Dall'Italia  Tue, 19 Jun 2018 15:21 Il salvataggio di tre gattini intrappolati nei tubi di scarico - Il salvataggio di tre gattini intrappolati nei tubi di scarico Bussolengo, provincia di Verona: il delicato intervento dei vigili del fuoco per mettere in sicurezza i cuccioli rimasti bloccati nelle tubature - Corriere TV    Tue, 19 Jun 2018 15:02 Ue, Salvini: "Con Orban lavoreremo per cambiare le regole" - Ue, Salvini: "Con Orban lavoreremo per cambiare le regole" Il ministro degli Interni a Fiumicino: "Farò di tutto per dare speranza nel loro paese ai disperati che muoiono nel Mar Mediterraneo" - LaPresse    Tue, 19 Jun 2018 14:26 Dodici persone isolate da una frana in Calabria, salvate dai vigili del fuoco - Dodici persone isolate da una frana in Calabria, salvate dai vigili del fuoco Le operazioni dei Vigili del Fuoco - Agenzia Vista/Alexander Jakhnagiev    Tue, 19 Jun 2018 12:23 Cannabis legale: è boom di coltivazioni e vendita - Cannabis legale: è boom di coltivazioni e vendita Alle porte di Milano un’azienda con 7mila metri quadri di terreno e 2mila piante - LaPresse    Tue, 19 Jun 2018 09:13 Nilde Iotti e quella pistola nel cassetto: la storia dell'arma che 70 anni fa sparò a Palmiro Togliatti - Nilde Iotti e quella pistola nel cassetto: la storia dell’arma che 70 anni fa sparò a Palmiro Togliatti Per la prima volta mostriamo l'arma che 70 anni fa sparò a Palmiro Togliatti, oggi custodita dalla Fondazione Berlinguer. La professoressa Marisa Malagoli Togliatti racconta l’attentato organizzato da Antonio Pallante - CorriereTV    Tue, 19 Jun 2018 03:15 Immigrazione, Conte: "Servono soluzioni Ue o finisce Schengen" - Immigrazione, Conte: "Servono soluzioni Ue o finisce Schengen" Lo ha detto il presidente del Consiglio Giuseppe Conte in conferenza stampa con la cancelliera tedesca Angela Merkel - Agenzia Vista/Alexander Jakhnagiev    Tue, 19 Jun 2018 00:06 Stadio Roma, Bonafede: «Lanzalone lo ha scelto la Raggi» - Stadio Roma, Bonafede: «Lanzalone lo ha scelto la Raggi» Il ministro della Giustizia ospite di Otto e mezzo su La7 - LaPresse    Mon, 18 Jun 2018 23:35 Immigrazione, Galliani si complimenta con Salvini: «Si sta comportando molto bene» - Immigrazione, Galliani si complimenta con Salvini: «Si sta comportando molto bene» Il senatore commenta le scelte del Ministro dell'Interno - Agenzia Vista/Alexander Jakhnagiev    Mon, 18 Jun 2018 23:34 Migranti, Merkel: «Serve dare solidarietà all'Italia» - Migranti, Merkel: «Serve dare solidarietà all'Italia» Il summit in Germania - Agenzia Vista/Alexander Jakhnagiev    Mon, 18 Jun 2018 23:32 Di Maio: «Contento delle parole della Merkel sul reddito di inclusione» - Di Maio: «Contento delle parole della Merkel sul reddito di inclusione» Il vicepremier ha parlato in conferenza stampa al Mise - LaPresse    Mon, 18 Jun 2018 23:21 Migranti, Gentiloni: «Un Paese che usa linguaggio offensivo è un Paese in cerca di guai» - Migranti, Gentiloni: «Un Paese che usa linguaggio offensivo è un Paese in cerca di guai» L'ex premier al convegno: «La diplomazia culturale» - LaPresse    Mon, 18 Jun 2018 22:58 Censimento rom, Mentana mostra la schedatura della razza ebraica: «In Italia 80 anni fa cominciammo così» - Censimento rom, Mentana mostra la schedatura della razza ebraica: «In Italia 80 anni fa cominciammo così» «80 anni fa cominciammo così» - LaPresse    Mon, 18 Jun 2018 22:49 Salvini annuncia censimento dei rom: «Quelli italiani ce li dobbiamo tenere» - Salvini annuncia censimento dei rom: «Quelli italiani ce li dobbiamo tenere» Così il ministro dell'Interno durante un'intervista - LaPresse    Mon, 18 Jun 2018 22:45 Gentiloni: «Con linguaggio aggressivo Paese cerca guai» - Gentiloni: «Con linguaggio aggressivo Paese cerca guai» L'ex premier alla presentazione del libro di Rutelli - Agenzia Vista/Alexander Jakhnagiev    Mon, 18 Jun 2018 22:44 Migranti, Gentiloni: «Bisogna usare parole degne di un paese come l'Italia» - Migranti, Gentiloni: «Bisogna usare parole degne di un paese come l'Italia» L'ex premier alla presentazione del libro di Rutelli - Agenzia Vista/Alexander Jakhnagiev    
Cultura, arte e musica
Antonio Bergantino Pittore
Antonio Bergantino Pittore
Antonio Bergantino Pittore

