenitori messi all’ingresso del paese; il martedì un confratello girava per il paese per elemosinare l’olio per tenere accesa la lampada del Santo; altri giravano per le aie per la questua del grano durante la trebbiatura. Molti bambini, ma anche adulti, per voto indossavano l’abito francescano simile a quello del Santo per tredici mesi, a partire dal 13 giugno. Nei tredici martedì che precedevano la festa, nei giorni della “tredicina” ed il 13 giugno devoti preparavano con farina propria o raccolta per elemosina il “pane di S. Antonio” che distribuivano dopo la benedizione a poveri e fedeli; altri, elemosinando, raccoglievano il denaro sufficiente per far celebrare sante messe o “messe pezzenti” in onore del Santo. Per molti anni del secolo scorso le spese per la festa, il predicatore, il “pane” furono sostenute dai “Fratelli Fredella Molini e Pastificio”. 
La festa si svolgeva con pompa e solennità: sante messe, panegirico, banda, spari, orchestra, luminarie. Il giorno 12 si tenevano le Quarantore di adorazione eucaristica con la processione serale. Per il giorno 13 s’interrompevano tutte le attività. Alla imponente spettacolare processione partecipavano il clero, le confraternite, fanciulle bianco vestite, fedeli scalzi per voto o grazia ricevuta, molto popolo. La statua di S. Antonio, ricoperta di ori votivi e arricchita da profumatissimi gigli, veniva portata per quasi tutte le strade del paese, anche per quelle sotto al castello. Tutte le strade processionali erano adorne di coperte ricamate che pendevano dai balconi. Due maestosi “pali” (poi solo uno) a forma di albero, ammantati di gigli e ciliegie,  erano stati preparati ed erano portati da gruppi di devoti. Al ritorno in chiesa la statua non si riponeva nella nicchia, ma sull’altare, perché l’ultima domenica di giugno si riprendeva e in processione, per un breve tratto di strada, si portava fino al Ponte dell’Annunziata. Qui S. Antonio rivolgeva il suo sguardo ai campi, che venivano benedetti e affidati alla Sua protezione.
La festa in onore di questo grande Santo, discepolo prediletto di S. Francesco d’Assisi, evangelizzatore, “martello contro gli eretici”, dottore della Chiesa, è organizzata dai Padri francescani del convento dell’Annunziata con i quali collabora un attivo Comitato.  È sempre molto attesa e vissuta con profonda immutata fede da tutto il popolo. 

Dora Donofrio Del Vecchio

( Confraternita di S. Antonio di Padova e SS.ma Annunziata )

 

Facebook Twitter Google+
Autorizzazione del Tribunale di Foggia n.20 del 20 settembre 2006
Direttore Responsabile Samantha Berardino



Quotidiano di Video Informazione on-line. Direttore Responsabile: Samantha Berardino
Reg.Trib. di Foggia n.20 del 20 settembre 2006. Tutti i diritti sono riservati.
Direzione e Redazione: Via G.Garibaldi, 44 - 71028 Sant'Agata di Puglia (FG) Tel. +39 0881 984319 - +39 368 7216910
La collaborazione a qualsiasi titolo deve intendersi gratuita.
Segnalazioni: Leonardo Capano redazione@santagatesinelmondo.it

Tutto il materiale presente in questo sito è strettamente riservato - è vietato l'utilizzo dei contenuti del sito senza l'autorizzazione dei gestori. Privacy Policy | Cookie Policy