Dall'Italia  Tue, 19 Jun 2018 15:21 Il salvataggio di tre gattini intrappolati nei tubi di scarico - Il salvataggio di tre gattini intrappolati nei tubi di scarico Bussolengo, provincia di Verona: il delicato intervento dei vigili del fuoco per mettere in sicurezza i cuccioli rimasti bloccati nelle tubature - Corriere TV    Tue, 19 Jun 2018 15:02 Ue, Salvini: "Con Orban lavoreremo per cambiare le regole" - Ue, Salvini: "Con Orban lavoreremo per cambiare le regole" Il ministro degli Interni a Fiumicino: "Farò di tutto per dare speranza nel loro paese ai disperati che muoiono nel Mar Mediterraneo" - LaPresse    Tue, 19 Jun 2018 14:26 Dodici persone isolate da una frana in Calabria, salvate dai vigili del fuoco - Dodici persone isolate da una frana in Calabria, salvate dai vigili del fuoco Le operazioni dei Vigili del Fuoco - Agenzia Vista/Alexander Jakhnagiev    Tue, 19 Jun 2018 12:23 Cannabis legale: è boom di coltivazioni e vendita - Cannabis legale: è boom di coltivazioni e vendita Alle porte di Milano un’azienda con 7mila metri quadri di terreno e 2mila piante - LaPresse    Tue, 19 Jun 2018 09:13 Nilde Iotti e quella pistola nel cassetto: la storia dell'arma che 70 anni fa sparò a Palmiro Togliatti - Nilde Iotti e quella pistola nel cassetto: la storia dell’arma che 70 anni fa sparò a Palmiro Togliatti Per la prima volta mostriamo l'arma che 70 anni fa sparò a Palmiro Togliatti, oggi custodita dalla Fondazione Berlinguer. La professoressa Marisa Malagoli Togliatti racconta l’attentato organizzato da Antonio Pallante - CorriereTV    Tue, 19 Jun 2018 03:15 Immigrazione, Conte: "Servono soluzioni Ue o finisce Schengen" - Immigrazione, Conte: "Servono soluzioni Ue o finisce Schengen" Lo ha detto il presidente del Consiglio Giuseppe Conte in conferenza stampa con la cancelliera tedesca Angela Merkel - Agenzia Vista/Alexander Jakhnagiev    Tue, 19 Jun 2018 00:06 Stadio Roma, Bonafede: «Lanzalone lo ha scelto la Raggi» - Stadio Roma, Bonafede: «Lanzalone lo ha scelto la Raggi» Il ministro della Giustizia ospite di Otto e mezzo su La7 - LaPresse    Mon, 18 Jun 2018 23:35 Immigrazione, Galliani si complimenta con Salvini: «Si sta comportando molto bene» - Immigrazione, Galliani si complimenta con Salvini: «Si sta comportando molto bene» Il senatore commenta le scelte del Ministro dell'Interno - Agenzia Vista/Alexander Jakhnagiev    Mon, 18 Jun 2018 23:34 Migranti, Merkel: «Serve dare solidarietà all'Italia» - Migranti, Merkel: «Serve dare solidarietà all'Italia» Il summit in Germania - Agenzia Vista/Alexander Jakhnagiev    Mon, 18 Jun 2018 23:32 Di Maio: «Contento delle parole della Merkel sul reddito di inclusione» - Di Maio: «Contento delle parole della Merkel sul reddito di inclusione» Il vicepremier ha parlato in conferenza stampa al Mise - LaPresse    Mon, 18 Jun 2018 23:21 Migranti, Gentiloni: «Un Paese che usa linguaggio offensivo è un Paese in cerca di guai» - Migranti, Gentiloni: «Un Paese che usa linguaggio offensivo è un Paese in cerca di guai» L'ex premier al convegno: «La diplomazia culturale» - LaPresse    Mon, 18 Jun 2018 22:58 Censimento rom, Mentana mostra la schedatura della razza ebraica: «In Italia 80 anni fa cominciammo così» - Censimento rom, Mentana mostra la schedatura della razza ebraica: «In Italia 80 anni fa cominciammo così» «80 anni fa cominciammo così» - LaPresse    Mon, 18 Jun 2018 22:49 Salvini annuncia censimento dei rom: «Quelli italiani ce li dobbiamo tenere» - Salvini annuncia censimento dei rom: «Quelli italiani ce li dobbiamo tenere» Così il ministro dell'Interno durante un'intervista - LaPresse    Mon, 18 Jun 2018 22:45 Gentiloni: «Con linguaggio aggressivo Paese cerca guai» - Gentiloni: «Con linguaggio aggressivo Paese cerca guai» L'ex premier alla presentazione del libro di Rutelli - Agenzia Vista/Alexander Jakhnagiev    Mon, 18 Jun 2018 22:44 Migranti, Gentiloni: «Bisogna usare parole degne di un paese come l'Italia» - Migranti, Gentiloni: «Bisogna usare parole degne di un paese come l'Italia» L'ex premier alla presentazione del libro di Rutelli - Agenzia Vista/Alexander Jakhnagiev    
Cultura, arte e musica
Sant'Agata di Puglia ( STORIA )
Sant'Agata di Puglia ( STORIA )
di Redazione
Sant'Agata di Puglia ( STORIA )

Sant'Agata di Puglia è un comune italiano di 2.217 abitanti della provincia di Foggia in Puglia. Di fondazione medievale, nel 2002 ha ottenuto la Bandiera Arancione dal Touring Club Italiano.

TERRITORIO

È situato sui monti del Subappennino Dauno con vista panoramica sul Tavoliere. Il nome attesta la forte devozione verso la santa patrona del paese. La specifica è identificativa della zona. Confina con Accadia, Anzano di Puglia, Candela, Deliceto, Lacedonia (AV), Monteleone di Puglia, Rocchetta Sant'Antonio, Scampitella (AV). Il suo clima è abbastanza rigido freddo d'inverno nevica spesso 2° C  ed estati fresche 22° C.

STORIA

Durante la dominazione sveva, la provincia militare di Sant'Agata era denominata "Castellania". Con decreto imperiale del 5 ottobre 1239 Federico II di Svevia incluse quello di Sant'Agata fra i castra exempta (letteralmente, "castelli esentati"), ritenuti di primaria importanza sia a scopo difensivo sia come residenze imperiali. Per essi si riservò personalmente la scelta e la nomina dei castellani. Nello stesso anno, fu emanato un mandato imperiale che obbligava gli abitanti del Giustizierato della Terra Beneventana a riparare il Castello di Sant'Agata; nel 1250 l'obbligo fu esteso agli abitanti di alcuni centri della Capitanata: «Casale di Sant'Antuono, Ascoli Satriano, Candela, Santo Stefano in Iuncarico e San Pietro in Olivola, le quali terre debbono anche prestare una determinata obbligazione ogni anno nel predetto castello». Con la successiva dominazione angioina il Castello di Sant'Agata conservò la funzione di provincia militare e amministrativa. Il re Carlo I d'Angiò aveva un'abitazione privata all'interno del castello, dove fra il 1269 e il 1270 aveva fatto ornare la cappella dedicata a sant'Agata e vi aveva fatto collocare tre artistiche lonze, oggi perdute. Dal 1274 al 1279Carlo I diede mandato al Giustiziere di Capitanata di provvedere a ulteriori riparazioni del maniero, nel frattempo resesi necessarie: il mandato reale del 1279 confermò l'obbligo di contribuirvi ai paese già individuati da Federico II. Nel 1294, quando Carlo II d'Angiò era succeduto al padre, il castello era ancora regio e ne era Signore Goffredo de Jonville; nel 1296 il monarca ordinò "alle terre" del fu Goffredo di obbedire a suo fratello Giovanni. Nel 1304 era Signora di Sant'Agata Filippa Belmonte. Nel 1396 il viceré convocò nel castello di Sant'Agata un parlamento per il bene pubblico al quale parteciparono tutti i baroni che avevano seguito la fazione angioina e, seguendo l'esempio di Napoli che aveva costituito gliOtto del Buono Stato della città, furono eletti in quel parlamento sei deputati per il Buono Stato del Regno. Nel1419 il castello risultava essere ancora regio: il 10 giugno di quell'anno la regina Giovanna II d'Angiò diede per la Castellania di Sant'Agata 100 ducati al grande Camerario del Regno di Sicilia Pandolfello Piscopo. Il territorio di Sant'Agata era stato infeudato agli Jonville, dai quali passò ad Andreis de Perretto, la cui vedova, contessa di Troia, lo trasmise a Francesco Orsini, che ella sposò in seconde nozze. Alla morte del re angioino Roberto, era conte di Sant'Agata Carlo Artus. Dopo l'eccidio della Casa Artus la Contea passò a Bartolomeo Tomacelli. Sotto Alfonso d'Aragona il Castello era in potere della Casa Orsini che possedette l'alta Signoria di Sant'Agata per anni. Nel 1557 il Viceré di Napoli Duca d'Alba, supponendo che un esercito potesse invadere il regno, ordinò a don Garcia di Toledo di fortificare, oltre a Venosa ed Ariano Irpino, anche Sant'Agata. Il castello subì le prime modifiche con gli Orsini, quando divenne residenza ducale. I Loffredo, «famiglia ricca di sangue, di antenati e di pubblici uffici», entrarono nelle pertinenze di Sant'Agata sin dal 1526 quando Cicco Loffredo, marchese di Trevico e di altri territori, ebbe in enfiteusi il distrutto casale di San Pietro in Olivola con tutto il territorio. Poi acquisirono anche il Casale di Santa Maria d'Olivola. Nel 1576 Carlo Loffredo comprò dagli Orsini la signoria di Sant'Agata per 36.000 ducati. Con i Loffredo il castello perse man mano le sue antiche strutture per divenire residenza marchesale. La casata Loffredo si distinse per le opere pie adoperandosi per l'edificazione del convento di San Carlo dell'Ordine Francescano dei Riformati. Nel 1613 l'edificio era già compiuto: qui, nel 1664 fu istituito un lanificio per i frati della Provincia e una scuola di filosofia e teologia. Fu abbattuto negli anni '60 per realizzare l'attuale campo sportivo. Il castello rimase proprietà della famiglia Loffredo sino alla metà dell'Ottocento. La Famiglia del Buono: nel 1862 acquisisce il castello [esso risulta venduto a Francesco del Buono con atto per notaio Ramino Volpe in S.Agata]. Dal 1870 hanno attuato massicci lavori di restauro e ricostruzione del Castello, dandogli l'attuale configurazione nella sua parte superiore. In seguito al terremoto del 1930 Terremoto del Vulture che colpì duramente il subappenino dauno, i del Buono spesero molte energie per i necessari ulteriori lavori di ricostruzione che riguardarono le coperture dell'ala sud e il consolidamento delle strutture murarie. Durante il secondo conflitto mondiale, grazie al castello furono di ausilio a tutta la popolazione di Sant'Agata ed a profughi provenienti da Foggia bombardataBombardamenti di Foggia del 1943. 
Nel 2000, l'Amministrazione Comunale di Sant'Agata, usufruendo di una nuova norma che ne sanciva il diritto di prelazione, ha acquisito la proprietà del Castello, durante un passaggio tra gli eredi del Buono. 