Antonio Bergantino

(Sant’Agata di Puglia1917- Roma 2015)

Nacque a Sant’Agata di Puglia nel 1917. Dopo aver conseguito la licenza di scuola elementare, per imparare un mestiere frequentò la bottega di fabbro del cognato, marito della sorella Peppina. Passò poi alla bottega di Montrone, ma poiché non percepiva alcun compenso economico, per necessità scelse di fare il muratore a giornata.

Nel 1936, dietro incoraggiamento di Giuseppe Fredella,  partecipò, contro la volontà della madre, ad un concorso  di arruolamento volontario nell’esercito. Ebbe l’avviso di presentarsi il 25 novembre del 1937al III Reggimento Genio di Pavia. Qui frequentò un corso di due anni facendo parte della “I Compagnia di allievi volontari specializzati”.

Superato il corso, fu inquadrato come sergente. Dopo tre mesi ebbe la licenza  per andare a Sant’Agata ed era felice di poter riabbracciare la madre, rimasta vedova nel 1937 (il padre mai recuperò la salute compromessa dalla partecipazione alla I Guerra mondiale). Passò a salutare la sorella Franceschina, novizia nell’Istituto S. Marta di Chiavari (si chiamerà suor Giuliana) ma non poté proseguire il viaggio per Sant’Agata:  il I settembre 1939  scoppiò la II Guerra mondiale, furono sospese le licenze, e lui dovette rientrare alla base. Il 19 settembre fu assegnato alla 24 compagnia Artieri del Genio Autonomi appartenente alla III Compagnia del Corpo d’armata addetta a effettuare lavori di collegamento telefonico  e strade nei punti strategici delle retrovie vicine al confine.

 Durante le prime operazioni di guerra la sua compagnia si spinse fino a Tolone,  oltre la frontiera francese. Dopo qualche giorno parte di quella Compagnia rientrò in Italia per essere destinata all’Africa Settentrionale (Libia). Antonio rientrò a Pavia e passò in forza alla VI Compagnia Idrici destinata alla Libia. Il 5 settembre  1940 con la sua truppa partì da Napoli, il 9 sbarcò a Bengasi (Cirenaica). L’indomani  la compagnia proseguì il viaggio verso Bardia. Per curare la manutenzione di alcuni pozzi d’acqua necessaria per il rifornimento alle truppe, fu incaricato dal comandante di rimanere a Bardia con 10 soldati. Una zona particolarmente a rischio perché i nemici miravano a distruggere i pozzi per far mancare l’acqua.  Un giorno un sottufficiale della Compagnia Genio Lavoratori gli comunicò di avere tra i suoi soldati un Bergantino: era suo fratello. Si riabbracciarono con grande commozione e il sottufficiale permise al fratello di andare a far rifornimento di acqua ogni volta che era necessario, per consentire di incontrarsi. Ma gli inglesi nel novembre del 1940 scatenarono una grande offensiva mettendo in crisi le truppe italiane che furono costrette ad arrendersi per fame, il 4 gennaio 1941, non avendo scorte di cibo né di medicinali. Vi erano molti feriti e mancava un luogo di cura.Fatti tutti prigionieri dagli inglesi, a piedi gli italiani raggiunsero “Massa Matruk”. La sete ed i pidocchi tormentavano tutti. Il giorno successivo tramite barconi i prigionieri furono portati ad Alessandria d’Egitto e di qui, con un treno merci, alla città del Cairo, successivamente nella città di Heluwan, verso il canale di Suez. Intanto arrivarono forze italo-tedesche a contrastare le operazioni degli inglesi. Tutti i prigionieri furono portati nei campi di concentramento di Pretoria e Johannesburg in Africa meridionale, nell’area delle miniere del Transvaal. Le condizioni igieniche molto precarie scatenarono una malattia infettiva detta “mebba”. Ne fu colpito un santagatese di cognome Malamisura che morì.