GONFALONE

D'oro, all'effige di Sant'Agata, il viso, il volo, le mani di carnagione, cappelluta di nero, aureolata di nero, tenente con la mano destra il piatto di nero con i due seni di carnagione, con la mano sinistra la palma del martirio, di verde, posta in sbarra, la Santa vestita d'azzurro, ammantata di rosso, sostenuta dalla pianura diminuita, di verde. Ornamenti esteriori di Comune. Drappo di azzurro con la bordatura di giallo e caricato dello stemma sopra descritto con la iscrizione centrata in argento, recante la denominazione del comune.

MONUMENTI

Castello

La storia del Castello di Sant'Agata, che per lo più riflette anche quella del paese, è legata principalmente alla natura del luogo che lo ospita, quale ottimo osservatorio e punto strategico, dominante la valle del Calaggio, i confini dell'Irpinia, della Lucania e della Daunia, e posto proprio allo sbocco dei valichi campani verso la Puglia (confini di dominio Longobardo- Bizantino). Il territorio è stato attraversato da una vasta viabilità romana ed ha avuto una notevole presenza monastica, come è testimoniato da monumenti e vestigia. Il Castello,Castrum o Rocca, era denominato nel periodo romano Artemisium, forse per il fatto che in vetta al monte vi fosse un tempio pagano. Con l'avvento del Cristianesimo, e precisamente quando nel 592 per volontà del Papa Gregorio Magno furono trasportate le reliquie della Martire S.Agata da Catania a Roma, l'Artemisium fu battezzato S.Agata in onore della Santa. La Rocca di Sant'Agata ha ricoperto nel medioevo la funzione importantissima di provincia o distretto militare   amministrativo, avendo il comando di una circoscrizione composta da un determinato numero di paesi. Questo distretto con i Longobardi era denominato Gastaldato, al comando di questo vi era il Gastaldo, che nell'anno 997 risulta essere un tale Marino. Durante la dominazione longobarda Sant'Agata fu l'ultimo avamposto del Ducato di Benevento. Verso il mille ne erano padroni Landolfo e Pandolfo, principi beneventani. La tradizione orale santagatese ha tramandato la leggenda del valoroso condottiero Capitano Agatone, Signore di Sant'Agata, abile e astuto nelle sue imprese, rigido nel far rispettare le leggi, trovò la morte per mano del suo barbiere che non accettò che fosse applicato nei confronti della sua sposa la "ius primae noctìs".I Marchesi Loffredo fecero dipingere un ritratto di Agatone, tutt'ora esistente, sotto la volta dell'atrio di accesso al cortile del Castello, in un ovale delimitato da una fascia su cui è scritto: "Agatho dux arcis Sanctae Agathae - mori potius quam foedari". Nella seconda metà dell'anno Mille la Rocca era in mano ai Normanni. Abagelardo, nipote del Duca Roberto il Guiscardo, con suo cognato Gradelone, tentò di sollevare contro il Duca molte città della Puglia e in questa azione si fortificò in Rocca Sant'Agata. Roberto il Guiscardo per porre fine a questa insurrezione mosse alla cattura di Abagelardo assediando la Rocca che si arrese nel 1079. Nel 1086 era padrone della Rocca il Duca Ruggiero d'Altavilla figlio di Roberto il Guiscardo al quale seguirono i consanguinei Brittone, Rainolfo, suo figlio Ioele e Riccardo figlio di quest'ultimo, i quali saranno padroni della Rocca fino al 1133 anno in cui il Re normanno Ruggiero II -  primo Re di Sicilia che governava su tutto il regno dell'Italia meridionale - come ci ha tramandato un cronista dell'epoca: "volle e ricevette da Riccardo, la fortezza di Sant'Agata, per il fatto che, posto su inaccessi­bile monte, dominava quasi tutta la Puglia, che egli di là poteva difendere in grandissima parte." Nel periodo della dominazione normanna la provincia militare era denominata 'Comestabulia' ed a capo vi era il Contestabile. Dal 1150 e probabilmente fino al 1163 fu Contestabile Garmondo. In questo periodo gli ufficiali che presidiavano il comando mili­tare.Nel 1153 risulta "magister castelli sancte agathes" Guglielmo De Marri, accanto al quale vi sono i milites con il catapano Pietro Maledetto prima e Gualeramo poi. Risultano poi Contestabili Leadasio e Carlo De Anzano. Costui era a servizio di Ruggiero Conte di Andria, il quale parteggiava per Costanza d'Altavilla e cospirò contro Tancredi sollevando le citta' di Puglia, conquistando Corneto, fortificando Sant'Agata e ritirandosi in Ascoli ove trovò la morte nel 1170. Dopo Ruggiero fu padrone di Sant'Agata suo figlio Roberto il Calagio il quale subì la sconfitta da parte di Tancredi al quale dovette arrendersi dopo tre anni,quella fu l'unica volta che Sant'Agata venne presa con la forza delle armi. Il Castello, oltre che presidio reale, fu anche buon rifugio e come tale fu usato dal Conte Diopoldo, Duca di Spoleto, (tutore del piccolo Federico II, il futuro imperatore), il quale rifugiatosi nella Rocca per sfuggire a Gualtieri di Brienne, fu fatto prigioniero dal castellano che lo liberò dietro il pagamento di una forte somma. Durante la dominazione sveva, la provincia militare di Sant'Agata era denominata 'Castellania'. L'Imperatore Federico II emanò due mandati con i quali obbligava tutti i paesi appartenenti alla Castellania di Rocca Sant'Agata a riparare il castello. Il primo mandato del 1239 così recita:"E' stato assodato tramite un'inchiesta che e' stata eseguita, che i seguenti paesi del Giustizierato della Terra Beneventana, sono tenuti e debbono riparare il castello di Rocca Sant'Agata in Capitanata, cioè gli uomini di Gesualdo, di Frigento, di Mirabella, Paternopoli, S.Mango, Trevico, Vallata, Flumeri, Villanova del Battista, Zuncoli, Bisaccia, Lacedonia, Rocchetta, Monte Verde, Aquilonia, Morra, Castelbaronia, Savignano e Greci". Se nella prima inchiesta i paesi appartengono al Giustizierato della Terra Beneventana, nella seconda si apprende che il distretto si allarga e comprende anche alcuni paesi della Capitanata, infatti i capitoli del secondo mandato, del 1250, sono due: par.99: IL Castello di S.Agata può essere riparato dagli uomini dello stesso paese con  il Casale di S.Antuono, Ascoli,Candela, S.Stefano in Iuncarico e S.Pietro in Olivola, le quali terre debbono anche prestare una determinata obbligazione ogni anno nel predetto castello."par.90 "Il Castello di Rocca S.Agata deve essere riparato dagli uomini di Gesualdo, Frigento, Mirabella,Paternapoli,S.Mango,Trevico, Vallata,   Flumeri,   Villanova del Battista,   Zungoli,   Bisaccia,  Lacedonia,   Rocchetta  S.Antonio, Monteverde, Aquilonia, Morra,Castelbaronia, Savignano e Greci e dagli uomini di Rocca S.Agata." Con Federico II si ha modo di comprendere la vera importanza che ha ricoperto il Castello. Infatti il 5 ottobre  del  1239  l'Imperatore  trovandosi a  Milano,  tramite  il suo segretario Pier delle Vigne, inviò ai provvisori regionali dei suoi castelli privati un mandato. Si tratta in breve di questo: i provvisori avevano pieni poteri di sostituire con nuovi castellani quelli che dalle loro improvvise ispezioni risultassero o poco fedeli o poco solleciti nei loro doveri di cura dei castelli. Secondo questo mandato per una quarantina di castelli   su 242  l'Imperatore aveva deciso di provvedervi di persona nella scelta e nella nomina dei castellani. Si tratta dei cosiddetti 'castra exempta', castelli eccettuati, di primaria importanza, sia come fortezza del Regno, sia come dimore residenziali preferite dall'Imperatore. In Capitanata i castelli preferiti erano soltanto due: quello di Rocca Sant'Agata e quello di Monte S.Angelo. Alla dominazione sveva succedette quella angioina, durante la quale il nostro Castello conserva ancora la sua funzione di provincia militare amministrativa. Ancora una volta, in seguito alle continue guerre, la Rocca deve essere riparata ed il Re Carlo I d'Angiò provvede a far  realizzare i lavori di riparazione  tramite il  Giustiziere di Capitanata.  La  documentazione va  dal 1274 al 1279 ed il mandato Reale del 1279 riporta il lungo elenco dei paesi obbligati alla riparazione, il quale corrisponde a quello già stabilito da Federico II. Il Re aveva una sua abitazione privata nel Castello e nel 1269 70 aveva fatto ornare la Cappella interna dedicata a S.Agata, e vi aveva fatto collocare tre artistiche lonze, oggi inesistenti. Da vari documenti apprendiamo come era organizzata l'amministrazione del Castello sotto il Re Carlo I d'Angiò:Negli anni 1269 70 troviamo due Castellani: Simon de Fontana e Guillelmus Marmorellis.

Dal 1265 al 1271 il Castello risulta custodito da 35 servi. Il Castello era anche prigione. Nel 1272 i servi sono 20. Nel 1273 la Castellania è affidata a Giovanni di S.Stefano. Il 1° gennaio del 1295 Re Carlo nomina Castellano di Rocca Sant'Agata il milite Guglielmo Lande;  sei giorni dopo il Re muore a Foggia. A Carlo I succede suo figlio Re Carlo II. Nel 1294 il Castello è ancora regio e ne è Signore Goffredo de Jonville; nel 1296 Carlo II d'Angiò ordina 'alle Terre' del fu Goffredo di obbedire a suo fratello Giovanni. Nel 1304 era Signora di Sant'Agata Filippa Belmonte. Nel 1396 nel Castello si svolse un avvenimento di particolare importanza. Il Vicerè vi convocò un parlamento per il bene pubblico al quale parteciparono tutti i baroni che avevano seguito la fazione angioina e, seguendo l'esempio di Napoli che aveva creato gi Otto del Buono Stato, furono eletti in quel parlamento sei deputati per il Buono Stato del Regno. Il 10 giugno del 1419 la Regina Giovanna II d'Angiò diede per la Castellania di Sant'Agata 100 ducati al grande Camerario del Regno di Sicilia Pandolfello Piscopo, quindi a quella data il Castello risulta essere ancora regio. Il territorio di Sant'Agata era stato infeudato agli Jonville, dai quali, non si sa come, passo' ad Andreis de Perretto, la cui vedova, contessa di Troia, lo trasmise a Francesco Orsini, che ella sposò in seconde nozze. Dopo la morte del re angioino Roberto, Carlo Artus era Conte di Sant'Agata. Dopo l'eccidio della Casa Artus la Contea passò a Bartolomeo Tomacelli. Il regno angioino durò 172 anni al quale seguì il regno aragonese. Sotto Alfonso d'Aragona il Castello è in potere della Casa Orsini che possedette l'alta Signoria di Sant'Agata per molti anni. Sopra una lapide che stava sul primo portone del castello si leggeva:"Iacabus de Ursinis dux Gravinàe, Campaniae abcomes A.D.MCCCCLXXIV". Il padre di detto Giacomo, il Duca Francesco Orsini eresse, nel 1443 il CONVENTO DELL'ANNUNZIATA (S.ANTONIO) per i Frati Minori Francescani, su terreni e altri  locali  di  sua proprietà là dove vi era la CHIESA DELL'ANNUNZIATA che fu inserita nel complesso conventuale e adattata alla nuova funzione cui fu destinata. Oggi il complesso francescano e' ancora attivo con i suoi frati. Con gli Orsini il Castello era ancora forte se un ispettore spagnolo stendeva questa preziosa relazione: "Sancta Agatha in Capitanata. Esta' situada en un altissimo monte con suos muros, un castillo fuerte en cima de la ciutad." Ed infatti nel 1557 il Castello è ancora coinvolto in azioni belliche, per volontà del Duca d'Alba, Vicerè di Napoli, il quale supponendo che un esercito potesse invadere il regno, ordina a D.Garcia di Toledo di fortificare, oltre Venosa ed Ariano, anche S.Agata. Con gli Orsini il Castello subì le prime modifiche divenendo residenza ducale, poi con i Loffredo perdette man mano le sue antiche strutture e divenne residenza marchesale. I Loffredo, "famiglia ricca di sangue, di antenati e di pubblici uffici", entrarono nelle pertinenze di Sant'Agata sin dal 1526 quando Cicco Loffredo, Marchese di Trevico e di altri territori, ebbe in enfiteusi il distrutto casale di S.Pietro in Olivola con tutto il territorio. Poi acquisirono anche il Casale di S.Maria d'Olivola. Così, con la loro politica di espansione, miravano a divenire Signori di Sant' Agata e vi riuscirono. Infatti nel 1576 D.Carlo Loffredo comprò dagli Orsini per 36.000 ducati  la Signoria di Sant'Agata. Questa famiglia si distinse per le opere pie e religiose, tra l'altro si adoperò per l'edificazione del CONVENTO DI S.CARLO dell'Ordine Francescano dei Riformati. Nel 1613 l'edificio era già compiuto. Nel Convento nell'anno 1664 fu istituito un lanificio per i Frati della Provincia e una scuola di filosofia e teologia. Fu abbattuto negli anni '60 per realizzare l'attuale campo sportivo. In questo luogo si svolgeva LA CAVALCATA DI SAN LORENZO.Dalla Cronaca dell'Agnelli si apprende che: "la mattina del 10 agosto, giorno devoto e solenne per S.Agata, tutta la gioventù che aveano i cavalli, ordinata e preceduta dal Sindaco si raccoglieva dietro S.Carlo, percio' quel luogo detto S.Lorenzo, ed abbinata movea al Convento. Là assistito alla messa e presentata da un mazzolin di fiori dal Guardiano dei frati, galoppava pel paese entrandovi per la Porta Nuova; e per la piazza conveniva al castello, in cui il Marchese, o un suo agente la riceveva lietamente e compliva." Con i Marchesi Loffredo è documentata presso il Castello una certa attività teatrale. Le rappresentazioni che si svolgevano nella grande sala nord un tempo destinata ai convegni signorili avvenivano varie volte durante l'anno. Era quasi rituale la sera del 10 agosto, giorno festivo di San Lorenzo, nel quale veniva molta gente dalle vicinanze. Gli attori erano del paese e tutti di sesso maschile che recitavano anche le parti femminili. Dopo il teatro signorile ne nacque nel 1840 un altro, più piccolo alla Piazza Vecchia con il contributo di 14 quattordici famiglie benestanti. Il marchesato Loffredo durò circa tre secoli fino alla metà dell'800. Tutta l'eredità passò al Marchese di Monteforte Francesco di S.Felice il quale sposò l'ultima erede Maria Luisa che morì nel 1853. L'amministrazione del Marchese passò nel palazzo De Caprio, e il Castello fino al 1840 fu abitato provvisoriamente da famiglie di passaggio. In seguito fu abbandonato. Nel 1865 fu censito alla famiglia Del Buono. Nell'agosto dell'anno 2000, l'Amministrazione Comunale guidata dal Sindaco dott. Vito Nicola CRISTIANO, acquista per £.1.600.000.000 il Castello di Sant'Agata di Puglia, facendolo diventare bene culturale pubblico.

SISTEMA DIFENSIVO

Il sistema difensivo medioevale  realizzato a protezione del centro urbano di Sant'Agata di Puglia, consiste in una doppia cinta murata. La prima, di fondazione longobarda, venne eretta a protezione del Castello. La seconda, collegata al castello, venne costruita per difendere da attacchi militari il centro abitato, che lungo il perimetro esterno venne racchiuso. La cinta murata urbana, dalla  forma triangolare, era lunga circa 1000 mt e le altezze variavano circa da mt 8  a mt 20 ; la fabbrica con cui è stata edificata consiste in pietra delle cave locali, malta e blocchi di arenaria, ciottoli dei fiumi Frugno e Speca e da mattoni. Edificata attorno ai secoli XI e XII, la cinta murata urbana proteggeva un determinato numero di case e abitanti, tra cui  le chiese di S.Andrea, S.Michele Arcangelo e S.Nicola. Originariamente le porte del paese erano due,  Porta S.Angelo verso la Campania (Principato d'Ultra) e Porta Perillo, verso le Puglie (terra di Capitanata), ambedue fortificate e poste ai limiti della direttrice principale che percorreva  tutto il centro. A seguito dell'aumentare della popolazione fu aperta un'altra porta principale, Porta Nova, all'esterno della quale, alla fine del 1500, vi era un ospedale, inoltre furono aperte  tre portelle: Portella S.Andrea, Portella S.Nicola e Porta La Salvia. Nei punti nevralgici la cinta era rinforzata da torri e bastioni. Le mura sono documentate nell'anno 1443. Molti tratti di mura sono stati inglobati nelle abitazioni durante le fasi di edificazione edilizia. Mentre all'esterno si evincono ancora: la torre adibita a  campanile per la Chiesa di S.Andrea; il cantonale di Via Montegrappa in blocchi di pietra rotondeggianti, sormontato da capitelli con volute laterali; la torre a protezione della Porta S.Angelo, ubicata in Via Parini, in conci di pietra , rimaneggiata nella parte superiore e su cui è stata realizzata una scala laterale; il tratto di mura ubicato tra Corso Carmelo Barbato (monte) e Via Cavour (valle), nel quale è inserita la Porta Nova, con fabbrica di muratura, composta da conci di pietra irregolari; il portale d'ingresso al paese è in conci rettangolari di arenaria; l'abitazione sita sotto l'arco era la guardiola dalla quale la ronda controllava chi usciva e chi entrava dal paese; I ruderi in muratura che corrono lungo il perimetro posteriore della Chiesa di S.Nicola (ex ingresso alla cripta); la torre, in conci di pietra, localizzata alla parte posteriore della Chiesa di S.Nicola, poi inglobata nel complesso, in cui alla parte superiore è stato ricostruito un vano della sacrestia; l'ubicazione della Portella S.Andrea, corrispondente al luogo ove oggi sorge il sagrato antistante la Chiesa di S.Andrea; l'ubicazione della Porta S.Angelo, in Via Parini, laddove in seguito è stata edificata l'attuale abitazione.

Castello o Rocca

Lungo il perimetro della parete destra della facciata principale e lungo la facciata posteriore del Castello, nella parte inferiore, sono presenti strutture murarie o ruderi che appartengono alla primitiva Rocca. Anche l'Agnelli nella sua Cronaca menziona tali ruderi attribuendo­li all'epoca romana. Solo uno studio archeologico potrà documenta­re con certezza il periodo di appartenenza. Il Castello è situato sulla vetta della montagna a quota 795 metri sul livello del mare. Oggi presenta la struttura adibita a dimora nobiliare e signorile trasformata nel corso dei secoli dai tanti interventi di restauro e rimaneggiamenti. La muratura delle strutture verticali esterne è in conci di pietra con cantonali squadrati. Alla facciata principale sono evidenti le due torri quadrangolari della struttura medioevale, unite in seguito da una fabbrica centrale per ricavarvi stanze interne. Il Castello ha pianta rettangolare (m. 43,70 e 45 x 34) ed è dotato di corte interna (m. 29,90 x m. 18,94) pavimentata in selce di fiume. Qui sono visibili oltre all'ingresso alla Cappella  gli ingressi ai locali sotterranei dai quali ripartivano cunicoli o sotto­passaggi con sbocchi all'esterno, e ai piedi della montagna. Inoltre vi sono i locali destinati a magazzini, stalle, cantine, frantoio, e botteghe varie oltre alla cisterna. Dalla corte si raggiunge il piano superiore tramite scala esterna e terrazzo protetto da parapetto in muratura. Al piano terra gli ambienti sono 16, al primo piano 27 e al sotto tetto 16. Al pian terreno non vi sono aperture di finestre mentre ai piani superiori vi sono affacci di finestre e balconi. Il Castello era munito di fortificazione che corrisponde alla cinta muraria esterna, munita di due torri tonde ed una quadrata  Tra la cinta e il Castello vi è uno spazio che probabilmente veniva utilizza­to come piazza d'armi. L'ingresso al Castello è dato tramite un grande portale (a cui manca il portone) in pietra rosa a bugnato rigato con arco sormontato da due animali marini e lo stemma della famiglia Loffredo.

CINTA MURARIA: sistema difensivo militare del castello

La cinta muraria racchiude il Castello per tre lati, ed è la più antica. Essa poggia sulle falde rocciose. E' composta da una fabbrica a doppia cortina, in conci di pietra da tre a cinque filari alternati ad uno di laterizio. Presenta due torri circolari e una quadrata la quale affianca il pri­mo portone d'accesso. Le tecniche costruttive documentano la fondazione in epoca longo­barda. La cinta muraria è stata restaurata in epoca sveva e angioina, in cui due interventi furono realizzati per mandato di Re Federico II Imperatore nel 1239 e nel 1250 ed uno per mandato del Re Carlo I d'Angiò nel 1279. La manutenzione è stata continua nel corso dei secoli. Dalla cinta muraria si dipartivano le mura di protezione del centro urbano (vedi - Cinta Muraria - sistema difensivo militare del centro urbano).