Nel giugno del 1942 i prigionieri furono trasferiti a in Inghilterra nel campo di concentramento di Aschford poco distante da Londra. Ad Antonio fu affidato l’incarico di mantenere l’ordine e la disciplina di un gruppo di prigionieri, in cui era anche suo fratello. In qualità di capo-prigionieri ebbe molta considerazione dagli inglesi. Un colonnello inglese che prese a stimarlo un giorno gli chiese di seguirlo  nel suo  ufficio. Qui Antonio notò la fotografia di una bella ragazza, la figlia del colonnello.  La riprodusse a carboncino e la riproduzione riuscì tanto bene da stupire il colonnello, che volle condurlo con sé a casa per presentarlo alla moglie ed alla  figlia.

Intanto la guerra  volgeva drammaticamente per l’Italia. Con l’armistizio dell’8 settembre 1943 si apriva per gli italiani  un triste capitolo di storia. Finalmente il 25 aprile del 1945 si dichiarò la fine della guerra e dopo qualche mese iniziò il rimpatrio dei prigionieri. Antonio rientrò in Italia nel 1947.

Dal 1950 al 1970 prestò servizio presso la Scuola Genio Pionieri Cecchignola e in seguito presso l’ispettorato dell’Arma del Genio.  Ebbe la qualifica  di  “Aiutante” riservata al grado di Maresciallo maggiore e nel febbraio del 1973 l’onorificenza di cavaliere della Repubblica in merito al servizio. Fu collocato a riposo  il 23 febbraio 1979, a 62 anni.

Finalmente libero dal servizio, si dedicò a tempo pieno alla pitturala sua grande passione. Ha dipinto e disegnato numerosi quadri a tempera, a carboncino, a olio, a pastello e grafica.  

Antonio Bergantino lascia segni profondi nella cultura artistica e nella storia del suo paese, ove ogni anno veniva a trascorrere le vacanze e di cui ha descritto con straordinaria sensibilità artistica chiese, palazzi, portali, scene di vita campestre, luoghi, strade, persone. Immagini vive e di straordinaria intensità descrittiva che recuperano memorie, tradizioni, affetti, che “documentano” e raccontano, che suggeriscono suggestioni e palesano l’amore costante dell’artista e dell’uomo per il paese che gli ha dato i natali.

(Da A. Bergantino, La mia vita)

Dora Donofrio Del Vecchio

 

Facebook Twitter Google+
Galleria Foto:
Video correlati:
Autorizzazione del Tribunale di Foggia n.20 del 20 settembre 2006
Direttore Responsabile Samantha Berardino



Quotidiano di Video Informazione on-line. Direttore Responsabile: Samantha Berardino
Reg.Trib. di Foggia n.20 del 20 settembre 2006. Tutti i diritti sono riservati.
Direzione e Redazione: Via G.Garibaldi, 44 - 71028 Sant'Agata di Puglia (FG) Tel. +39 0881 984319 - +39 368 7216910
La collaborazione a qualsiasi titolo deve intendersi gratuita.
Segnalazioni: Leonardo Capano redazione@santagatesinelmondo.it

Tutto il materiale presente in questo sito è strettamente riservato - è vietato l'utilizzo dei contenuti del sito senza l'autorizzazione dei gestori. Privacy Policy | Cookie Policy