CINTA MURARIA: sistema difensivo militare del centro urbano

La cinta muraria urbana aveva la funzione di proteggere il paese da attacchi militari. Edificata nel medioevo cingeva Sant'Agata in un percorso perimetrale che, secondo la "Cronaca" dell'Agnelli doveva avere il seguente itinerario:  partiva dalla torre occidentale del Ca­stello  e si piegava al bastione o torre (il toponimo Vico I e Vico Il Bastione sono la testimonianza di una torre in quel luogo), verso l'immane dirupo di Porta Nuova, e per la piazza nuova finiva alla torre rotonda del Perillo dalla quale proseguendo verso la Chiesa di S.Nìcola. saliva e si ricongiungeva alla torre orientale del Castello. Il primo centro civico del primitivo nucleo abitato fu Piazza Chiancato (o Piazza Comune Vecchio), a ridosso della rocca. Nell'epoca longobardo normanna il paese si allargò e la sua piazza fu spostata in prossimità della Chiesa di S.Nicola. Infatti il centro viene ricordato dal toponimo di "Piazza Vecchia". Da una relazione di un'ispettore spagnolo della prima metà del 1500, quando in Sant'Agata vi erano i feudatari Orsini, si apprende che: " Sancta Agatha in Capitanata. Està situada en un altissimo monte con suos muros un castillo fuert en cima de la ciutad ". Tra il 1500 e il 1600 alcune nobili ricche famiglie tra cui i De Marinis e i Capria, edificarono palazzi signorili tra la Piazza Vecchia e la cinta muraria; queste edificazioni proseguirono anche nel 1700. Da due documenti del 1674 e del 1702 si apprende che la cinta muraria in quell'epoca aveva ancora la sua funzione. Nel 1720 nella struttura a sinistra dell'arco della Porta Nuova fu inserita la Chiesa della SS. Trinità  e un ospedale, per volontà del benefattore notaio Antonio Basso. L'università stanzia­va nel bilancio annuale una cifra (nel 1750, quaranta ducati) per i restauri delle mura fortificate. Una volta cessate le ragioni di difesa l'espansione edilizia superò la cinta così si formarono alcuni rioni o borghi: uno nacque attorno al Convento di S. Maria delle Grazie un altro attorno al Convento del­l'Annunziata, posizionati fuori le mura. I due borghi sono stati accorpati al paese in conseguenza dell'ulte­riore edificazione. Molti tratti di mura sono stati inglobati nelle abitazioni durante le fasi di costruzione. Si rende necessario uno studio e una indagine per l'identificazione di queste mura al fine di localizzarne l'esistenza e il percorso. Oggi della cinta muraria urbana sono evidenti i tratti di mura ubica­ti in Corso Carmelo Barbato (monte) e in Via Cavour (valle), nei quali è inserito l'arco della Porta Nuova. Questo tratto presenta la fabbrica in muratura, composta in conci di pietra irregolari; il portale d'ingresso al paese è in conci di arena­ria; sotto l'arco sono evidenti i due cardini che servivano a fissare il portone. L'abitazione sita sotto l'arco era la guardiola dalla quale la ronda controllava chi entrava e chi usciva dal paese.

TORRE DEI PRONZI: torre della cinta muraria urbana

La torre è inglobata nell'abitazione di Via Alfieri n. 6, presso il Perillo. Essa è di età medioevale, faceva parte della cinta muraria urbana affiancata alla porta del Perillo. E' documentata nel 1754 con il toponimo dì "Torre dei Pronzi". Presenta la pianta circolare; il suo interno è in conci di pietra e la base poggia sul tipico conglomerato roccioso locale. La parte superiore è stata troncata per realizzare il solaio dell'abi­tazione superiore. Con gli Orsini il Castello era ancora forte se un ispettore spagnolo stendeva questa preziosa relazione: "Sancta Agatha in Capitanata. Esta' situada en un altissimo monte con suos muros, un castillo fuerte en cima de la ciutad." Ed infatti nel 1557 il Castello è ancora coinvolto in azioni belliche, per volontà del Duca d'Alba, Vicerè di Napoli, il quale supponendo che un esercito potesse invadere il regno, ordina a D.Garcia di Toledo di fortificare, oltre Venosa ed Ariano, anche S.Agata. Con gli Orsini il Castello subì le prime modifiche divenendo residenza ducale, poi con i Loffredo perdette man mano le sue antiche strutture e divenne residenza marchesale. I Loffredo, "famiglia ricca di sangue, di antenati e di pubblici uffici", entrarono nelle pertinenze di Sant'Agata sin dal 1526 quando Cicco Loffredo, Marchese di Trevico e di altri territori, ebbe in enfiteusi il distrutto casale di S.Pietro in Olivola con tutto il territorio. Poi acquisirono anche il Casale di S.Maria d'Olivola. Così, con la loro politica di espansione, miravano a divenire Signori di Sant' Agata e vi riuscirono. Infatti nel 1576 D.Carlo Loffredo comprò dagli Orsini per 36.000 ducati  la Signoria di Sant'Agata. Questa famiglia si distinse per le opere pie e religiose, tra l'altro si adoperò per l'edificazione del CONVENTO DI S.CARLO dell'Ordine Francescano dei Riformati. Nel 1613 l'edificio era già compiuto. Nel Convento nell'anno 1664 fu istituito un lanificio per i Frati della Provincia e una scuola di filosofia e teologia. Fu abbattuto negli anni '60 per realizzare l'attuale campo sportivo. In questo luogo si svolgeva LA CAVALCATA DI SAN LORENZO.

 

ARCHITETTURA RELIGIOSA

Nell'area territoriale di Sant'Agata di Puglia le prime testimonianze di culti religiosi sono risalenti all'età preistorica. Nel condurre ricerche archeologiche nella seconda metà degli anni' 80, lo scrivente, rinvenne i primi reperti megalitici nel territorio santagatese, risa­lenti al periodo Neolitico e a quello dell'età del Bronzo. I primi menhir venuti alla luce, in contrada Borgineto, seguiti dai successivi ritrovamenti lungo la Valle dello Speca (oltre Borgineto, Limiti e Serbaroli), sono la te­stimonianza di un culto legato al fenomeno delle stele e statue-stele, pratica­to in quella zona, dove gli antichi abitatori vivevano in capanne o grotte e avevano sepolcri nei quali seppellivano i loro morti. Durante la dominazione romana Sant'Agata era denominata Artemisium e sulla vetta del monte, dove è impiantato il Castello, vi era la Rocca con il tempio dedicato alla Dea Artemide. Nell'anno 592 il Papa Gregorio Magno volle che le reliquie della martire S.Agata, da Catania fossero trasportate a Roma. L'evento contribuì sicura­mente alla divulgazione del culto liturgico della Santa; dev'essere stato in quel periodo che l' Artemisium fu ribattezzato con il nuovo toponimo Sant'Agata. Quindi, nello stesso luogo ove sorgeva il tempio pagano fu rea­lizzata la Chiesa dedicata alla martire catanese. La religione cristiana sia nel territorio che nel paese ha avuto una presenza notevole nel corso dei secoli. Il territorio, attraversato da una ampia viabilità sia durante la dominazione romana che nel medioevo, in quest'ultimo periodo è stato ricco di. insedia­menti monastici. In località Sant'Antuono, vicino al ponte romano di Palino, sorge il Convento di Sant'Antuono, su strutture preesistenti di epoca romana che erano destinate a stazione militare e fermata di commercio. Non si sa con esattezza quale fu l'Ordine fondatore, se quello Benedettino o quello Teutonico degli Spedalieri che aveva come patrono S.Antonio Abate. Sicuramente il Convento, intorno al quale si sviluppò il Casale, veniva adibi­to ad ospedale per malati, rifugio per viandanti e luogo di cura per i soldati. In ogni seconda domenica di maggio da Sant'Agata vi giungevano i fedeli in processione per festeggiare il Santo. In località Santa Maria d'Olivola, sorgeva il Convento omonimo con le Chiese di S.Maria e S.Nicola. Anche qui si sviluppò il Casale che nel XIV secolo raggiunse una popolazione di circa mille abitanti. L'ordine monastico era quello Benedettino Camaldolese di S.Lorenzo d' Aversa. Poco distante da Santa Maria d'Olivola esisteva il Priorato di S.Pietro d'Oli­vola. L'insediamento dell'Ordine Benedettino dipendente da Cava dei Tirre­ni, di cui oggi alcune vestigie ne sono la testimonianza, era costituito dal Convento, dalla Chiesa di S.Pietro e dal Casale. E' documentato sin dal X secolo. A breve distanza dal centro abitato, su una altura sorgeva il Priorato di S.Pie­tro Orsitano, posseduto dai Verginiani dell'ordine dei Benedettini. Il Com­plesso, Convento e Chiesa intorno al quale si sviluppò il Casale, fu fondato nel XII secolo da S.Guglielmo di Vercelli, su richiesta del Signore di S.Aga­ta Joele Brittone. Nel 1557 i monaci si trasferirono in paese presso il Convento di S.Maria delle Grazie. Il territorio inoltre è ricco di Chiese e Cappelle, sia pubbliche che nascevano nelle varie contrade laddove vi era più popolazione, di cui si ricordano: S.Toto, S.Stase, S.Lorenzo, S.Vito, che private di cui si ricordano la Chiesa in Palino e le Cappelle presso la Masseria Agnelli, Masseria Del Buono, Masseria Locurcio, ed altre. Notevole è anche la presenza delle edicole sacre delle quali ne sarà dato cenno più avanti assieme a quelle esistenti nel paese. Irrimediabilmente perduto è l'ex Convento di S.Carlo, dell'ordine France­scano dei Riformati. Fu edificato agli inizi del 1600 nel sito oggi adibito a campo sportivo. Rivestì una certa importanza anche per le attività annesse a quella religiosa. Infatti nel 1664 vi fu istituito un lanificio per i Frati della Provincia e l'insegnamento di filosofia e teologia. Di qui partiva la cavalcata storica che si celebrava ogni 10 agosto, festa di S.Lorenzo. Nel centro urbano notevole è la presenza delle Chiese adeguata sicuramente alla popolazione più numerosa dei tempi passati. Nel medioevo, oltre la Chiesa di S.Agata ubicata nel Castello, le Chiese esi­stenti nel paese erano tre: S.Andrea, S.Michele Arcangelo, S.Nicola. Fuori le mura si svilupparono, inizialmente soltanto con le Chiese, i due complessi monastici di S.Maria delle Grazie e dell'Annunziata. Nel XVI secolo per l'architettura santagatese inizia un periodo fiorente, infatti un certo miglioramento economico, l'incremento della popolazione con l'inserimento di nuove famiglie facoltose, favoriscono l'edificarsi di palazzi signorili e il restauro e l'ampliamento delle Chiese. Dai fuocatici dell'epoca risulta che nel 1522 la parrocchia di S.Michele Arcangelo contava 161 fuochi, quella di S.Nicola 93 e quella di S.Andrea 38, mentre nell'anno 1597 S.Michele Arcangelo ne contava 335, S.Nicola 166 e S.Andrea 66. Presso le Chiese parrocchiali vengono istituiti i primi registri sulla popola­zíone: il Parroco Arciprete Don Gabriele Bilella istituì nell'anno 1648 l'Ar­chivio Parrocchiale di S.Nicola (registri di Battezzi, Matrimoni, Morti); D.Ovidio Zaccaro nell'anno 1587 istitui l'archivio Parrocchiale di S.Michele Arcangelo; 'D. Giovangiacomo Monaco istituì nell'anno 1623 l'archivio Parrocchiale della Chiesa di S.Andrea (solo libro battezzati). Fuori le mura furono edificate in seguito la Chiesa della Madonna dell'Arco e la Chiesa di S.Rocco nel XVII secolo. Mentre sulle mura fu edificata la Chiesa della SS. Trinità nell'anno 1720 ad opera del Notaio Francesco Basso e la Chiesa della Madonna del Carmine ultimata nell'anno 1768. La maggior parte di dette Chiese sono state edificate agli estremi lati del paese, tale scelta è stata dettata in conseguenza della conformazione del sito sul quale tutto il centro si è sviluppato. Infatti il parco urbano è addossato alla montagna, esposto verso est. Quindi la mancanza di spazio in profondità ha consigliato l'edificazione dei sacri edifici sui laterali della montagna al fine di poterli realizzare in modo ampio e nelle architetture e disegni deside­rati. Le Chiese, spesso, sorgono presso le mura e in corrispondenza di una porta, con una piazza sagrato antistante, quasi sempre l'unica del rione. La tipologia riscontrabile va da quella con aula rettangolare, altari addossati alle pareti e cantoria lignea sulla porta d'ingresso, a quella a tre navate o navata unica con pianta a croce latina, coro e abside semicircolare. I prospetti presentano quasi tutti la facciata a capanna. I campanili affiancano le Chiese, sono a torre con due o tre ordini. Il patrimonio monumentale religioso di Sant'Agata di Puglia inoltre docu­menta alcune Chiese oggi inesistenti, si tratta della Chiesa della Madonna del Soccorso, sita vicino al palazzo Barbato; la Chiesa dell'Addolorata sotto il palazzo Volpe; la Chiesa del Purgatorio alle spalle della abitazione Agnelli (ex piazza vecchia) e la Chiesa del Salvatore dove finiva la piazza vecchia (di cui oggi il toponimo Via Salvatore ne è la testimonianza). Inoltre, nei pressi della fontana Acquatorta c'era la Cappella di S.Giovanni il Precursore, di tale Cappella rimane il toponimo legato alla fontana denomi­nata "Fontana S.Giovanni". L'insieme di queste Chiese è la testimonianza di una forte fede cristiana presente nei secoli in Sant'Agata di Puglia ed il clero ha svolto sicuramente un ruolo importante nell'educare il popolo santagatese alla religione. Dalla "Cronaca di S.Agata del Sacerdote don Lorenzo Agnelli, si apprende che il clero santagatese sin dal IX secolo sembra sia stato il più numeroso nella Diocesi di appartenenza. Nell'anno 1757 vi erano 50 sacerdoti celebranti. Il clero era suddiviso per le tre parrocchie, a cui erano assegnati i tre parroci Arcipreti ed un certo numero di sacerdoti coadiuvanti. Tra i sacerdoti santagatesi si distinsero: Gerardo Antonio Volpe, nato il 28 luglio 1692, il quale divenne Vescovo di Nocera dei Pagani; il menzionato sacerdote don Lorenzo Agnelli, esperto di storia locale, il quale ha trattato le problematiche del meridione e ha diffuso la dottrina cristiana, scrivendo vari libri; il parroco arciprete Don Donato Pagano, fondatore della "Casa del Sacro Cuore di Gesù" attuale centro di riposo per anziani, originariamente anche ricovero per orfanelli, asilo infantile e tipografia.Alle funzioni del clero si affiancano le attività dei fedeli spesso riuniti in Associazioni per l'esercizio di opere di pietà e di carità, queste sono le Con­fraternite, aventi come scopo anche l'incremento del culto pubblico. Le Con­fraternite si costituiscono in una Chiesa dedicando il proprio nome alla Vergine Maria, al SS. Rosario, al SS. Sacramento, ai Santi, hanno uno statuto e una divisa particolare. I confratelli si attengono allo statuto ed annoverano il diritto agli accompagnamenti funebri ed ai suffragi. In Sant'Agata l'esi­stenza di questi sodalizi è documentata da molti secoli. La Confraternita del SS. Rosario fu istituita presso il Convento dei Frati Minori dell'Annunziata, successivamente nel XVII secolo fu trasferita nella Chiesa di S. Nicola ove ebbe come sede la Cripta, laddove vi era anche la Confraternita della Buona Morte. Le altre Confraternite istituite sono: Annunziata e S.Antonio (chiesa del­l'Annunziata), Confraternita del Carmine (Chiesa Madonna del Carmine); Confraternita Madonna delle Grazie (Chiesa Madonna delle Grazie); le Confraternite di S.Michele e dello Spirito Santo (presso la Chiesa di S.Mi­chele Arcangelo) e la Confraternita del SS. Sacramento (Chiesa S.Nicola). Oggi in Sant'Agata di Puglia vi sono soltanto due parroci, Don Luigi Sanità presso la Chiesa di S.Andrea e Don Michele Falcone presso la Chiesa Madre S.Nicola, oltre i due frati assegnati al Convento dell'Annunziata. Presso le Chiese Parrocchiali e la Chiesa SS. Annunziata la officiatura della Santa Messa viene espletata quotidianamente. Alla Chiesa della SS. Trinità (oggi di proprietà comunale, in seguito al passaggio dei beni dell'ex E.C.A che raccolsero le eredità dei legati pii), alla Chiesa di S.Maria delle Grazie e alla Chiesa del Cimitero comunale si officia soltanto la domenica, nei giorni fe­stivi e nelle ricorrenze. Alla Chiesa di S.Rocco, alla Chiesa della Madonna del Carmine e alla Chiesa della Madonna dell'Arco si officia solo in occa­sione di festività particolari e ricorrenze. Il patrimonio sacro ed artistico custodito nelle Chiese di Sant'Agata di Puglia è notevole: statue, dipinti, sculture, complessi architettonici, ornamenti sacri, sono presenti in tutti i luoghi di culto. Quest'insieme di opere d'arte riveste una importanza pregevole per cui diventa essenziale farne la cono­scenza. L'edicola sacra è quella piccola costruzione in muratura, assai frequente nel­l'arte cristiana, che contiene statue o immagini della Madonna o di Santi. Queste sono sparse sia lungo le strade di campagna che all'ingresso o nel centro urbano. Questa usanza di edificare ai lati delle strade questo tipo di costruzione è molto antica e la si fa risalire al periodo pagano. Solitamente le edicole venivano disposte agli incroci, presso i ponti o agli ingressi e presso i fondi rustici, a protezione di tali luoghi. In paese sono presenti ai due ingressi e lungo le strade interne. Oltre alle costruzioni in muratura con doppio spiovente, sono presenti le edicole-nicchie, cioè quelle ricavate nel muro, le croci (solitamente innalzate per rendere grazie alla fine di una epidemia) le stele su pietra (utilizzate di recente per il ricordo delle Missioni) e le immagini sacre su piastre in ceramica.

Palazzo De Marinis Calcagno

Il palazzo presenta la facciata principale in Via G. Marinaccio ai nn.cc. 5-7-9. A destra confina con Via G.Marinaccio., a sinistra con Via Teatro, a monte con Via Marconi. Fu edificato verso la fine del 1500 tra la Piazza Vecchia e la Chiesa di S.Nicola. adottando nell'archìtettura schemi del primo Rinascimento. Fu poi continuato dalla famiglia Calcagno, che nell'ampliamento occupò parte della Piazza Vecchia. La facciata principale presenta l'ingresso con portale ad arco a tutto sesto, a bugne a cuscino in pietra bianca. Questo è collocato tra due ingressi più piccoli con portali in pietra  ad arco, modanati. Si evincono tre piani fuori terra, 10 balconi e 3 finestre. Tutta la struttura è in conci di pietra estratta dalla cava della Liscia e presenta i cantonali in blocchi squadrati. All'ingresso segue un'androne, coperto per metà da volta a botte e per metà da lucernario, pavimentato a lastroni lapidei. Nell'androne sono presenti vari ingressi che conducono a locali che erano destinati a stalle, magazzini, cantine, frantoio e centemolo. Inoltre si affacciano. nella parte coperta dal lucernario alcuni balconi. Sulla destra vi è l'imbocco alla scala che conduce al piano nobile. La parte superiore, realizzata in una fase successiva dalla famiglia Calcagno, presenta gli ingressi a monte. La struttura presenta vari manufatti ed elementi architettonici, tra cui: lo scudo in pietra che sormonta l'ingresso principale, raffigurante l'emblema della famiglia De Marinis: "il campo è troncato con fascia nella parte superiore la luna crescente con due stelle, in quella inferiore il mare solcato. Il  campo è sormontato da elmo e svolazzi. Alla punta un volto di animale fantastico"; gli stemmi laterali, posti ai due cantonali a valle, su mensole capitelli, raffigurano la simbologia della famiglia Calcagno: "una mano che impugna il calcagno"; la lapide interna inserita nella parete destra dell'androne, che rappresenta al centro lo stemma della famiglia Calcagno e lateralmente "anse a volute con roselle e frutti di baccelli"; la scultura a tutto tondo raffigurante un uomo che reca scolpito uno stemma, posta sul ballatolo della prima rampa di scale. Al primo piano le stanze sono affrescate.

Palazzo Capria

La costruzione del palazzo venne ultimata da Giovanni Antonio Ca­pria nel 1600. Al palazzo, sul lato posteriore, in seguito, vennero aggiunte altre costruzioni che occuparono l'area della Piazza Vecchia. Dopo l'eccidio del 1648, compiuto nel palazzo, che vide la distruzione della famiglia Capria, esso fu acquistato dal barone Rendina. Nel 1742 il barone lo vendette al marchese Loffredo. Fu ereditato dal marchese Francesco San Felice di Monteforte. che dopo la morte della moglie Maria Luisa si trasferì con la sua amministrazione dal castello nel palazzo. Nel 1672 vi morì il vescovo Francesco Antonio Curzio, che si trovava in visita a S.Agata di Puglia. Nel 1840 l'edificio fu sede di un picco­lo teatro borghese, ciò è ricordato nel toponimo della strada che delimita la costruzione sul lato destro: "Via Teatro". Il 10 maggio 1851 vi moriva il vescovo Francesco Saverio Farace. Nel 1930 venne realizzato l'intonaco delle pareti esterne. La facciata principale della costruzione si affaccia su Piazza XX Settembre e presenta tre piani fuori terra. La pianta è poligonale con corte interna. Tranne al piano terra, la facciata è a finto bugnato a conci regolari. Mentre l'ingresso principale è incorniciato da bugnato in pietra rigato. Questo lato dell'edificio presenta varie finestre e balconi. La corte interna di forma rettangolare è pavimentata a lastre, è dotata di un pozzo collocato sul lato destro, e di una rampa di scale in pietra per l'accesso ai piani superiori, anche essa situata sul lato destro. Sul­l'ingresso principale e precisamente sul concio di chiave è collocato lo stemma della famiglia Capria, raffigurante: "una capra rampante un albero con lo sguardo rivolto verso il sole nascente". Sempre sullo stesso portale è riportata su tre righe una scritta che testimo­nìa l'anno di costruzione e il nome del proprietario del palazzo.

TEMPORIS DIUTURNITATE FATIS GENTIUM AREA AEQUATA JOANES ANTONIUS CAPRA DOMUM HANC FORMA ET MAGNITUDINE LONGI/CONSPICUAM SIBI ET AMICIS GRAVI AERE CONSTRUX1T - A.D. MCCCCCC). Gli ambienti interni sono affrescati e arredati con mobili antichi.

Palazzo Vinciguerra

L'anno di costruzione del palazzo è forse il 1730, data che si trova scolpita su un'alzata delle scale interne che conducono al terrazzo. L'edificio venne realizzato su strutture preesistenti ricavate nella roccia della montagna, che costituivano abitazioni primitive, acquistate dai Vinciguerra. Il prospetto principale è ubicato su C.so Carmelo Barbato. Al civico 28 è il portale principale costituito da un arco policentrico barocco., tramite il quale si accede a un buio androne. L'edificio ha pianta poligonale e presenta tre piani fuori terra. La facciata principale mostra vari balconi su grosse mensole di soste­gno e finestre. Gli altri prospetti della fabbrica non mostrano grossi fregi stilistici. A sinistra dell'ingresso principale si apre un arco che dà origine alla Via "Arco Vinciguerra". Nell'androne interno vi è lo scalone che porta al piano nobile. Una parte dell'androne era adibita a stalla e cantina. Su un . o degli ingressi secondari spicca lo stemma della famiglia Vínciguerra che raffigura "Una spada posta in palo e scolpita una scritta: DBV AD 1843; lo stemma è sormontato da un mascherone con barba; inferiormente spiccano tre spighe". Gli altri ingressi secondari sono collocati in Via Vinciguerra civico 4, e Via Garibaldi civici 15 e 17. L'area dell'edificio è pari a metri quadrati 380,50 circa. Gli ambienti interni sono stati affrescati negli anni 40 dal pittore Gaetano Leo. Gli arredamenti sono neoclassici in legno di noce.

Palazzo Volpe

L'edificio è sito in C.so Vittorio Emanuele n. 39 (presenta altri ingressi sia a valle, che a monte in Via Volpe e Nova). Fu edificato nel XVII secolo. su quell'asse viario denominato "Via Perillo" che "menava alle Puglie" in posizione prospiciente la cinta muraria urbana. In seguito fu ampliato superiormente. Ha subìto nell'ultimo secolo vari rimaneggiamenti. La struttura è in fabbrica dì pietrame misto, rivestito da intonaco; il cantonale destro è in blocchi di pietra. Il cornicione è decorato con dentellatura che richiama lo stile neoclassico. La struttura presenta all'ingresso principale un portale in pietra ad arco a tutto sesto. a imposta continua, modanato all'estradosso, con chiave di volta decorata. su cui vi è lo stemma della famiglia Volpe: una volpe che guarda il sole, sormontato da corona". Il prospetto principale presenta: quattro piani fuori terra; l'ingresso tra due finestre poste simmetricamente, ed altri ingressi secondari che sono stati rifatti negli ultimi anni. Si affacciano alcuni balconi e una loggia con parapetto in muratura. A monte vi è un piano fuori terra ed altre abitazioni di cui un ingresso presenta un piccolo stemma. che raffigura una volpe passante e la data: "1870". Al pianterreno, in origine, sia i locali esterni, che quelli con accesso dall'androne. erano adibiti a stalla. cantine, frantoio. depo­siti. ecc... Tramite scala interna si accede al piano nobile dotato dì lucernario ed arredato con mobili in legno.

Palazzo Barbato

L'edificio è collocato prospiciente la cinta muraria urbana, è stato edificato tra il XVIII e il XIX secolo su strutture preesistenti (grotte) ricavate nella roccia della montagna, che oggi costituiscono le cantine. La facciata principale è sita in Corso Carmelo Barbato, ove presenta gli ingressi ai numeri civici 48 e 50. 1 due ingressi sono incorniciati da portali i cui conci di chiave raffigurano due volti barbuti a simboleggiare il cognome della famiglia, realizzati dal mastro scalpellino santagatese Antonio Zanzonico nel 1854. Il palazzo è a corte e presenta una fabbrica in blocchi di pietra listati con cantonali. Ha tre piani fuori terra, sette balconi, varie finestre ornate da cornici lisce in pietra. Nell'androne vi sono gli ingressi alla stalla e alle cantine in cui vi era anche il frantoio; il pavimento è in lastricato; da qui si imbocca la scala a sei rampe che conduce ai piani abitati, le cui volte, a crociera e a botte, sono affrescate. Le stanze sono arredate da mobili antichi. Al terzo piano è presente una Cappella in legno, settecentesca.

Casa Torre

Prima delle edificazioni dei palazzi signorili, in S.Agata di Puglia, la casa torre campeggiava solitaria, prospiciente la cinta muraria urbana. Alla casa si accede da Via Arco Pronti. Il lato della costruzione  che insiste sui tetti delle abitazioni che si affacciano su Piazza XX Settembre, presenta superiormente un fre­gio che culmina con cornicione aggettante protetto da tegole. Qui è presente una finestra affiancata da due mensole. Su Via Arco Pronti la casa torre presenta tre piani fuori terra. La scala di accesso esterna termina con ballatoio collocato su arco­ne di sostegno in fabbrica di mattoni. Su questo arcone si affaccia una finestra bifora di espressione tardo gotica, mancante del pila­stro centrale e affiancata da due mensole che riportano scolpiti volti umani. I cantonali della casa sono in blocchi di pietra squadrati. La superficie è di metri quadrati 16,35. La costruzione presenta ca­ratteristiche costruttive e stilistiche raffinate di influenza dei centri di maggior richiamo.

Palazzo Torraca Rosati

Il palazzo volge il prospetto di valle, di fronte alla cinta muraria urbana su C.so Carmelo Barbato. L'ingresso principale a monte è in Via Garibaldi n. 5. Presenta altri ingressi sia a monte che a valle i cui vani, oggi, co­stituiscono singole abitazioni.Il palazzo fu edificato nel XVIII secolo dalla famiglia Torraca, il cui emblema è rappresentato nello scudo in pietra posto sull'ingresso principale su cui è scolpito "nel campo una torre dalla quale emerge a metà corpo un leone; in alto due stelle e un cherio   destro; lo scudo è sormontato, da una corona Succedettero i Rosati i quali simboleggiarono il proprio cognome con la realizzazione. lungo tutto il fronte del portale d'ingresso, di rose scolpite. A monte sono presenti due piani fuori terra, a valle tre. Il tipo di fabbrica impiegata è in pietrame misto, oggi in parte rico­perto da intonaci. I Rosati ristrutturarono l'edificio con la realizzazione del balcone che si affaccia su Piazza XX Settembre,, con balaustra e fioriere. Su Via Garibaldi (a monte) si affacciano una finestra grande e due più piccole. Su C.so Carmelo Barbato (a valle) si affacciano tre balconi con mensole sottobalconi decorate con foglie d'acanto.

Palazzo De Marinis Calcagno XVI-XVIII

Palazzo Capria XVII

Palazzo Gentilizi XVI XVII

Palazzo Volpe XVI

Palazzo Vinciguerra XVIII

Palazzo Torraca XVIII

Palazzo Rosati XVIII

Parco urbano delle architetture minori (scuola maestri scalpellini santagatesi ) XI-XX

Ponte romano (loc. Palino)

Castello

Sistema murario difensivo del Castello

Sistema murario difensivo medioevale urbano

Torre dei Pronzi

Bastioni

Porta Nuova

Coperchi di sarcofagi a baule con epigrafi I a C. - II d. C.

Menhir (neolitico - età del bronzo)

Via Traiana - Via Herdonitana - percorsi romani

Via Beneventana - percorsi medioevali

Residenza dei Cavalieri di ritorno dalle Crociate nel Convento S.Antuono

La tradizione del "cavalluzzo de ligno"

La Cavalcata di San Lorenzo

Transumanza e Tratturo Regio

 

SITI ARCHEOLOGICI

Epigrafario Archeologico Castello Imperiale

 

LUOGHI DI CULTO

Tempio megalitico (valle dello Speca) (Preistoria)

Menhir (valle dello Speca) (Preistoria)

Convento S. Pietro d'Olivola XI

Convento S.Pietro Orsitano XI

Convento S. Antuono (su stazione romana I d.C.) XI

Cappella S. Vito XIX

Tempio della dea Artemide poi Chiesa S.Agata - nel Castello I a.C. - VI d.C.

Chiesa S.Andrea VII - XII

di particolare rilievo all'interno sono: Crocifisso in legno del ‘600 ed un coro ligneo

Chiesa S.Michele Arcangelo IX - XII

Conserva all'interno un pregevole trittico di tutti i Santi del 1400 ed una pregevole statua settecentesca raffigurante la Pietà;

Chiesa S. Nicola XI

Chiesa S. Maria Le Grazie XI

è annessa al convento virginiano XI - XVI sec.

Chiesa Cimitero XX

Chiesa SS. Trinità XVIII

Risale al 1720. Di rilievo, all'interno, una pala del 1716 a firma di Salvatore Ferrari;

Chiesa S. Rocco XVII (1656)

Chiesa Madonna del Carmine XIX

Chiesa Annunziata e Convento XV

all'interno, un prezioso Pannello di legno dell'Annunziata, XVII sec.;

Cappella Calvario XX

Chiesa Sacro Cuore di Gesù XX

Edicole votive

Croce sul Monte

Chiesa Matrice San Nicola

è di impianto normanno, a croce latina a tre navate in stile barocco, si trova nella cittadella Medioevale. All'interno, è di particolare interesse: Coro ligneo del 1649, realizzato da Mastro Iacovo di Vallata. Trittico ligneo del 1606, lo si può analizzare in 4 parti: la cuspide che sovrasta il tutto è il simbolo della Trinità, il riquadro sottostante raffigura la Vergine Maria incoronata dal Padre e dal Figlio; il riquadro delle tre nicchie: le statue di Sant'Andrea, San Nicola e San Michele Arcangelo; infine la predella che rappresenta l'Ultima Cena. - Presepe del XVI sec. in pietra dipinta, unico esemplare campano in Puglia, Pulpito o Pergamo eretto sul dorso di un leone stiloforo in pietra rosa del Calaggio, Battistero a forma di pigna in pietra rosa del Calaggio, Pala di San Gaetano (3,30 x 2,55 m.) del Pacecco De Rosa, le tele raffiguranti la Madonna degli Angeli e la Madonna del Carmine del sec. XVI - XVII, Organo del 1642, Cripta con affreschi che descrivono la passione di Cristo del pittore Enzo Liberti, i personaggi dipinti sono volti dei santagatesi.

 

NATURA

Bosco Monte Croce (HA 70)

Bosco Cesine (HA 60)

Bosco Difesa (HA 200)

denominato Sito di Importanza Comunitaria (SIC) con Decreto del Ministro dell'Ambiente del 3 Aprile 2000

Bosco Pozzillo con laghi (HA 40)

Bosco Serbaroli (HA 60)

Parco Urbano Castello- S.Rocco (HA 20)

Borgo rurale Frattelle

Borgo rurale Ripapane

Borgo rurale Mariconda

Borgo rurale Monterotondo

Borgo rurale Ciommarino

Borgo rurale Iannuzzi

Borgo rurale Palino

Borgo rurale Palombara

Borgo rurale S.Antuono

Borgo rurale Gruttoli-Accinta

Borgo rurale Fontana del Fico

Borgo rurale Pertosa La Volpe

Borgo rurale Piano Casale

Borgo rurale Taverna La Storta

Borgo rurale Santa Maria d'Olivola

Borgo rurale Trisciti

Borgo rurale Tofara

Gole del torrente Frugno

"Uno dei più importanti siti di anfibi della Regione" (da Legge Regionale n.19/97 che istituisce le Aree Naturali Protette di cui Sant'Agata di Puglia ne fa parte)

 

 

LEGGENDA

Pietra S.Arcangelo (nel bosco S.Arcangelo)

Pietro Santo Linze (nel bosco Serbaroli)

 

CULTURA

Museo Civico

Museo dell'olio - frantoio

Museo ecclesiastico

Archivio Storico Comunale

Biblioteca Comunale

Biblioteche ecclesiastiche

Teatro

Museo etnografico (privato)

 

Museo Parrocchiale: Cripta Chiesa Matrice San Nicola

L'origine di Sant'Agata di Puglia si ritiene debba collegarsi alla necessità avvertita dai romani di fortificare gli sbocchi orientali degli Appennini Appulo-Irpini per cui sorse il magnifico ponte sul Calaggio a tre luci che assicurava il collegamento di una diramazione della Via Appia, con le Vie Traiana, Herculea e Herdonea. Non lontano da questo ponte fu costruito, in epoca romana, una stazione di posta che nei secoli successivi divenne il complesso monastico di S.Antonio Abate. A protezione dello strategico ponte si vuole, da alcuni storici, sia sta edificata la Rocca chiamata artemisium. Con la decorrenza dell'impero romano e l'avvento del Cristianesimo, l'Artemisium pagana si mutò in oppidum. L'impianto urbanistico della cittadina conserva la struttura medievale; si è sviluppato in forma spiraliforme a partire dal castello verso valle in un progredire di vicoli, ripide scalinate, archi, torrette, campanili, case con caratteristici portali, fino all'ultima cinta di cui l'entrata era la Porta Nuova con le chiese posizionate sui lati del paese. Oggi Sant'Agata conserva ancora la doppia cinta muraria: la più antica, racchiude il Castello di epoca Longobarda restaurata in seguito dai Normanni e rinforzata dagli Svevi e dagli Angioini; la seconda cinta muraria racchiudeva la cittadella con l'Arco della Porta Nuova. La ricchezza che la città aveva, è testimonianza non solo da diversi palazzi gentilizi quanto dalle numerose chiese edificate e dalla presenza di tre manufatti conventuali: il convento delle Vergini (attuale albergo e museo), il convento dei Francescani Riformati (successivamente distrutto) ed il convento dell'Annunziata.

SANT'AGATA DI PUGLIA E IL CASTELLO

La storia del Castello di Sant'Agata, che per lo più riflette anche quella del paese, è legata principalmente alla natura del luogo che lo ospita, quale ottimo osservatorio e punto strategico, dominante la valle del Calaggio, i confini dell'Irpinia, della Lucania e della Daunia, e posto proprio allo sbocco dei valichi campani verso la Puglia (confini di dominio Longobardo- Bizantino). 
Il territorio è stato attraversato da una vasta viabilità romana ed ha avuto una notevole presenza monastica, come è testimoniato da monumenti e vestigia. 
Il Castello,Castrum o Rocca, era denominato nel periodo romano Artemisium, forse per il fatto che in vetta al monte vi fosse un tempio pagano.  
Con l'avvento del Cristianesimo, e precisamente quando nel 592 per volontà del Papa Gregorio Magno furono trasportate le reliquie della Martire S.Agata da Catania a Roma, l'Artemisium fu battezzato S.Agata in onore della Santa. La Rocca di Sant'Agata ha ricoperto nel medioevo la funzione importantissima di provincia o distretto militare - amministrativo, avendo il comando di una circoscrizione composta da un determinato numero di paesi. Questo distretto con i Longobardi era denominato Gastaldato, al comando di questo vi era il Gastaldo, che nell'anno 997 risulta essere un tale Marino. 
Durante la dominazione longobarda Sant'Agata fu l'ultimo avamposto del Ducato di Benevento. 
Verso il mille ne erano padroni Landolfo e Pandolfo, principi beneventani. 
La tradizione orale santagatese ha tramandato la leggenda del valoroso condottiero Capitano Agatone, Signore di Sant'Agata, abile e astuto nelle sue imprese, rigido nel far rispettare le leggi, trovò la morte per mano del suo barbiere che non accettò che fosse applicato nei confronti della sua sposa la "ius primae noctìs".I Marchesi Loffredo fecero dipingere un ritratto di Agatone, tutt'ora esistente, sotto la volta dell'atrio di accesso al cortile del Castello, in un ovale delimitato da una fascia su cui è scritto: "Agatho dux arcis Sanctae Agathae - mori potius quam foedari". 
Nella seconda metà dell'anno Mille la Rocca era in mano ai Normanni. Abagelardo, nipote del Duca Roberto il Guiscardo, con suo cognato Gradelone, tentò di sollevare contro il Duca molte città della Puglia e in questa azione si fortificò in Rocca Sant'Agata. Roberto il Guiscardo per porre fine a questa insurrezione mosse alla cattura di Abagelardo assediando la Rocca che si arrese nel 1079. Nel 1086 era padrone della Rocca il Duca Ruggiero d'Altavilla figlio di Roberto il Guiscardo al quale seguirono i consanguinei Brittone, Rainolfo, suo figlio Ioele e Riccardo figlio di quest'ultimo, i quali saranno padroni della Rocca fino al 1133 anno in cui il Re normanno Ruggiero II -  primo Re di Sicilia che governava su tutto il regno dell'Italia meridionale - come ci ha tramandato un cronista dell'epoca: volle e ricevette da Riccardo, la fortezza di Sant'Agata, per il fatto che, posto su inaccessibile monte, dominava quasi tutta la Puglia, che egli di là poteva difendere in grandissima parte.
Nel periodo della dominazione normanna la provincia militare era denominata "Comestabulia" ed a capo vi era il Contestabile. Dal 1150 e probabilmente fino al 1163 fu Contestabile Garmondo. In questo periodo gli ufficiali che presidiavano il comando militare
Nel 1153 risulta "magister castelli sancte agathes" Guglielmo De Marri, accanto al quale vi sono i milites con il catapano Pietro Maledetto prima e Gualeramo poi. Risultano poi Contestabili Leadasio e Carlo De Anzano. Costui era a servizio di Ruggiero Conte di Andria, il quale parteggiava per Costanza d'Altavilla e cospirò contro Tancredi sollevando le città di Puglia, conquistando Corneto, fortificando Sant'Agata e ritirandosi in Ascoli ove trovò la morte nel 1170. 
Dopo Ruggiero fu padrone di Sant'Agata suo figlio Roberto il Calagio il quale subì la sconfitta da parte di Tancredi al quale dovette arrendersi dopo tre anni, quella fu l'unica volta che Sant'Agata venne presa con la forza delle armi. Il Castello, oltre che presidio reale, fu anche buon rifugio e come tale fu usato dal Conte Diopoldo, Duca di Spoleto, (tutore del piccolo Federico II, il futuro imperatore), il quale rifugiatosi nella Rocca per sfuggire a Gualtieri di Brienne, fu fatto prigioniero dal castellano che lo liberò dietro il pagamento di una forte somma. 
Durante la dominazione sveva, la provincia militare di Sant'Agata era denominata "Castellania". L'Imperatore Federico II emanò due mandati con i quali obbligava tutti i paesi appartenenti alla Castellania di Rocca Sant'Agata a riparare il castello. Il primo mandato del 1239 così recita: "E' stato assodato tramite un'inchiesta che è stata eseguita, che i seguenti paesi del Giustizierato della Terra Beneventana, sono tenuti e debbono riparare il castello di Rocca Sant'Agata in Capitanata, cioè gli uomini di Gesualdo, di Frigento, di Mirabella, Paternopoli, S.Mango, Trevico, Vallata, Flumeri, Villanova del Battista, Zuncoli, Bisaccia, Lacedonia, Rocchetta, Monte Verde, Aquilonia, Morra, Castelbaronia, Savignano e Greci". Se nella prima inchiesta i paesi appartengono al Giustizierato della Terra Beneventana, nella seconda si apprende che il distretto si allarga e comprende anche alcuni paesi della Capitanata, infatti i capitoli del secondo mandato, del 1250, sono due: par.99: IL Castello di S.Agata può essere riparato dagli uomini dello stesso paese con  il Casale di S.Antuono, Ascoli,Candela, S.Stefano in Iuncarico e S.Pietro in Olivola, le quali terre debbono anche prestare una determinata obbligazione ogni anno nel predetto castello."par.90 "Il Castello di Rocca S.Agata deve essere riparato dagli uomini di Gesualdo, Frigento, Mirabella,Paternapoli,S.Mango,Trevico, Vallata,   Flumeri,   Villanova del Battista,   Zungoli,   Bisaccia,  Lacedonia,   Rocchetta  S.Antonio, 
Monteverde, Aquilonia, Morra,Castelbaronia, Savignano e Greci e dagli uomini di Rocca S.Agata." 
Con Federico II si ha modo di comprendere la vera importanza che ha ricoperto il Castello. 
Infatti il 5 ottobre  del  1239  l'Imperatore  trovandosi a  Milano,  tramite  il suo segretario Pier delle 
Vigne, inviò ai provvisori regionali dei suoi castelli privati un mandato.  Si tratta in breve di questo: i provvisori avevano pieni poteri di sostituire con nuovi castellani quelli che dalle loro improvvise ispezioni risultassero o poco fedeli o poco solleciti nei loro doveri di cura dei castelli. Secondo questo mandato per una quarantina di castelli ? su 242 - l'Imperatore aveva deciso di provvedervi di persona nella scelta e nella nomina dei castellani. Si tratta dei cosiddetti 'castra exempta', castelli eccettuati, di primaria importanza, sia come fortezza del Regno, sia come dimore residenziali preferite dall'Imperatore. In Capitanata i castelli preferiti erano soltanto due: quello di Rocca Sant'Agata e quello di Monte S.Angelo. 
Alla dominazione sveva succedette quella angioina, durante la quale il nostro Castello conserva ancora la sua funzione di provincia militare?amministrativa. Ancora una volta, in seguito alle continue guerre, la Rocca deve essere riparata ed il  Re Carlo I d'Angiò provvede a far  realizzare i 
lavori di riparazione  tramite il  Giustiziere di Capitanata.  La  documentazione va  dal 1274 al 1279 
ed il mandato Reale del 1279 riporta il lungo elenco dei paesi obbligati alla riparazione, il quale corrisponde a quello già stabilito da Federico II. Il Re aveva una sua abitazione privata nel Castello e nel 1269?70 aveva fatto ornare la Cappella interna dedicata a S.Agata, e vi aveva fatto collocare tre artistiche lonze, oggi inesistenti. 
Da vari documenti apprendiamo come era organizzata l'amministrazione del Castello sotto il Re Carlo I d'Angiò: 
- Negli anni 1269?70 troviamo due Castellani: Simon de Fontana e Guillelmus Marmorellis.
- Dal 1265 al 1271 il Castello risulta custodito da 35 servi. 
- Il Castello era anche prigione.
- Nel 1272 i servi sono 20. 
- Nel 1273 la Castellania è affidata a Giovanni di S.Stefano. 
- Il 1° gennaio del 1295 Re Carlo nomina Castellano di Rocca Sant'Agata il milite Guglielmo Lande;  sei giorni dopo il Re muore a Foggia.
- A Carlo I succede suo figlio Re Carlo II.

Nel 1294 il Castello è ancora regio e ne è Signore Goffredo de Jonville; nel 1296 Carlo II d'Angiò ordina alle Terre del fu Goffredo di obbedire a suo fratello Giovanni. 
Nel 1304 era Signora di Sant'Agata Filippa Belmonte. 
Nel 1396 nel Castello si svolse un avvenimento di particolare importanza. Il Vicerè vi convocò un parlamento per il bene pubblico al quale parteciparono tutti i baroni che avevano seguito la fazione angioina e, seguendo l'esempio di Napoli che aveva creato gi Otto del Buono Stato, furono eletti in quel parlamento sei deputati per il Buono Stato del Regno. 
Il 10 giugno del 1419 la Regina Giovanna II d'Angiò diede per la Castellania di Sant'Agata 100 ducati al grande Camerario del Regno di Sicilia Pandolfello Piscopo, quindi a quella data il Castello risulta essere ancora regio. 
Il territorio di Sant'Agata era stato infeudato agli Jonville, dai quali, non si sa come, passo' ad Andreis de Perretto, la cui vedova, contessa di Troia, lo trasmise a Francesco Orsini, che ella sposò in seconde nozze. 
Dopo la morte del re angioino Roberto, Carlo Artus era Conte di Sant'Agata. Dopo l'eccidio della Casa Artus la Contea passò a Bartolomeo Tomacelli. 
Il regno angioino durò 172 anni al quale seguì il regno aragonese. 
Sotto Alfonso d'Aragona il Castello è in potere della Casa Orsini che possedette l'alta Signoria di Sant'Agata per molti anni. 
Sopra una lapide che stava sul primo portone del castello si leggeva: "Iacabus de Ursinis dux Gravinàe, Campaniae abcomes A.D.MCCCCLXXIV."
Il   padre   di   detto   Giacomo,   il    Duca   Francesco   Orsini   eresse,   nel  1443   il        CONVENTO DELL'ANNUNZIATA (S.ANTONIO) per i  Frati  Minori  Francescani,  su  terreni e altri  locali  di  sua proprietà là dove vi era la CHIESA DELL'ANNUNZIATA che fu inserita  nel  complesso  conventuale e adattata alla nuova funzione cui fu destinata. Oggi il complesso francescano e' ancora attivo con i suoi frati. 
Con gli Orsini il Castello era ancora forte se un ispettore spagnolo stendeva questa preziosa relazione: "Sancta Agatha in Capitanata. Esta' situada en un altissimo monte con suos muros, un castillo fuerte en cima de la ciutad." Ed infatti nel 1557 il Castello è ancora coinvolto in azioni belliche, per volontà del Duca d'Alba, Vicerè di Napoli, il quale supponendo che un esercito potesse invadere il regno, ordina a D.Garcia di Toledo di fortificare, oltre Venosa ed Ariano, anche S.Agata. 
Con gli Orsini il Castello subì le prime modifiche divenendo residenza ducale, poi con i Loffredo perdette man mano le sue antiche strutture e divenne residenza marchesale. 
I Loffredo, "famiglia ricca di sangue, di antenati e di pubblici uffici", entrarono nelle pertinenze di Sant'Agata sin dal 1526 quando Cicco Loffredo, Marchese di Trevico e di altri territori, ebbe in enfiteusi il distrutto casale di S.Pietro in Olivola con tutto il territorio. Poi acquisirono anche il Casale di S.Maria d'Olivola. Così, con la loro politica di espansione, miravano a divenire Signori di Sant' Agata e vi riuscirono. Infatti nel 1576 D.Carlo Loffredo comprò dagli Orsini per 36.000 ducati  la Signoria di Sant'Agata. 
Questa famiglia si distinse per le opere pie e religiose, tra l'altro si adoperò per l'edificazione del CONVENTO DI S.CARLO dell'Ordine Francescano dei Riformati. Nel 1613 l'edificio era già compiuto. Nel Convento nell'anno 1664 fu istituito un lanificio per i Frati della Provincia e una scuola di filosofia e teologia. Fu abbattuto negli anni 60 per realizzare l'attuale campo sportivo. In questo luogo si svolgeva LA CAVALCATA DI SAN LORENZO. 
Dalla Cronaca dell'Agnelli si apprende che: "la mattina del 10 agosto, giorno devoto e solenne per S.Agata, tutta la gioventù che aveano i cavalli, ordinata e preceduta dal Sindaco si raccoglieva dietro S.Carlo, percio' quel luogo detto S.Lorenzo, ed abbinata movea al Convento. Là assistito alla messa e presentata da un mazzolin di fiori dal Guardiano dei frati, galoppava pel paese entrandovi per la Porta Nuova; e per la piazza conveniva al castello, in cui il Marchese, o un suo agente la riceveva lietamente e compliva. Con i Marchesi Loffredo è documentata presso il Castello una certa attività teatrale. Le rappresentazioni che si svolgevano nella grande sala nord un tempo destinata ai convegni signorili avvenivano varie volte durante l'anno. Era quasi rituale la sera del 10 agosto, giorno festivo di San Lorenzo, nel quale veniva molta gente dalle vicinanze. Gli attori erano del paese e tutti di sesso maschile che recitavano anche le parti femminili. Dopo il teatro signorile ne nacque nel 1840 un altro, più piccolo alla Piazza Vecchia con il contributo di 14 quattordici famiglie benestanti. 
Il marchesato Loffredo durò circa tre secoli fino alla metà dell'800. Tutta l'eredità passò al Marchese di Monteforte Francesco di S.Felice il quale sposò l'ultima erede Maria Luisa che morì nel 1853. 
L'amministrazione del Marchese passò nel palazzo De Caprio, e il Castello fino al 1840 fu abitato provvisoriamente da famiglie di passaggio. In seguito fu abbandonato.
Nel 1865 fu censito alla famiglia Del Buono. 
Nell'agosto dell'anno 2000, l'Amministrazione Comunale guidata dal Sindaco dott. Vito Nicola CRISTIANO, acquista per £.1.600.000.000 il Castello di Sant'Agata di Puglia, facendolo diventare bene culturale pubblico

 

Il Borgo medievale nasce e si sviluppa a partire dal primitivo nucleo abitato costituito dal Castello e dalla Piazza Chiancato. L'impianto urbano è stato costruito tenendo conto della orografia del monte, al quale è stato addossato. La prima cinta murata, longobardo-normanna, poi restaurata dagli Svevi e dagli Angioini, è stata eretta a protezione del Castello. Poggia su falde rocciose e racchiudeva il Castello per tre lati. Presenta due torri circolari e una quadrata. Il borgo medievale è stato edificato sul versante sud orientale del monte, delimitato tra le due dorsali laterali e fortificato da strutture murarie, spesso coincidenti con quelle abitazioni, intervallate da bastioni o torri. Man mano che il borgo si espandeva, a partire dalla vetta ove sorge il Castello, verso valle, le mura di cinta precedenti venivano superate ed edificate quelle nuove. A valle il borgo medievale ha avuto la sua espansione fino alle mura fortificate della Porta Nuova. 
Le prime porte furono:

  • Portella Sant'Angelo, verso la Campania
  • Porta Perillo, verso le Puglie
  • Porta Nuova

Sempre sulle dorsali laterali furono aperte:

  • Portella Sant'Andrea
  • Portella San Nicola
  • Portella La Salvia

Il borgo conserva un prezioso patrimonio scultoreo realizzato dai mastri scalpellini santagatesi, è il cosiddetto: "Parco Urbano delle Opere in Pietra

 
AGATONE: La figura di "Chèpe re Ahatòne (Capitano Agatone) vive tra storia e leggenda. Agatone, vissuto nella seconda metà del duecento, fu signore di Sant'Agata nella cui Rocca egli aveva preso la sua dimora. In quel tempo, il paese era un centro fiorente per l'agricoltura già avanzata, per l'artigianato e per i commerci del grano, dell'olio, della lana e del vino. La Signoria aveva tutti i caratteri del feudo.Agatone seppe concentrare nelle sue mani tanto dominio e tanta autorità, più che per investitura della suprema Autorità, per la sua prepotenza, per la sete di potere e per la proverbiale astuzia..... per quanto prepotente e ambizioso, fu tuttavia il capitano che diede effettivamente a Sant'Agata un potere straordinario, uno sviluppo sociale non indifferente e una supremazia su tutti i paesi della zona."Agatone, che aveva dato grande impulso all'agricoltura, efficiente sistema amministrativo e giudiziario, ed aveva messo ordine nelle contrade di suo comando e possesso, non fece una morte degna della sua grandezza.Documenti storici riferiscono che egli cadde per mano del suo barbiere che lo sgozzò con il rasoio mentre lo radeva. Il barbiere doveva convolare a giuste nozze con una bella ed avvenente pulzella santagatese, la quale, per effetto della legge che stabiliva, a favore del capitano Agatone, lo jus primae noctis (il diritto della prima notte), doveva immancabilmente cadere sotto le grinfie del Capitano. Il barbiere, approfittando della confidenza con il suo padrone, al quale egli faceva anche da cerusico, da dentista ecc. ecc. scongiurò Agatone di risparmiare la sua fidanzata, derogando alla regola. Agatone, che assaporava già il frutto acerbo e si leccava i baffi, (aveva baffi da vichingo), oppose un netto rifiuto. Il barbiere al colmo della disperazione, trovò la forza di tagliargli la gola e fuggire. Così morì Agatone, uomo ambizioso, violento, prepotente, capitano benemerito del quale i santagatesi, per secoli e fino ad oggi lo hanno ricordato e lo ricordano attraverso la tradizione orale.

 

Facebook Twitter Google+
Galleria Foto:
Video correlati:
News correlate:
Autorizzazione del Tribunale di Foggia n.20 del 20 settembre 2006
Direttore Responsabile Samantha Berardino



Quotidiano di Video Informazione on-line. Direttore Responsabile: Samantha Berardino
Reg.Trib. di Foggia n.20 del 20 settembre 2006. Tutti i diritti sono riservati.
Direzione e Redazione: Via G.Garibaldi, 44 - 71028 Sant'Agata di Puglia (FG) Tel. +39 0881 984319 - +39 368 7216910
La collaborazione a qualsiasi titolo deve intendersi gratuita.
Segnalazioni: Leonardo Capano redazione@santagatesinelmondo.it

Tutto il materiale presente in questo sito è strettamente riservato - è vietato l'utilizzo dei contenuti del sito senza l'autorizzazione dei gestori. Privacy Policy | Cookie Policy